dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.

posted: 06.10.2020 @ 15:27

Penny Video e le altre: la ripartenza!

Nuova intervista a Simone Starace

Davide Z reporting...

Penny Video e le altre: la ripartenza!

Parte 3: Segnali dal futuro
 
Un progetto molto interessante che ancora non è stato rivelato pubblicamente – lo facciamo adesso – è quello di cooperazione con altre realtà europee. Di cosa si tratta?


 In occasione di Non contate su di noi avevamo già sperimentato con ottimi risultati la collaborazione con un altro editore europeo, l'austriaco Cineploit. In quel caso noi avevamo messo a disposizione diritti internazionali, materiali restaurati e bonus, dividendo poi a metà i costi vivi di produzione (authoring e duplicazione). In pratica, l'idea è quella di produrre un solo disco con audio e/o sottotitoli in più lingue, in modo che possa essere agilmente commercializzato nei vari mercati europei, cambiando e localizzando soltanto il packaging esterno. In questo modo si possono dividere fra più editori i costi di realizzazione del supporto Blu-ray, che tutto sommato sono ancora relativamente pesanti, specie per titoli di catalogo o di nicchia. In fondo è una strategia commerciale molto simile a quella che adottavano già vent'anni fa majors come Warner o Sony, quando per minimizzare i costi producevano DVD con doppiaggi e sottotitoli in più lingue.



 Visto il successo del primo esperimento, abbiamo valutato con Forgotten Film la possibilità di co-editare insieme Per te nuda mi vendo l'anima, contribuendo concretamente anche alla ricerca dei materiali necessari per finalizzare il restauro. Nelle stesse settimane è giunto a maturazione un progetto precedente che avevamo discusso con Klubb Super8, che in collaborazione con lo Svenska Filminstitutet stava preparando una serie di Blu-ray dedicati al cinema cult svedese degli anni '70 (in particolare il decamerotico Le pecorelle del reverendo e la serie The Language of Love). A quel punto mi è venuto spontaneo mettere in contatto fra di loro i nostri due co-editori e a questo primo nucleo si sono poi aggiunti ulteriori partner per i mercati di lingua inglese (Mondo Macabro), francese (Extralucid) e finlandese (Night Visions). Insomma, per farla breve si è creata una brigata di editori indipendenti che, grazie a questo network europeo, hanno trovato una formula per pubblicare in Blu-ray dei titoli di nicchia, minimizzando i rischi economici che solitamente affliggono questo tipo di recuperi. Sinceramente, considerando le incognite del futuro, questa mi sembra la soluzione ideale per mettere in sicurezza attività editoriali come la nostra, che si rivolgeranno sempre più a un pubblico selezionato ed estremamente esigente. Per i collezionisti italiani, inoltre, questo significherà che saranno finalmente disponibili sul nostro mercato edizioni identiche in tutto e per tutto a quelle straniere, senza master di seconda scelta o extra che si perdono per strada. Noi stessi, d'altra parte, intendiamo approfittare di questa logica per dare il massimo risalto internazionale ai prossimi film italiani su cui andremo a lavorare.


 
Puoi fornirci qualche dettaglio in più sulle edizioni dei cult svedesi?

 The Language of Love è una serie di fine anni '60 appartenente al filone dei cosiddetti film “sessuologici”, che mescolando finzione e documentario si proponevano di fornire al pubblico i primi rudimenti di quella che oggi chiameremmo educazione sessuale. Naturalmente, in molti casi l'intento pedagogico nascondeva precisi calcoli commerciali, per cui il confine fra divulgazione scientifica e pornografia diventava piuttosto labile, affidato semmai al buon gusto del regista. Devo dire però che, almeno per me, rivedere oggi questi film è un'esperienza decisamente straniante: di erotico è rimasto ben poco, mentre si resta spesso disturbati dalla franchezza e dalla modernità con cui vengono affrontate tematiche ancora oggi incandescenti (per dirne una, la sessualità delle persone disabili). Benché qui in Italia questo genere di film fosse all'epoca straordinariamente popolare, la serie di The Language of Love non ha mai trovato una distribuzione nostrana, quindi noi proporremo in Blu-ray i primi due capitoli in versione originale, all'interno di un cofanetto che abbiamo voluto battezzare Amore alla svedese, anche in omaggio al Jacques Baratier di Amore alla francese. Come bonus, ci saranno materiali d'epoca e interviste retrospettive, più alcune versioni alternative pensate per i mercati di lingua inglese.

 Come uscita singola, sempre in Blu-ray, proporremo anche Le pecorelle del reverendo, che è invece un divertissement più leggero, una commedia maliziosa con qualche tocco soprannaturale. La trama è di impronta boccaccesca, ma la confezione è molto raffinata, sia per quanto riguarda la fotografia in Techniscope che per il sontuoso cast femminile (Magali Noël, Margit Carlqvist). Il film a suo tempo ebbe una certa fortuna anche sugli schermi italiani, ma purtroppo il doppiaggio d'epoca risulta perduto, per cui proporremo solo la versione in lingua originale con sottotitoli, accompagnata da un backstage d'epoca.



 
Il titolo atteso in queste settimane è Tiro al piccione di Montaldo, che ci riporta infine al cinema italiano. Puoi darci qualche indicazione sui tempi di uscita effettivi e sull'edizione?

 Come anticipavo, Tiro al piccione è il progetto che ha accusato di più i ritardi legati al lockdown. Il restauro realizzato da Cineteca Nazionale e Cinecittà era pronto in realtà già dall'anno scorso, quando è stato presentato alla Mostra di Venezia, così come pure la lunga intervista a Giuliano Montaldo che ha realizzato per noi Alberto Crespi. Il problema principale è che per mettere insieme queste edizioni DVD/BD noi dipendiamo da svariati fornitori italiani ed esteri, per cui strada facendo si sono accumulati una serie di piccoli ritardi legati alle rispettive realtà produttive. Stiamo lavorando in ogni caso per recuperare il tempo perduto e confidiamo di arrivare nei negozi prima di Natale. La dilatazione dei tempi ci ha permesso in ogni caso di concentrarci con maggiore serenità su alcuni aspetti e, in particolare, siamo felici di essere riusciti a intavolare un dialogo con la Fondazione Ansaldo, che ci ha consentito di includere nel cofanetto anche il mediometraggio Genova. Ritratto di una città, che è una sorta di opera seconda di Montaldo. Se aggiungiamo una ricchissima galleria fotografica e un booklet di 16 pagine, possiamo dire insomma di avere un bel pacchetto di extra, come non se ne vedono spesso in Italia. Nel complesso, sono convinto che si tratta dell'edizione più preziosa che abbiamo realizzato finora e, a giudicare dalle prenotazioni, credo proprio che sarà anche uno dei nostri bestseller.

Sommario...
 . Introduzione
 . Parte 1: Come eravamo
 . Parte 2: On the Road Again
 . Parte 3: Segnali dal futuro




A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Penny Video e le altre: la ripartenza!

Libera il tuo istinto di reporter!
Scrivi tu il primo messaggio!
Entra nel Cafè




Newsletter

Unisciti alla nostra newsletter

GRATIS PER TE le news sempre aggiornate, le nostre offerte speciali e gli omaggi esclusivi!





Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali




DVDb

Db New Db Update
Già Usciti In Uscita


Top 10





© 1999-2020 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy