dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.

Home > Cafè > DVDZone > Indice Messaggi > Re: E no! Giovedì, 2 Feb 2023 11:06

DVDZone

Il cuore del DVDWeb's Cafe ti aspetta! L'avventura del DVD continua... Opinioni, commenti, critiche e battibecchi sulle uscite in digitale di ieri, oggi e domani.


Inizia una nuova discussione su
Uno Stallone (non) da Formula 1
Tutti i messaggi su
Uno Stallone (non) da Formula 1
Discuti di un nuovo argomento
in DVDZone

Re: E no!
Argomento: Uno Stallone (non) da Formula 1

By: aleabr

Posted: 10.07.2013 @ 11:27
Oh Madonna, non credevo di dover essere coinvolto sull'argomento anche qui ma vedo che si parla del mio pane quotidiano pure su DVD Web.

Premessa rapida: cresciuto in mezzo ad auto più o meno da corsa, fin da piccolo sono stato educato a suon di GP (non solo di F1 per fortuna), ho scritto articoli come free-lance per una rivista in rete e stilato pagine di storia 'a ruote scoperte', come si usa chiamarle nell'ambiente.

Quando uscì Driven, di cui sentivo parlare da anni non solo guardando i GP in TV, andai a vederlo con una certa euforia. Uscito dalla sala... mi resi conto della 'pantomima' di questa pellicola di cui avevo già conosciuto le premesse.

Urge un minimo di storia e diversificazione altrimenti si fa la classica cappellata di sempre sul mondo delle corse.

Ha scritto molto bene lo Z, Formula CART, perché di CART si trattava e non di Formula Indy. Sono 2 cose ben diverse e distinte.

Veniamo al dunque:
1902: nasce il Campionato Americano di Auto da Corsa (lo AAA), l'attuale Formula Indy o Indycar
1906: si corre il primo GrandPrix, è la nascita 'ufficiosa' della F1, o Campionato Europeo per Auto da Corsa
1946: nasce la Formula 1 ufficialmente
1950: parte il primo Campionato del Mondo di Formula 1
1956: lo AAA cambia nome in USAC (United States Auto Club)
1979: Dan Gurney crea un 3° Campionato del mondo di auto da Corsa parallelo a quello americano e quello europeo/mondiale, la Formula CART (Championschip Auto Racing Team), prendendo le qualità migliore della F.INDY e della F1: libertà telaio/motore e visibilità mondiale.
1983: la F.INDY si riduce ad una sola gara, la 500 miglia di Indianapolis, valida anche per il campionato F.CART
1996: la F.INDY ricomincia ad avere un calendario con più gare e strappa la 500 miglia alla F.CART, dai giornalisti e la gente comune denomina erroneamente questo evento 'scissione'
2007: la F.CART dopo 29 anni di grandiose corse cessa di esistere e molte delle scuderie emigrano in F.INDY.
2008: si torna ad avere solo due Campionati di massima serie a ruote scoperte come fino al 1978

Fatta questa scaletta, Stallone aveva fin dalla morte di Senna intenzione di girare una pellicola sulla Formula 1. Amico di Jean Alesi, si impegnò nel progetto fino a quando, con una sceneggiatura in mano, Ecclestone (il Patron della F1), gli chiuse la porta in faccia. Nella sceneggiatura si parlava di droga o robe simili ed al Boss britannico non piaceva che nella sua F1, seppur nella fiction, si parlasse di certe argomentazioni.

Stallone allora 'ripiegò' sulla F.CART, la F.INDY era ancora troppo in ombra per attrarre l'attenzione dei media, e la gente vedeva nella CART il vero Campionato Americano. Oltretutto nella seconda metà degli anni '90 la CART viveva un momento di gloria eccelso e negli ascolti in genere aveva stracciato persino la F1. In quel periodo la CART vedeva i successi mondiali di Alessandro Zanardi che nel 1998 aveva incassato ben 2 titoli (gli ultimi dai tempi di Ascari in F1).

La sceneggiatura ruotava attorno a 3 figure: il pupillo nuovo nella scuderia emergente, ispirato a Jacques Villeneuve, fresco dei titoli di F.INDY e di F.CART vinti nel 1995 approdato alla Williams (Reynolds è su una sedia a rotelle come Krank Williams); il campione in carica esperto di origine tedesca ispirato allo Schumacher in Benetton, ed il vecchio driver navigato che per poco avrebbe vinto in passato ma per un non ben chiaro motivo si ritirò addirittura dalle corse, ispirato ad un mistone fra Michele Alboreto/Jean Alesi/Riccardo Patrese. Fra i comprimari da corsa un po' tutti i piloti dell'epoca in attività: Cristian Fittipaldi, Max Papis, il futuro campione del mondo Montoja, il futuro campione del mondo Kanaan ed un pilota ideato su Roberto Moreno: Memo.

Fra le altre vere star compaiono: Jean Alesi, Mario Andretti ed altri che non ricordo.

La trama ricalcava il periodo che la F1 passava proprio nel 1996 quando Schumacher, una volta lasciata la Benetton, era emigrato da Campione del Mondo in Ferrari e si sarebbe dovuto scontrare con Jacques Villeneuve in Williams accanto a Damon Hill.

La figura di Stallone richiamava anche personaggi come Mario Andretti, richiamato in Ferrari nel 1982 a sostituire Gilles Villeneuve o Eddie Cheveer che spesso si è alternato fra F1, F.CART e F.INDY.

La pellicola e sopratutto l'invasività della Computer Animation sono improponibili, ma se non altro, seppur di striscio, fanno respirare agli appassionati un po' di odore da pista.

Driven non ha aiutato la CART a migliorare la propria immagine nel mondo, l'ha peggiorata notevolmente, con mia spiacevole conferma.

Oggi rimpiango la CART in maniera decisa ma purtroppo nessuno ha voglia di rimetterla in piedi, come Dan Gurney ebbe il coraggio di fare nel 1979.

Sperando di non essere stato troppo lungo credo di aver dato un quadro chiaro della pellicola e soprattutto dei mondi che le girano attorno da più di un secolo.
Gruppo: DVDZone - Jump to: |[Tutti i messaggi su...] | [News]

Indice della discussione su Uno Stallone (non) da Formula 1
  E no! by metaljack, 09.07.2013 @ 18:41
Re: E no! by aleabr, 10.07.2013 @ 11:27
  Re: Re: E no! by Davide Z, 10.07.2013 @ 12:22
  Brooooooooommmm by aleabr, 11.07.2013 @ 09:00
[Espandi Thread]

NOTA - Il filtro Out of Policy che nasconde automaticamente i messaggi non in linea con la policy del Cafè è attivo. Puoi disattivarlo e visualizzare tutti i messaggi, compresi quelli indesiderati (evidenziati in rosso), cliccando qui.


© 1999-2023 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy