dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.

posted: 28.05.2010 @ 14:06

Toy Story 3: senti chi parla!

Affollamento di talent per il doppiaggio del prossimo Pixar

Davide Z reporting...

 Come penso sia ormai chiaro a tutti, da queste parti si prova per la Pixar un sentimento prossimo alla venerazione: anni e anni di capolavori ci hanno abituati al fatto che lì in America si lavora per fare un buon prodotto e renderci contenti.

 Purtroppo però dobbiamo anche abituarci all’idea che invece in Italia ci sono brillanti menti ben pagate per rovinare il buono in nome di logiche francamente poco comprensibili.

 Cosa si sono inventati stavolta i geni della distribuzione nostrana? Molto semplice, in occasione dell’uscita di Toy Story 3 (nelle nostre sale dal 7 luglio) hanno messo insieme quella che probabilmente è, se non la più alta, una delle maggiori concentrazioni di “talent” di sempre.

 Nota per i non addetti: i “talent” sono doppiatori non professionisti pescati fra attori o gente di spettacolo più o meno famosa.

 Avete presente DJ Francesco in Robots? Ecco, quello è un “talent”…

 Ma veniamo al nocciolo della questione e scioriniamo questi fantastici nomi con i relativi personaggi:

 Nel caso vi steste chiedendo chi sia Giorgio Savoia è un genitore scelto attraverso un concorso, praticamente uno sconosciuto, della serie “ormai il doppiaggio lo può fare chiunque”.

 Non sono invece da considerare propriamente "talent" Riccardo Garrone (l’orso Lotso) Massimo Dapporto (Buzz Lightyear) e Fabrizio Frizzi (Woody) o perché hanno già avuto precedenti e cospicue esperienze di doppiaggio o perché sono riconferme.

 Ora, naturalmente questi sono ruoli minori e i "talent" in fondo ci sono sempre stati nei cartoni animati, ma stavolta davvero la sensazione è che la situazione sia sfuggita di mano. E c’è da augurarsi che il direttore di doppiaggio faccia un miracolo riuscendo a far raggiungere a Faletti o Scotti livelli superiori a quelli delle loro esperienze attoriali più celebri (da Cemento Armato alle varie fiction del caso).

 Però io vorrei pubblicamente rivolgere una domanda agli autori di questa bella pensata:

  • Sapete dirci quanto realmente incide la presenza di un "talent" in termini di incasso? Quanto cioè la rinuncia a un doppiatore professionista per uno improvvisato sia necessaria per un film come Toy Story 3 che, in quanto sequel di una serie di successo, ha già una fetta consolidata di fans che non hanno bisogno di essere “attirati” in sala?

 Non so voi, ma personalmente mi sarei anche stancando di andare in sala incrociando le dita e sperando che la voce “funzioni”…

 Trailer di Toy Story 3 senza "talent" (ascoltatelo e tenetelo a mente per i confronti).




A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Toy Story 3: senti chi parla!

Inizia una nuova discussione!Tutti i 29 messaggiEntra nel Cafè


Re: Re: Talent un corno
[Toy Story 3: senti chi parla!]

By: coach

Posted: 03.06.2010 @ 09:26
Buondì... la mia era solo una constatazione, ovviamente in lingua originale il muletto doveva parlare italiano, ma in italiano come giustificare questa 'diversità'? Facile, dandogli un dialetto tipico... Per quanto riguarda Marco della Noce, non mi è mai piaciuto dai tempi del Drive-In.

Tutto qui

Re: Talent un corno
[Toy Story 3: senti chi parla!]

By: fraper

Posted: 03.06.2010 @ 09:13
'Giorno coach, sai, sinceramente il problema del "bolognese" me lo pongo pochissimo... Il mio lettore è settato "all'origine" sulla lingua originale ;-)
E visto quello che mi hai detto del "bolognese", direi che rimarrà così a vita!!! Hehehehe

Re: Talent un corno
[Toy Story 3: senti chi parla!]

By: Blast

Posted: 01.06.2010 @ 12:19
Bravo Coach!
Come avremmo commentato 4 anni fa la scelta di un comico (scarso) di Zelig per il doppiaggio di Cars? probabilmente le stesse cose ed invece... era perfetto!!!
Raramente la Disney e/o la Pixar sbagliano un doppiaggio... e questi sono onestamente 10 spanne superiori a quelli delle altre major, quindi si meritano quantomeno il beneficio del dubbio.
Di scelte sbagliate (per non dire in alcuni casi aberranti) fatte da altri ne potrei citare decine (tra parentesi la voce originale): DJ Francesco in Robots (Ewan McGregor), Fabio Volo in Kung Fu Panda (Jack Black), Ale e Franz in Madagascar (Ben Stiller e Chris Rock), Fiorello in Garfield (Bill Murray), Ilaria d'Amico in Eragon (Rachel Weisz) e il prossimo Pupo in Sansone (Owen Wilson).
Della Disney direi che di veramente sbagliato c'è stato solo l'Omar Sharif nel primo Cronache di Narnia e forse proprio Frizzi in Toy Story (comunque non se l'è cavata malissimo)... per il resto pensate a Formica in Monsters & Co., al fantasmagorico Renato Zero di Nightmare Before Christmas, al terzetto Giannini-Foà-Marcorè di UP (il miglior doppiaggio degli ultimi 10 anni come minimo), Adalberto Maria Merli e Laura Morante degli Incredibili (con la chicca Amanda Lear)...

Che si siano rincoglioniti tutto di un tratto???



Newsletter

Unisciti alla nostra newsletter

GRATIS PER TE le news sempre aggiornate, le nostre offerte speciali e gli omaggi esclusivi!





Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali




DVDb

Db New Db Update
Già Usciti In Uscita


Top 10





© 1999-2020 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy