dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.
L'Era Glaciale 5. In Dvd e Blu-Ray da Dicembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it L'Era Glaciale 5! In Dvd e Blu-Ray da Dicembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it

Spedizione gratuita! Scopri come!



. Kirk Douglas 100! (9/12)
. Your Name di Makoto Shinkai al cinema! (7/12)
. Star Trek Roddenberry Vault nel dettaglio! (6/12)
. Quattro chiacchiere con... Opium Visions! (5/12)
. The Witch: l'Ombra della Strega! (2/12)
. Paradise Beach: Natale con gli squali! (1/12)
. Blu-Ray di Zombi: non è finita... (30/11)
. Lo Star Trek inedito e la serie animata! (29/11)
. Mad Max come non lo abbiamo mai visto! (16/11)
. L'Anello chiude il cerchio: tutto Tolkien in cofanetto! (15/11)



Iscriviti a DVDLog!

GRATIS tutte le notizie dal mondo del DVD!



 Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali

posted: 12.08.2014 @ 17:45

Addio Capitano, mio Capitano!

Ricordo di Robin Williams


Davide Z reporting...

 Alla fine degli anni Settanta, Robin Williams è un apprezzato comico "stand-up", di quelli cioè che recitano i loro monologhi in piedi, in un tripudio di giochi di parole e satira. Sono gli anni in cui una nuova generazione di attori si sta facendo largo in America, e Williams è in compagnia di gente come Christopher Reeve, cui rimarrà legato fino alla fine dei suoi giorni:

Addio Capitano, mio Capitano!


 Ma sono anni tutt'altro che felici: il nostro Robin infatti è anche una persona che rischia di "bruciare" la sua esistenza in una vita di eccessi, caratterizzata da una feroce dipendenza dalla cocaina.

 Si racconta perciò che fu la triste fine dell'amico John Belushi ad aprirgli gli occhi e a spingerlo a disintossicarsi. Chi è sopravvissuto alla morte spesso vive il resto dei suoi giorni come se fossero in prestito, quasi come se avesse a disposizione un "tempo extra", oltre che una vita da reinventare.



 Il successo intanto era già arrivato, grazie alla serie televisiva Mork & Mindy (qui sotto), nata come spin-off di Happy Days (foto sopra).



 A questo punto della sua vita, Robin è dunque a un bivio: rinato dal punto di vista umano e appagato dal punto di vista professionale, rischia però di essere nulla più che una rivelazione da palco teatrale o da piccolo schermo. In effetti, se andiamo a scorrere la sua filmografia cinematografica (che inizia già dal 1977) notiamo che il primo decennio di attività sul grande schermo è in secondo piano.

 Chi intuisce prima di altri le sue geniali capacità mimiche è il grande Robert Altman che lo vuole per il ruolo di Braccio di Ferro. Il film è ancora oggi uno di quei titoli che dividono il pubblico (la Disney non lo ha nemmeno distribuito in DVD in Italia...), ma in Popeye il nostro Robin è assolutamente per-fet-to e riesce a far letteralmente vivere il personaggio di Segar, senza rinunciare a quella gestualità nervosa che sarà poi un suo marchio di fabbrica!



 (il bellissimo manifesto italiano è del maestro Bruno Napoli, potete vedere il bozzetto originale sul Boschington Post)

 Lentamente, l'industria inizia ad accorgersi di lui: nel 1984, infatti, arriva anche una nomination al Golden Globe per la sua parte in Mosca a New York.

 Tre anni dopo il trionfo, con il pirotecnico disk jockey Adrian Cronauer di Good Morning Vietnam, diretto dall'ottimo Barry Levinson.



 Il film rivela al mondo la doppia natura di Williams: da un lato carattere incontenibile, macchina di battute a raffica letteralmente impossibile da tenere a freno, come più volte dimostrerà sia al cinema che nelle sue apparizioni televisive (memorabili quelle al David Letterman Show).

 Ma dall'altro anche animo inquieto, umbratile, malinconico, che riesce a far sfumare la risata nell'amaro groppo in gola, esattamente come avviene in questa commedia che trasfigura nel divertimento di superficie la violenza e i traumi americani della guerra in Vietnam: una risata non ci seppellirà, forse ci aiuterà, ma non è detto che ci salvi o, addirittura, ci assolva.

 Per il ruolo Williams ottiene la sua prima nomination all'Oscar (e ovviamente l'Academy lo farà aspettare parecchio prima di premiarlo).

 La fine degli anni Ottanta e l'inizio dei Novanta rappresentano gli anni dei classici indimenticabili, in cui il nostro lavora con maestri come Peter Weir (L'attimo fuggente), Terry Gilliam (La leggenda del re pescatore, ma anche Le avventure del Barone di Munchausen) e Steven Spielberg (Hook).



 Nei casi migliori, torna quella miscela di vitalità scatenata e malinconia di fondo, evidente nel lirico finale de L'attimo fuggente, che ha (giustamente) segnato un'intera generazione:



 Prendiamo anche un film come Mrs. Doubtfire, del bravo Chris Columbus: un'innocua commediola con un attore alle prese con il classico ruolo en travesti? Possiamo anche vederla così, ma se consideriamo come al fondo ci sia il desiderio di un padre di stare vicino a quei figli che la società (e la propria immaturità) gli strappa letteralmente dalle mani, ecco che emerge il versante umano e fragile caro all'attore.



 Il 1995 può essere considerato l'anno che chiude il periodo d'oro, grazie alla performance, lodatissima, del Genio di Aladdin: dopo essere stato Peter Pan per Spielberg, ora Robin diventa un cartone animato, segno di quanto la sua figura istrionica sia penetrata nell'immaginario, ma anche qui infila una pennellata delle sue, quando il personaggio ottiene la libertà nel finale. E non a caso l'immagine del Genio e di Aladino che si abbracciano è una delle più postate in queste ore nella Rete per salutarlo:



 Con la fine del decennio arriva finalmente l'Oscar per un ruolo che è un po' una sintesi del percorso sin qui compiuto: Williams è ancora insegnante per il "genio ribelle" Matt Damon in Will Hunting.



 La carriera prosegue quindi fra ruoli che sembrano più sfacciatamente cuciti addosso alla sua personalità (L'uomo bicentenario, Patch Adams e Jack, che grazie a Francis Ford Coppola si eleva dal mucchio) e una nuova, strana tensione più "seria", che rivela un talento multiforme.

 In particolare sono da riscoprire il commesso paranoico di One Hour Photo o il cattivo di Insomnia, così come la commedia satirica L'uomo dell'anno, non la più riuscita della sua carriera, ma piena di spunti interessanti, con un comico che vince le elezioni e diventa Presidente (sembra quasi una storia italiana...).



 Sebbene non manchino ruoli divertenti (come il Roosevelt di Una notte al museo e i doppiaggi di vari cartoon), a vederla retrospettivamente, questa fase sembra più attenta a far emergere il lato malinconico e problematico dell'uomo Williams.

 Come scrivevo in apertura, infatti, chi sopravvive alla morte sa di vivere un "tempo in più", e a volte decide di restituirlo. A noi non resta che ricordare quello che è stato durante questo "tempo in più", e nel caso di Robin Williams è stato qualcosa di bello, di profondo e di ricco, come testimonia la sua filmografia così attenta a lavorare sulle sfumature, mentre l'energia e le parole sembravano far pensare "solo" a un grande talento comico.






A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Addio Capitano, mio Capitano!

Inizia una nuova discussione!Tutti i 12 messaggiEntra nel Cafè


Re: Re: robin williams
[Addio Capitano, mio Capitano!]

By: Vinilosaurus

Posted: 30.08.2014 @ 16:38
Si vi chiedo scusa ho can nato il titolo ..... Sto invecchiando... Vecchio vinile rigato

al di là dei sogni
[Addio Capitano, mio Capitano!]

By: leletto80

Posted: 24.08.2014 @ 18:56
Film considerato minore,non particolarmente apprezzato da pubblico e critica. Io, tuttavia, l'ho trovato poetico ed angosciante allo stesso tempo (memorabile la passeggiata sulle teste nell'altrove...). Lo regalai a mia madre parecchi anni fa per il suo compleanno. Anche a lei piacque molto....

Re: robin williams
[Addio Capitano, mio Capitano!]

By: Anubis

Posted: 24.08.2014 @ 13:01
GRAZIE VINILOSAURUS per avere ricordato un capolavoro assoluto, in parte dimenticato?, con Robin Williams!
AL DI LA' DEI SOGNI! (era questo a cui ti riferivi, vero?)
Il ricordo di quel film è così profondo e forte che.... mi hai fatto tornare la voglia irrefrenabile di guardalo!!!!
SALUTO TUTTI!
Anu


© 1999-2016 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy