dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.

Home > Cafè > Confermato Nausicaa a Ottobre! > Naviga nei messaggi Giovedì, 25 Feb 2021 03:03

Confermato Nausicaa a Ottobre!

Tutti i messaggi su Confermato Nausicaa a Ottobre!...


NAUSICAA DELLA VALLE DEL VENTO
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Arkangel

Posted: 02.06.2016 @ 19:52
Secondo me,il più bel film del Maestro Miyazaki😃❤
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


video
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: coach

Posted: 02.06.2016 @ 19:40
Scusate, sapete dove si può trovare qualche comparison di Nausicaa? per vedere se è veramente questo disastro, sul sito Lucky Red ci sono dei caps ma non si capisce se provengano dal BD o no...
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Le critiche ai nuovi doppiaggi dei film Ghibli
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: xwait

Posted: 15.10.2015 @ 19:10
Tranquillo, non sei il solo al quale i doppiaggi Lucky Red dei film Ghibli piacciono :-)

Quello che piu' importa e' che si tratta di doppiaggi che rispettano l'originale (i gusti personali di ognuno contano poco, dato che sono spesso derivanti dall'abitudine).

Probabilmente chi si lamenta e' cosi' abituato a doppiaggi da "un tanto al chilo" che si stranisce nel sentire doppiaggi curati che nulla aggiungono/tolgono all'originale (nel senso che, al piu', dovrebbero lamentarsi coi dialoghi originali di Miyazaki, Takahata e gli altri registi dello Studio Ghibli).

Per fortuna che questi lamentosi sono pochi (benche' convinti di rappresentare una ipotetica maggioranza!). Un film di 30 anni fa come Nausicaa ha staccato in sala +32.000 biglietti in 3 giorni e il recente Si alza il vento addirittura quasi 115.000 in 4 giorni.

Com'era? Haters gonna hate! ;-)
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Perché i ridoppiaggi dei film non sono benvoluti?
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Slask

Posted: 29.09.2015 @ 14:33
@Teo teo continui imperterrito a farne una questione di principio, e prendi in considerazione fattori del tutto ininfluenti.

Il fatto che un direttore di doppiaggio si senta intimorito dal dover ridoppiare un'opera con un doppiaggio storico non implica assolutamente niente, anzi semmai attiene principalmente alle interpretazioni vocali e a come queste sono dirette (che sicuramente in passato era un elemento di qualità costante). Ma il doppiaggio non è solo quello, qui si sta parlando soprattutto di traduzione e adattamento.
La "spocchiosa superiorità" di cui parli è una semplicissima pretesa da parte di chi, come me, desidererebbe vedere determinati anime o lungometraggi animati trasposti correttamente nella nostra lingua. La tua arringa poi prende le difese di un settore come quello dell'animazione giapponese che è proprio quello che è stato più di tutti martoriato dalla censura e dai doppiaggi fatti letteralmente a c***o di cane... perdona il francesismo.
Quindi veramente non capisco perchè tutto questo integralismo nel voler difendere i doppiaggi storici, se non per un semplice valore affettivo che stai tentando di spacciare per un motivo ben più solenne. Sono tanti i casi in cui un ridoppiaggio è utile, fortunatamente alla base non ci sono sempre e solo motivi economici.
L'unica cosa su cui realmente posso venirti incontro è sul fatto che per rispetto nei confronti dei fan si potrebbe includere "anche" la vecchia traccia audio nei prodotti home-video. Ma questo è veramente l'unico compromesso logico, rifiutare invece a priori qualsiasi ridoppiaggio, soprattutto in opere che lo necessitano, non ha senso.

"Ripeto, chissa che errori di traduzione troveremmo in Dogville di Lars Von Trier (quello con la Kidman, la Bacall e altri americani), oppure nei film di Kim Ki Duk come Ferro 3, o in Lanterne rosse di Yimou... Eppure NESSUNO richiede a gran voce un ridoppiaggio!!!!!"

Sai questo perchè? Perchè alla maggior parte della gente frega ben poco. Questi discorsi li facciamo noi appassionati, che ci documentiamo e sappiamo che magari dietro certi doppiaggi possono esserci errori o magagne, ma il pubblico generalista, che guarda i film tanto per, non ne sa niente e non ne vuole sapere niente. Basta che si guarda il film in italiano, qualunque sia la qualità del doppiaggio.
Questo non vuol dire mica che siccome non lo chiede nessuno allora certi doppiaggi fatti male vadano lasciati così come sono.
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Opinioni 4
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Slask

Posted: 29.09.2015 @ 14:23
@Maurizio accetto le risposte quando sono chiare e precise, invece da un post all'altro mi pare che tu perda sempre dei pezzi di ciò che scrivo...

Non considero da poco l'assenza di extra, è sicuramente un punto in meno, ma per me che non sto in Giappone acquistare un bd originale costerebbe decisamente di più rispetto a te che puoi comprarli in sede. Inoltre io appunto ci tengo ad avere anche i (nuovi) doppiaggi italiani, quindi mi vanno più che bene le edizioni lucky red.

"da dove lo si riversa e da come lo si fa"... e in che modo questo avrebbe minato la qualità di questi blu-ray italiani? Ho seguito la diatriba tra i fan e la Lucky Red sui riversamenti dei primi film Ghibli, e dopo che hanno ascoltato le critiche ora le specifiche tecniche dei dischi presentano caratteristiche di tutto rispetto.

Poi continui a pensare che io voglia imporre l'acquisto di queste edizioni agli altri, quando semplicemente ho dimostrato i motivi per cui "sarebbe consigliabile" preferirli a obsolete versioni dvd con adattamenti storpiati.
Infine le ho capite benissimo le tue ragioni, inutile che insinui il contrario, sarà concesso anche a me di non condividerle no??
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Giappone e Varie :)
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: coach

Posted: 28.09.2015 @ 14:09
>>Per non parlare del finale di Matrix col senso cambiato...

Sarebbe a dire?
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Re: Giappone e Varie :)
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Chuck Norris

Posted: 28.09.2015 @ 09:52
Teo Teo, con tutto il rispetto...
capisco il tuo amore sviscerato per i vecchi doppiaggi/adattamenti, ma se in "Mazinga Z contro il Generale Nero" chiami per tutto il film Mazinga Z "Grande Mazinga"... e tante altre chicche del genere tipo "Cervello CondoL" NON è un problema di montaggio postumo!!!
per non parlare di linee di dialogo inventate di sana pianta tipo "colpisci Mazinga col multispack!" al posto di "dai a Mazinga il colpo di grazia"...

poi per carità, uno può anche preferire questo tipo di adattamento "arricchito" (questo fantomatico multispack è molto più figo di un banale colpo di grazia)... del resto nelle commedie anni 70-80 era prassi comune...

ad esempio, vi siete mai chiesti perchè Eddie Murphy in "Una Poltrona per due" quando trova la ragazza nuda nel letto e le dice "se mi dai una botta con quelle tette mi ammazzi!" ha la faccia visibilmente arrabbiata? semplice, in originale dice semplicemente "vattene!".

Per non parlare del finale di Matrix col senso cambiato...
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Un aiutino personale
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Teo teo

Posted: 27.09.2015 @ 21:08
Posso chiedervi un aiuto personale?

Ho rivisto il finale di Daitarn 3 sia col doppiaggio storico che con quello nuovo, e non riesco a cogliere tutte le differenze...

Non è che potreste aiutarmi a capire cosa lasciano intendere il doppiaggio storico e, se possibile, i dialoghi originali (meglio ancora del nuovo doppiaggio)?

Grazie, ho gia cercato in internet ma ho trovato anche le ipotesi dei fan... Che non fanno altro che confondermi!!!
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Re: Perche i ridoppiaggi film non sono benvoluti?
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Teo teo

Posted: 27.09.2015 @ 20:13
Sono abbonato a Ciak da tanto tempo, sapevo che la polemica all'interno del settore film è quella doppiaggio si/doppiaggio no, pero sinceramente almeno qui sembrano tutti più sinceri, rispetto alle guerre dei doppiaggi/ridoppiaggi degli anime giapponesi.

Certo che però se si volesse fare cosi, i sottotitoli sono d'obbligo, anche perché, se è vero che la maggior parte dei film visibili sono in inglese/americano, come la mettiamo con i film di Kurosawa o Kim Ki Duk oppure Zhang Yimou oppure di Lars Von Trier...
O con i film francesi (Quasi amici, Il favoloso mondo di Amelie)... Insomma, i sottotitoli sono d'obbligo, ma non si rischia, per chi non sa la lingua originaria del film, di perdersi l'immedesimazione perché intento a seguire i dialoghi coi sottotitoli?

Chissà quanti dialoghi non fedeli ci saranno nei film di Kurosawa, quelli che ho citato prima!
Forza Cannarsi o Colpi, ridoppiateli!!!!

Tornando agli anime giapponesi, di cui ci si lamenta che i doppiaggi italiani sono difformi dall'originale anche nelle intonazioni...

Ho riguardato l'intervista che hanno fatto quelli dell'enciclopedia del doppiaggio nel 2013 a Maria Pia Di Meo, e che potete trovare su youtube.
Li la Di Meo ricorda che per il suo lavoro di doppiatrice nel film Come eravamo, la Streisand (che conosce bene l'italiano tanto da comprenderlo senza traduttori e lo parlotta anche benino) l'ha lodata per il suo lavoro, perché ha saputo dare al personaggio delle sfumature che lei stessa non aveva saputo dare, e le ha regalato una sciarpa pregiata.
Ora, o la Di Meo è una sparapalle, oppure si ricorda male, oppure... La Streisand s'é ammattita del tutto.

Per chi invoca la fedeltà estrema nei doppiaggi, il fatto che una doppiatrice abbia travisato l'opera originale aggiungendoci del suo, fosse anche nell'interpretazione e non nei dialoghi, è un reato gravissimo, perché in qualche modo ha alterato l'originale.

Ora, perché, come già ricordato, nei film si riconosce il lavoro del doppiaggio nostrano, tanto che una come la Streisand ha lodato una doppiatrice italiana, mentre nei cartoni animati giapponesi... tutto è da ridoppiare perché poco fedele, in diverse misure???

Di per sé non sono contrario al ridoppiaggio, ma NON ho mai sentito NESSUN direttore del doppiaggio che, alla proposta di ridoppiare un cartone del passato, parla con deferenza dei doppiatori e del doppiaggio storico, e si sente intimorito nel suo lavoro per non sfigurare con il lavoro precedente...

Mi pare che sia sempre una spocchiosa superiorità in chi grida "ridoppiamo ridoppiamo".

Si, alla fine son convinto che si tratti ancora di soldi o diritti o di presunta superiorità intellettuale, insomma, aria fritta...

Ripeto, chissà che errori di traduzione troveremmo in Dogville di Lars Von Trier (quello con la Kidman, la Bacall e atri americani ), oppure nei film di Kim Ki Duk come Ferro 3, o in Lanterne rosse di Yimou... eppure NESSUNO richiede a gran voce un ridoppiaggio!!!

Gli stessi film di Kurosawa (che ricordiamo essere forse IL piu grande regista giapponese esistito finora, e che faceva film quando Miyazaki ancora non aveva disegnato Maghetta Sally) potrebbero essere pieni zeppi di errori, eppure anche qui silenzio assoluto...
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Perché i ridoppiaggi dei film non sono benvoluti?
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Maurizio

Posted: 27.09.2015 @ 07:57
Ti dirò Teo teo, su questo argomento si sono spesi fiumi di parole e di inchiostro ma dubito che qualcuno saprebbe darti una risposta vera.
Gli errori ci sono eccome nei film in altre lingue... ti faccio solo l'esempio de "I pinguini di Mr. Popper", film del 2011 quindi modernissimo, dove il padre di Jim Carrey viene chiamato con il nome in codice "Aquila Pelata"... invece del più ovvio "Aquila Calva" volatile simbolo degli Stati Uniti.
A volte però un doppiatore attento o un supervisore scrupoloso può correggere errori voluti da altri per malriposto zelo come nel caso di Harry Potter: nella prima traduzione letteraria, fra le altre cose, la casa di Hogwarts Corvonero fu tradotta in Pecora Nera perchè si temeva che la figura del corvo inquietasse i giovanissimi lettori a cui si riteneva il libro fosse diretto. Con l'uscita dei film e l'inserimento di immagini disegnate dei libri, sarebbe stato difficile mantenere la cosa e così nelle edizioni successiva si corresse.
Si aggiunga poi che molti ridoppiaggi cinematografici sono eseguiti non tanto per ripristinare l'aderenza all'originale ma semplicemente per concedere agli appassionati del settore una traccia audio che non sfiguri nei moderni sistemi... cosa accaduta a Incontri Ravvicinati, Lo Squalo, Robin Hood (di Kevin Costner) e via dicendo.
Quindi perchè per le produzioni in altre lingue non si mobilita nessuno inneggiando alla purezza dell'originale?
Un po' per una ragione che hai osservato tu stesso... molti capiscono l'inglese o comunque lo masticano tanto che altro tema di acceso scontro è proprio il fatto che i puristi su questo versante pretenderebbero il solo ascolto in originale e che i doppiaggi fossero aboliti completamente... diciamo un ulteriore passo avanti sulla via dell'adattamento estremo di Cannarsi... la purezza estrema dell'ascolto in originale :)
Ovvio che sono il primo ad ammettere che l'ascolto in originale dia spesso emozioni diverse... ma non si può certo pretendere che tutti conoscano tutte le lingue.
Il fatto però che la battaglia si sia spostata su questo piano, rende molto meno feroce e attiva quella per l'aderenza all'originale del doppiaggio. In questi casi siamo più sul "Doppiaggio si" vs "Doppiaggio no" ed occorre battersi perchè (in base a quanto detto nel mio precedente post) vengano conservati anche i doppiaggi storici dalla furia cancellatrice dei soliti infervorati.
Sul mondo anime/manga ovviamente non ci si può spingere fino a questi estremi perchè il giapponese è decisamente più ostico dell'inglese e meno comune quindi anche il partito dei sottotitoli (se non della pura visione in originale) è meno ampio seppure tutt'altro che inesistente.
A questo devi aggiungere un fenomeno di "appartenenza ad una comunità" elitaria. Qui entriamo però nel campo delle tante parole spese per analizzare il fenomeno e quindi si può parlare per sole congetture con il risultato che ogni spiegazione lascia il tempo che trova. Ergersi a paladini della purezza del testo rende i propugnatori degli eroi di un'elite che unica comprende fino in fondo il valore della cosa e quindi in qualche modo li fa sentire speciali e da questo ne consegue anche l'aggressività e la chiusura mentale sulle opinioni altrui che spessissimo si trova quando ci si confronta con queste persone.
In realtà poi ciò che motiva le alte sfere sono motivi molto meno nobili: con l'arrivo sul mercato di Granata Press e il suo annuncio, dopo un po' di tempo, di voler entrare anche nel mercato dell'Home Video, si scatenò la cosiddetta guerra per l'acquisizione dei doppiaggi: chi deteneva i diritti e spesso anche le uniche bobine in cui fossero conservati più o meno decentemente, era fermamente deciso a guadagnarci mentre le case editrici volevano investirci il meno possibile visto che avevano già speso per i diritti video (Colpi arrivò addirittura, nella sua ultima edizione di Goldrake, ad acquistare la traccia originale senza BGM ed infatti i primi dvd ne sono sprovvisti... ). Il braccio di ferro si trasformò in muro contro muro ed alla fine gli editori decisero per il ridoppiaggio che risultava molto meno costoso ingigantendo al contempo e pompando ad arte l'accento sui difetti che sovvertivano il parlato fino a rendere incomprensibili le trame per giustificare se stessi sull'assenza dei doppiaggi storici.
Ovviamente degli errori c'erano e sicuramente a volte sviavano i meno attenti come nel caso dei tre nomi di Koji esaltato dall'arrivo in Italia in ordine invertito delle rispettive serie in cui il personaggio appariva ma a meno di casi eclatanti (il finale di Daitarn III o i già citati film di montaggio) non erano nulla di così terribile.
Discorso un po' diverso va invece fatto per i doppiaggi Mediaset (ma ormai diversi anni dopo) dove i tagli e gli adattamenti furono eseguiti con veri intenti censori e peggio di riduzione del minutaggio per l'inserimento degli spot pubblicitari.
Quindi concludendo... forse si, il discorso è anche che gli anime fanno attualmente moda e quindi il fervore che accompagna ogni fase della loro lavorazione nostrana accende gli animi per un nonnulla ma credimi, ci sono scontri accesi anche sui doppiaggi dei film americani... semplicemente l'accento è su un altro punto e cioè lo Yes or Not
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Perché i ridoppiaggi dei film non sono benvoluti?
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Teo teo

Posted: 26.09.2015 @ 21:31
Io non ho mai capito una cosa...

Per gli anime o cartoni animati giapponesi che dir si voglia, che siano le serie tv o i film come questi di Miyazaki, ci sono direttori del doppiaggio come Colpi e Cannarsi, così come pure fan/appassionati, che inneggiano chi più chi meno al ridoppiaggio totale di tutto ciò che è arrivato in italia, e la morale è sempre quella... La fedeltà all'opera originale.

Eppure quasi tutti i ridoppiaggi dei film (perlomeno degli ultimi 30 anni, non dico quei film doppiati negli anni 40/50) godono di un feroce attacco quasi unanime...
E non mi dite che errori non ci sono, perché sono in inglese e quindi è facile tradurli senza errori in italiano, l'esempio di Guerre Stellari è lampante...
Chissà che errori troveremmo a fare i pignoli in Balla coi lupi o nello Squalo o nei Predatori dell'arca perduta o ET o Incontri ravvicinati del terzo tipo e taaaaanti altri...

Perché ridoppiare a spada tratta opere giapponesi ma i film di altra lingua no, e quasi nessuno si sogna di farlo (e se una casa lo fa, i fan la massacrano)?

Chissà che errori troveremmo in Rashomon, Kagemusha, Dersu Uzala o altri... Eppure NESSUNO si sogna di ridoppiarli...

Hanno ridoppiato I sette samurai perché molte scene nella prima edizione italiana erano state tagliate anche all'uscita in sala, MA NEI DVD ci sono comunque entrambi i doppiaggi (oddio, non so in quale edizione).

Eppure questa cosa dei ridoppiaggi viene fatta pesare solo per i cartoni giapponesi e per nient'altro!!!

Solo perché sono di moda???
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Opinioni 4
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Maurizio

Posted: 26.09.2015 @ 18:42
Slask, prima fai le domande e poi non accetti la risposta?
Ti stavo rispondendo sul perchè preferisco gli originali: Per me la qualità è importante e se l'originale mi da di più compro l'originale!
Ma scusa... dici di essere un collezionista e consideri da poco per un BR l'essere poverissimo di extra con tutto lo spazio che ha a disposizione? :)
Opinione personale, per me è grave!
Poi sulla "qualità perfetta", questione di gusti. La qualità non dipende solo da su cosa si riversa ma anche da dove lo si riversa e da come lo si fa... ma essendo anche tu un collezionista lo sai molto bene e non hai bisogno che te lo dica io ;)
Se poi ci aggiungi tutti i gadgets da collezione che accompagnano la gran parte delle edizioni nipponiche (cartoline firmate, libretti con storyboard e via dicendo)... ecco che non c'è proprio confronto per un collezionista come me che ama il mondo Anime e Manga in tutti i suoi aspetti artistici.
Ovviamente parlo per me poi ognuno ragiona con la propria testa e ha priorità diverse.
Ribadisco poi il concetto per l'ennesima e ultima volta: per me i BR della Lucky Red potrebbero costare anche 1 euro ma non avendo la qualità che richiedo nell'unico reparto che mi interessa in un BR italiano che è appunto il doppiaggio italiano, per me sarebbe un euro sprecato!
Come tu hai le tue convinzioni e per quanto le ritenga opinabili le accetto (mai una volta ti ho detto di comprare altro invece delle edizioni Lucky Red anzi ti ho più volte ripetuto che con i tuoi soldi sei liberissimo di fare ciò che vuoi come duopo in qualunque paese democratico) sarebbe il caso che anche tu imparassi ad accettare quelle altrui anche se non riesci, evidentemente, a capirle :)
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Re: Opinioni 3
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: coach

Posted: 26.09.2015 @ 18:35
Ho letto oggi sulla pagina facebook dello Studio Ghibli le loro giustificazioni, dicono che all'estero i BD da 50 gb vengono occupati per le tracce audio e gli extra in HD (che poi sarebbero solo le versioni upscalate degli SD), mentre in italia avendo solo due tracce ed extra a bassa risoluzione bastano solo 25 gb, il comparto video non viene intaccato... se è tutto veritiero non dobbiamo lamentarci più di tanto (imho)
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Re: Opinioni 3
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Slask

Posted: 26.09.2015 @ 18:00
@Maurizio: Non ti ho ripetuto la stessa domanda veramente... vabè, facciamo finta che sia io quello che fraintende, così la finiamo qui.

Che blu-ray esteri siano superiori alle edizioni italiane non c'è bisogno che me lo dica tu, sono un collezionista da anni e so bene quanto il nostro mercato dell'home-video sia desolante, a voler essere generosi. Ma come dicevo, non stavo confrontando i blu-ray Lucky Red con quelli stranieri.
Comunque, giusto per curiosità, i Ghibli giapponesi cos'hanno in più rispetto ai bd nostrani? Questi ultimi sicuramente sono un po' scarsini come extra, però offrono una qualità video perfetta (specialmente da quando hanno cominciato a riversare i film su dischi doppio strato 50gb) e tutto ad un prezzo, se acquisti dal web, che può oscillare tra i 9 e gli 11 €.
Lì in Giappone quanto lo paghi, in euro, un blu-ray Ghibli? Magari li paghi anche poco, ma se la metti come una questione di costi, 9 € per un blu-ray come La Città Incantata mi sembra un prezzo onestissimo per un prodotto eccellente, non certo una roba che "non sa di nulla".

Non è una questione generazionale, non con me, perchè anche a me è capitato spesso da piccolo di vedere film e anime nelle maniere più scrause. Semplicemente, ora che abbiamo i mezzi giusti, non ho più intenzione di godermi queste opere con compromessi, spendo soldi per vederli nella migliore maniera possibile. E intendo sotto tutti i punti di vista, non solo dell'immagine.
Per me vedere i film Ghibli con i doppiaggi "creativi" di alcuni anni fa, è stata un'evidente limitazione, ora che sono saltate fuori tutte le magagne di cui erano strapieni. Quindi, sempre per me, i blu-ray Lucky Red sono la migliore opzione per chi vuole vedere queste pellicole in lingua italiana.
Sottolineo il per me, così ritorniamo al fatto che ognuno la vede a modo suo e giudica secondo i propri canoni ciò che è meglio.
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


Equilibrio
Argomento: Confermato Nausicaa a Ottobre!

By: Joe Zeta

Posted: 25.09.2015 @ 17:09
Cannarsi (secondo me) parte da un approccio che, alla luce di quello che vuole ottenere come risultato finale, è più uno sforzo vano che un pregio. Anche in buona fede sia chiaro.

Quando siamo di fronte alla ritraduzione di un'opera straniera (che si tratti di doppiaggio, sottotitoli, opera letteraria o altro) già questo è una modifica del prodotto iniziale; lo scopo ultimo è quello di riprodurne i contenuti nella sostanza e nella forma più aderenti possibile all'originale.
Non va però ignorato che il prodotto viene 'adattato' proprio affinché possa essere 'fruito' nella giusta maniera dalla platea di destinazione che si trova di fatto dalla parte opposta della barriera linguistica.

In questo senso, come già detto da molti, l'ostinazione nel formulare costrutti lessicali che possono sì essere aderenti alla struttura grammaticale originale ma che ne rendono meno orecchiabile la percezione allo spettatore non è di completo giovamento nel godere dell'opera nella sua globalità.
Il modo di interloquire giapponese (in particolar modo per le forme onorifiche piuttosto che nella gestualità o specificametne alle varie epoche storiche) può risultare in determinate circostanze di complessa o quasi impossibile ritraduzione ed è qui che un bravo direttore del doppiaggio deve lavorare sull'adattamento: prendendo atto dei limiti insiti nella lingua e nella cultura di destinazione, cercare il modo migliore di riprodurre all'interno del dialogo il significato originale del contesto e di ciò che si voleva dire/trasmettere.
E non c'è nemmeno bisogno di scomodare il giapponese in questo caso, la stessa cosa si può presentare se ad essere ritradotta dev'essere una filastrocca per bambini in rima da una qualunque lingua stranier, tanto per citare un caso.
Ecco, prendendo a prestito questo banale esempio, quello sul quale Cannarsi secondo me eccede è nel cercare la più possibile aderenza al significato lessicale della filastrocca originale perdendo di vista la rima che ne deve comunque risultare.

Non critico il fatto che di base sia un approccio sbagliato ma è l'eccesso di questa metodologia a risultare effettivamente fuori corda e finisce nello spezzare quella sospensione d'incredulità che una buona visione dovrebbe regalare.
Un esempio lampante ce l'ha ad esempio il ridoppiaggio di Laputa: Gravipietra (doppiaggio BV) contro Aeropietra (doppiaggio LR).
Ora, capirete che la differenza in termini di significato fra le due parole è veramente minima ma che la seconda delle due risulta certamente meno fluida da pronunciare per l'attore che orecchiabile da ascoltare per lo spettatore.
C'era quindi l'assoluta necessità di doverla ritradurre quando si era già ottenuto un risultato perfettamente equivalente in termini di significato già col primo doppiaggio?
Secondo me no, anzi si è andati a peggiorare.

Un approccio un po' differente avviene ad esempio nei manga dove una completa traduzione/adattamento della vignetta non sarebbe comunque sufficiente allo scopo (in particolare accade con i manga storici di stampo feudale); vuoi perché lo spazio a disposizione nella vignetta è quello che è (e lato cinematografico la sua corrispondenza è la durata del labiale per dire) vuoi perché sarebbe inutile affogare la stessa di informazioni che snaturano la fluidita delle battute.
In tal caso l'editore propone delle note a piè di pagina (se il significato della frase o della parola è descrivibile in breve) oppure un glossario a fondo volume (già più scomodo).
In questo modo si riesce comunque a riportare l'opera nella sua interezza mantenendo però una leggibilità che non mina la godibilità complessiva del prodotto.

Questo senza nulla togliere al fatto che è pure un male (anche peggiore) se l'asticella pende dalla parte opposta con doppiaggi all'acqua di rose che snaturano il significato originale del contesto e delle frasi.

Come dicevo, ci vuole equilibrio secondo me.
Gruppo: Buio in Sala - Jump to: [Indice Discussione] | [Tutti i messaggi su...] | [News]


65 messaggi totali  1   2   3   4   5  5 pagine totali



© 1999-2021 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy