dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.

Spedizione gratuita! Scopri come!

posted: 25.02.2019 @ 16:38

Oscar 2019: Previsioni, polemiche e premi!

Tutte le statuette della notte delle stelle

Davide Z reporting...

 Tra i due litiganti, come da proverbio, il terzo gode: gli occhi erano infatti puntati su Bohemian Rhapsody e Black Panther, che si contendevano la palma dell' “Oscar che può piacere anche al pubblico”, ma a spuntarla a sorpresa è stato invece Green Book, l'unico film effettivamente in grado di unire gli opposti (in sala sta andando molto bene e anche a noi è piaciuto parecchio ;)

 La storia dell'amicizia agli antipodi fra il rozzo italo-americano Tony Villalonga e il raffinato musicista black Don Shirley nell'America del Sud degli anni Sessanta è infatti sia un titolo “tradizionale” che popolare, sia una classica “formula da Oscar” che una pellicola piena di raffinatezze e umanità, sia un “film d'attori” che un'opera che non ti aspetteresti dall'un tempo pecoreccio Peter Farrelly!

Oscar 2019: Previsioni, polemiche e premi!


 Spiace che una fetta della torta non sia finita in mano anche a Viggo Mortensen, che ci ha regalato un Tony memorabile nella sua infinita gamma di risorse, ma – e qui le previsioni sono state rispettate in pieno – era impossibile battere la “macchina da guerra” Bohemian Rhapsody: Biopic (ovvero genere prediletto per gli Oscar agli attori) + icona (Freddy Mercury) + sindrome da “premiamo la scoperta” (Rami Malek) + Incassi stratosferici per il film + Protesi (dal naso di Nicole Kidman ai denti di cavallo di Malek) = vittoria blindata!

 Meno bene che lo stesso film si sia portato a casa gli altri Oscar più tecnici, perché di fronte a Il primo uomo, tutto costruito sul suono e su una resa pazzesca degli effetti audio, il biopic musicale fa la figura del piccolo film che in fondo è (ma diciamo che il premio “sonoro” era l'unico modo per rendere un qualsivoglia e laterale omaggio alla leggenda dei Queen e alla loro musica). Noi siamo comunque contenti che a presentare la pellicola siano stati i redivivi Mike Myers e Dana Carvey, Fusi di testa per sempre! :-)



 Altrettanto prevedibile era la logica di “spartizione” che ha comodamente parcheggiato Roma nel girone del Film Straniero, lasciando libera la casella principale. E in questo modo, gli attenti equilibri dell'Academy, sono riusciti a non darla vinta a Netflix fino in fondo, giusto per placare le polemiche fra il cinema e in sala e quello in streaming (fermo restando che il bellissimo film di Alfonso Cuarón, per fortuna, un'uscita almeno tecnica su grande schermo da noi l'ha avuta lo stesso).

 Resta un po' a bocca asciutta il grande favorito... La favorita (nomen omen!), che però si porta a casa il premio più bello, quello all'attrice Olivia Colman, che ci ha anche regalato il discorso di ringraziamento più sbarazzino e felice, in una cerimonia per il resto particolarmente noiosa e impostata.

 Già, non è questione di mancanza del presentatore, anche perché il fulmineo numero iniziale con Tina Fey, Maya Rudolph e Amy Poehler, insieme all'esibizione dei Queen hanno portato a casa il risultato. No, il punto è che nella gestione attentissima degli equilibri e nel rispetto delle minoranze (mai vista tanta varietà etnica sul palco), la cerimonia non ha avuto momenti davvero memorabili o esplosioni di particolare vitalità. Due le eccezioni: Melissa McCarthy che presenta i costumi “farcita” di coniglietti di pezza e l'abbraccio “acrobatico” del grandissimo Spike Lee all'amico Samuel L. Jackson!



 La vittoria di Lee è uno dei due premi che ci piacciono di più. L'altro è quello al miglior film di animazione, andato a Spider-Man: Un nuovo universo. Adoriamo questa statuetta per almeno tre motivi:
  • Il film è un capolavoro
  • Finalmente non ha vinto la Disney
  • Il film è un capolavoro
  • Ho scritto che il film è un capolavoro? :-)
 E aggiungerei che sebbene Black Panther abbia comunque fatto la storia (prima volta che un cinecomic Marvel vince ben tre premi), è Spider-Man ad aprire nuove e esaltanti possibilità per i supereroi sullo schermo, riparando anche all'ingiusta mancata nomination di LEGO Batman di qualche anno fa ;)

 Quindi P come Previsioni, come Polemiche e come Premi, cosa manca? La Politica: tanta quest'anno, evocata nelle gag, nei ringraziamenti e nelle figure stesse degli ospiti... perché il premio popolare può anche essere impegnato. Però in questo senso un presentatore un po' “guastatore” come poteva essere il Billy Crystal dei tempi d'oro, avrebbe allora giovato, per rendere più fluido il discorso e per sdrammatizzare un po'. Anche perché è l'ironia il vero grimaldello del cinema americano contemporaneo: Green Book è diretto da un autore di commedie (Peter Farrelly), Vice da un comico (Adam McKay), Blackkklansman è prodotto da un altro comico (Jordan Peele) e tanto umorismo corrosivo c'è anche ne La favorita. Forse è proprio questo elemento che manca a Black Panther e Bohemian Rhapsody (e anche a Roma per esser sinceri) e perciò ha impedito loro di ambire al gradino più alto del podio.

 Infine una nota musicale con A Star Is Born, perché il premio a Lady Gaga vale quanto una vittoria completa e perché l'esibizione di “Shallow” con Bradley Cooper è stata per molti l'highlight assoluto della serata:



 Tutti i premi, divisi per film:
 
Green Book (3)
  • Miglior Film
  • Migliore Sceneggiatura Originale
  • Miglior Attore Non Protagonista (Mahershala Ali)
 
Bohemian Rhapsody (4)
  • Miglior Attore Protagonista (Rami Malek)
  • Miglior Montaggio
  • Miglior Suono
  • Miglior Montaggio Sonoro
 
Black Panther (3)
  • Migliore Scenografia
  • Migliore Colonna Sonora
  • Migliori Costumi
 
Roma (3)
  • Migliore Regia
  • Miglior Film Straniero
  • Migliore Fotografia
 
BlacKkKlansman (1)
  • Migliore Sceneggiatura Non Originale
 
La favorita (1)  
Il primo uomo (1)
  • Migliori Effetti Speciali Visivi
 
Se la strada potesse parlare (1)  
Spider-Man: Un nuovo universo (1)
  • Miglior Film d'Animazione
 
A Star Is Born (1)
  • Migliore Canzone ("Shallow")
 
Vice – L'uomo nell'ombra (1)
  • Miglior Trucco
 
Altri
  • Bao: Miglior Cortometraggio Animato
  • Free Solo: Miglior Documentario
  • Period. End of Sentence.: Miglior Cortometraggio Documentario
  • Skin: Miglior Cortometraggio





A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Oscar 2019: Previsioni, polemiche e premi!

Libera il tuo istinto di reporter!
Scrivi tu il primo messaggio!
Entra nel Cafè




PROMO in primo piano

Le migliori Serie Tv Disney a un prezzo incredibile!

Scopri subito i 4 titoli in offerta a partire da €9.99!


Newsletter

Unisciti alla nostra newsletter

GRATIS PER TE le news sempre aggiornate, le nostre offerte speciali e gli omaggi esclusivi!





Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali




DVDb

Db New Db Update
Già Usciti In Uscita


Top 10





© 1999-2019 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy