dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.



..."Cannibal Holocaust (DVD)"

1 - Risposta per Buck.. 08.05.2004 17:14
(Scusa il ritardo con cui ti rispondo, ma prima non avevo notato il tuo intervento).
No, assolutamente. Solo, come ho detto, non ho il dono dell'ubiquità e, per restare nei limiti dell'umano, neppure quello di una connessione internet illimitata. Purtroppo, il tempo è tempo, ed i soldi son soldi...
Inoltre, la mia osservazione è dovuta anche al caso specifico: non credo proprio che gli interventi incentrati su beghe personali vi piacciano più di tanto.
Cmq, grazie dell'intervento, se ce la farò magari tornerò su altri argomenti. Ciao!
[Stirner]
2 - Vinilosaurus... 05.05.2004 18:23
Il tuo problema, amico mio (si fa per dire) è che qualsiasi cosa uno ti risponda la giri arbitrariamente in modo da avere ragione tu: per un motivo o per l'altro quelle degli altri sono sempre 'scusette' (senza, ovviamente, saperle dimostrare come tali...), le tue sono sempre 'profonde argomentazioni'. Prima, mi accusi di essere uno che non ha argomenti; poi, improvvisamente mi accusi di essere una specie di propagandista degli 'avversari'. A proposito di coerenza, mi pare che le due cose non stiano molto bene insieme! Ma il punto centrale è un altro: se tu insisti nel considerare chi esprime un'opinione diversa dalla tua un ipocrita, un bugiardo che sotto sotto cova chissà cosa, o in alternativa uno stupido che dice solo 'cosette', perchè questi dovrebbe comportarsi meglio con te? Io ripago con la stessa moneta: se tu fai il falso con me, io faccio il falso con te. Giusto, no?

Sempre a proposito di coerenza: mi accusi di intervenire per pubblicizzare CH riaprendo il dibattito... ma se sei tu che continui a punzecchiarmi! Io, dal mio canto, sto forse parlando di quel dannato film? Non è che alla fine sei tu che vuoi riaprire il dibattito? Hai ancora il dente avvelenato perché non ti è stata data ragione? Ripensati ora, anche certi tuoi slanci liberal ('viva la differenza di pensiero!', eh!) mi sanno un tantinello di frasi fatte gettate lì tanto per fare, ma che alla fine sottendono ben altro atteggiamento.

Dalle mie parti, quando una persona si scusa (salvo che non abbia commesso chissà che crimine, ma non si sembra il nostro caso), è considerato comportamento da persona corretta quantomeno accettarle. Il che non significa nient'altro che questo: bastava un semplice 'ok, incidente chiuso'. Tutta sta sarabanda che stai imbastendo (e che stai facendo imbastire anche a me, per dio) è totalmente fuori luogo, e mette bene in luce che tipo di personaggio sei.

E, per favore... finiscila con queste stupidaggini retoriche sul 'Grande Fratello' e via dicendo. Borghezio in confronto a te sembra Cicerone! (E, tranquillo, non mi riferisco alle sue idee politiche, quanto alla grande attinenza delle sue osservazioni). Ma ti rendi conto che neppure l'ultimo dei new global, dopo una giornata di manifestazione sotto il sole cocente, se ne uscirebbe con simili qualunquismi?

Beh, mi hai proprio rotto. So sin d'ora che interverrai di nuovo perché l'ultima parola deve assolutamente essere la tua. Te la lascio volentieri, io vado a vedermi il Grande Fratello che è molto più interessante.

P.S.: visto che il mio intervento ti ha dato tanto fastidio, ritiro la tua parte di scuse.
[Stirner]
3 - scusa stirner... 01.05.2004 23:34
..veramente è a me che non hanno risposto.. tirando in ballo scusette...
Poi non dubito che quella roba vende.. in fondo in Italia è straguardato 'Il grande fratello' e pure 'Biscardi'
[vinilosaurus]
4 - Uff... 30.04.2004 13:52
...Vinilosaurus, in un modo o nell'altro tenti sempre di glissare i discorsi altrui, rigirando la frittata a tuo vantaggio: se uno non si esprime, ha la coda di paglia; se uno si esprime, è un bieco manipolatore che cerca di sfruttarti per fare i propri interessi (magari la AYP mi prendesse a libro paga! Purtroppo non è così...). Dev'essere comoda la tua esistenza, fatta solo di certezze!

Ti dirò, non ho idea di come vadano le vendite del 'prodotto umano' Cannibal Holocaust (dai miei giri nei negozi, cmq, direi che non vanno affatto male).

Cmq, fa un po' come credi.

P.S.: sì lo so, avevo scritto che avrei mollato gli ormeggi da questo sito... ma scusate tanto, quando ce vò, ce vò.

______________
Buck perplesso

Non capisco perché dovresti mollare gli ormeggi da questo sito... c'è qualcuno che ti ha invitato a farlo? Mah...
[Stirner]
5 - Cos'è... 26.04.2004 18:22
...le vendite del 'prodotto umano' Cannibal Holocaust, sono drasticamente diminuite e serve un impulso?

No grazie, con frase di Scalfariana memoria
(e non è un vanto citarlo)

non ci sto
[Vinilosaurus]
6 - Touché? 24.04.2004 14:58
Ripasso su questo sito dopo vari eoni, nei quali ho avuto da sbrigare questioni più importanti.
Rileggendo quanto scritto da me e dai miei interlocutori su questa pagina mi sono sentito in dovere (ebbene sì, anche i cannibali hanno un senso del dovere) di dire ancora due cose. Finito questo intervento accoglierò il condivisibile invito degli organizzatori del sito (vedi Schindler’s list e polemiche varie) a non abusare dello spazio messo a disposizione del pubblico per sbroccare in noiose liti personali (beh, loro non l’hanno messa in questi termini, ma il concetto, mi pare, è quello). Anche perché nel frattempo ho avuto modo di accasarmi altrove, tra i fluttuanti mari della rete, e non avendo il dono dell’ubiquità devo fare necessariamente delle scelte.

In primis, un doveroso mea culpa: ho iniziato malissimo la mia serie di interventi mischiando malamente estetica ed etica, aree che il buon Wilde invitava giustamente a tenere separate. Un avvio falso, di cui mi ritengo unico responsabile, ha falsato di conseguenza tutta la discussione. E se la cosa è iniziata male, è finita peggio: non mi riconosco minimamente nell’ultimo (beh, contando questo, penultimo) mio intervento. Esso risale ad un’epoca in cui avevo varie valide ragioni per essere nervoso, ed ho finito per comportarmi da coglione con gente che, pur a mio avviso sbagliando, dopotutto non meritava certo un atteggiamento così negativo da parte del sottoscritto.
Ergo, chiedo scusa per aver ecceduto in arroganza e violenza verbale. Sono il primo a non sopportare l’arroganza: purtroppo (come avete potuto ben vedere) qualche volta divento arrogante io per reazione. Errare è umano, comunque tenterò nel futuro di rimediare a questi schizzi di testa.

Ora però, concedetemi una altrettanto doverosa replica: apprezzo la generale distensione ricercata dai miei interlocutori nelle repliche successive al mio precedente intervento (che, ripeto, rimangio), ma tra le maglie dell’autocontrollo emerge con evidenza una costante incomprensione. Cercherò di spiegarmi meglio rispetto a quanto fatto precedentemente:

Non credo che l’apprezzamento nei confronti di un film, o di una qualsivoglia espressione artistica, debba dipendere necessariamente da un immediato godimento nei confronti dell’opera considerata; un film può piacere anche dispiacendo, risultando un pugno nello stomaco che fa riflettere: è il caso, ad esempio, del Full Metal Jacket del grande Kubrick (cito questo film perché l’ho rivisto recentemente). Se un film come questo viene apprezzato di certo non dipende dal divertimento che provoca, essendo un film durissimo. A me piace perché fa riflettere sulla guerra e, in particolar modo, sui meccanismi alienanti della vita militare, non certo perché godo nel vedere un sergente sadico che umilia i propri soldati, o contadini vietnamiti spazzati via da un fanatico con un mitra su un elicottero. E’ la stessa ragione che mi porta ad apprezzare anche film (a qualcuno l’accostamento potrà non piacere, ma per me è valido) come Schindler’s list e Salò o le 120 giornate di Sodoma.
E lo stesso discorso vale per Cannibal Holocaust, in cui la questione delle uccisioni degli animali, in partenza comprensibile, è stata pompata a dismisura, rendendo spesso arduo, di fatto, il dialogo. Ho spiegato precedentemente (ma nessuno pare aver considerato seriamente questo punto, che invece era centrale nel mio discorso) come la violenza di entrambe le parti rappresentate nel film (“selvaggi” e “civilizzati”) sia tale da non poter avere uno sbocco edonistico o quantomeno catartico, costringendo lo spettatore ad assumere una posizione di dubbio contro ogni ideologia preconfezionata (terzomondismo e occidentalismo, per es.: in questo senso mi sembra una visione interessante, spec. nella situazione che viviamo).
A mio avviso, quindi, tutto si risolve considerandolo non tanto una critica morale al mondo movie, o ai telegiornali, o al terzomondismo, o alla cultura occidentale, ecc... quanto una riflessione interna ad una certa scena culturale, che lascia coerentemente la risposta finale allo spettatore. In questo senso, che sia un film contraddittorio perché in buona parte mostra ciò che attacca, beh questo è un problema implicito anche negli altri film che ho nominato.

Questa incomprensione (disinteresse?) verso la mia esposizione, che è subito degenerata in accuse ridicole (perché non ammetti di amare la violenza e gli stupri?... mah!), ha prodotto (ahimé) un’altrettanto ridicola reazione da parte mia. E’ particolarmente fastidiosa, in questo senso, la replica di pinazzo75, che dietro il solito paravento di “educazione” continua a darmi del sadico e (udite udite!) dell’incoerente. Sforzati di capire meglio la mia posizione, grazie, e vedrai che (a parte gli schizzi di cui parlo sopra) ho coerenza da vendere.

Stesso discorso per Vynilosaurus, cui aggiungo: se non ho replicato, e tantomeno punto per punto, ai tuoi “argomenti” è perché mi rifiuto di parlare con uno che non conosce l’oggetto trattato (non hai visto il film, vero?) e che parla (o meglio scrive) solo per sentito dire. I tuoi interventi sono costituiti da larghe digressioni che non centrano manco per sbaglio una critica interessante, e in alcuni casi degenerano in sparate moralistoidi che sarebbe stato facile sino all’imbarazzo attaccare. Abbi pazienza, ma se per l’arroganza mi scuso con te come con gli altri, per il resto non ti considero degno di nota.

Infine, dichiaro definitivamente chiuso (almeno per me, ovvio) questa diatriba cannibalica.
Ciao a tutti.

P.S.: complimenti a Exxagon, intervento molto bello davvero!
[Stirner]
7 - ottimo lavoro AYP! 02.04.2004 21:39
La qualità tecnica di questo DVD è ineccepibile:
ottimo il lavoro di restauro con audio e video di altissimo livello ( sembra un film uscito nelle sale l'altro ieri); molto interessanti gli extra, curati e completi, oltre al resto ho particolarmente apprezzato alcune dichiarazioni del Barbareschi sul declino del cinema di genere e sul pietoso stato dell'attuale cinema (cinema?) italiano; bella anche la confezione con box in cartoncino nero.
E bravi quelli della Alan Young, giovane azienda impegnata a pubblicare sempre con grandissima cura grandi film di genere, italiani e non.
Per quanto riguarda Cannibal Holocaust, è un film che a distanza di quasi 25 anni dalla sua uscita, disturba o quantomeno non lascia indifferente anche lo spettatore di oggi (a differenza dei tanti capolavori del 'nuovo' cinema italiano che, personalmente, il giorno dopo che li ho visti me li sono già dimenticati...)
A chi piace lo compra, a chi non piace non lo compra, il resto sono solo chiacchiere.
[Ricky]
8 - Non esaltatevi 02.03.2004 04:02
Non è vero che il film necessità obbligatoriamente di essere cercato per essere visto, io, ma dai commenti sembra che sia capitato anche ad altri, lo beccai su una tv locale qualche anno fa. Come film a dire il vero non è quello che più mi ha colpito fra gli spaghetti horror, la palma và a Buio Omega di Joe D'Amato, film talmente malato nella sua assurdità che ebbi per un attimo l'impressione (molto passeggera comunque) di essere di fronte ad un capolavoro. Questo è diverso, anzi non è neanchè un horror, a ben vedere è fin troppo condito di logica e 'realistico', ma ha comunque dalla sua un'innegabile forza visiva e la capacità di alcune scene di imprimersi a fondo nella memoria, soprattutto nel caso lo si veda la prima volta senza sapere minimamente di cosa si tratti. Certamente non è un capolavoro, ma non è certo da buttare (come lo sono la quasi totalità degli horror moderni), alcune trovate sono davvero indovinate come quando trovano la ragazza impalata e un ragazzo della spedizione la guarda sorridendo e quando gli dicono che la cinepresa sta girando cambia atteggiamento in raccapriccio e incredulità. Non credo ci sia da scandalizzarsi più di tanto per questo film, se girate un pò in rete potreste imbattervi in un sito nè segreto nè vietato ai minori da cui è possibile scaricare il video (vero) di un soldato russo che viene sgozzato lentamente davanti alla telecamera da alcuni ceceni, beh fra i commenti c'e n'era uno abbastanza sintetico: Wonderful!!! Guardate o meno CH ma lasciate perdere stupide crociate da ambo le parti.
[JonLord]
9 - chi disprezza compra.... 29.02.2004 12:50
Cannibal Holocaust è un capolavoro... resta nel tempo... musiche fantastiche, regia superba e che dire... tanto tanto splatter ai limiti dello snuff... bella Ruggero fanne altri di film cosi! Deodato rules!
[andrea el violatore]
10 - Le cose cambiano 11.02.2004 16:12
Ho letto con attenzione molti dei giudizi su questo film. Non l'ho visto, nè intendo vederlo, perché non mi interessa. Volevo solo tranquillizzare molti e dire che, secondo me, il rischio che oggi, anno 2004, possa accadere di nuovo che animali vengano uccisi per scopi cinematografici è assai meno probabile che negli sconsiderati anni '70. Oggi c'è una maggiore consapevolezza e rispetto nei confronti degli animali (vedi per esempio il processo in corso contro 'Carramba che fortuna' in cui sono stati utilizzati e brutalizzati animali, e che si sta mettendo malissimo per i responsabili di quel programma). Oggi quasi tutti i film hanno nei titoli di coda la dicitura che assicura che nessun animale è stato maltrattato per la realizzazione dell'opera. Veramente non so se questa dicitura appaia anche nei film italiani, in quelli invece americani sempre.
[Benny]
11 - Chi sono i veri cannibali? 25.01.2004 02:54
Ci sono precise e diverse ragioni culturali che possono giustificare l'esistenza dei mondo-movies. Così come ci sono giustificazioni e ragioni per ogni abominio compiuto dall'uomo. E questo che ci piaccia o no.
I film mondo, gli pseudo-snuff che vennero prodotti dalla fine degli anni '60 fino ai primi '80 ebbero una grande fortuna, con le loro ineguagliate spettacolarizzazioni della morte, in un periodo storico (i '70) in cui tutto 'esplodeva' parossisticamente in un moto di liberalizzazione delle idee e dell'immagine. Era il periodo dell'esaltazione dell'eccesso che, in nome di tutto ciò, postulava la libertà dell'individuo persino di uccidersi per affrancare la propria libertà (pensate alla musica...pensate a tanti poeti rock). Il cinema, come qualsiasi forma d'espressione culturale non sfuggì a quel movimento, ed è per questo che i film mondo, che Cannibal Holocaust (del 1980 ma culturalmente del 70) ha potuto vedere la luce; un film che ai nostri occhi, più vecchi di '30' anni, pare bestiale ed inaccettabile. Non c'è che dire, CH è un film culto per il semplice fatto che riesce con una sconcertante pochezza tecnica (ma molta visiva) a farvi, a farmi, scrivere righe e righe in un forum dopo così molto tempo dalla sua creazione. Per il semplice fatto che attualmente una tale produzione sarebbe, giustamente, improponibile. Per il fatto di aver, non dico creato, ma aver cementato un genere nella storia del cinema. Un genere, il mondo-movie, che vi piaccia o no.
Deodato non è un genio, è solo un 'Costanzo' ante litteram che ha saputo subodorare il feticismo voyeuristico dell'uomo per il privato, per lo schifo, per il male, per le piccinerie dell'uomo stesso. Ora stiamo schiantati davanti ai teleschermi a goderci coetanei in mutande che vagano per una casa prigione come fossero bestie in gabbia; ancor più ridicoli perchè schiavi per scelta. Ancor più subdolo. Ma queste sono le nostre morbosità socialmente ben accette. CH è storia passata e noi siamo diversi? Non credo proprio: andate a vedere quanti contatti riesce a stabilire un sito come Rotten! Con questo non posso giustificare e non voglio farlo perchè trovo eticamente mostruoso sacrificare degli animali per produrre un film per poi dare in pasto allo spettatore tutto quel sangue. Perchè, sapete, la verità è che i veri cannibals sono gli spettatori che, con le mani davanti agli occhi per non vedere l'orrore, fanno proprio il gioco dell'orrore stesso, che se vuole essere guardato, beh, vuole proprio essere guardato in quel modo. CH è un film troppo 'specifico' perchè si possa dire '... per caso me lo sono trovato sotto il naso... non volevo...'. E come con Rotten che propone immagini di morte, occorre che qualcuno digiti sulla tastiera parecchie lettere perchè poi possa permettersi la libertà di criticare. Deodato ha vinto ancora, fin dal giorno che ha deciso di girare quel film, fin da quando immaginava benissimo che gli avrebbe potuto procurare noie legali, fin da quando sapeva che sarebbe divenuto cult. Ora gira serial tv (vedi I ragazzi del Muretto) e va bene così, perchè adesso i soldi è da lì che provengono, perchè ora va di moda la spettacolarizzazione del privato.
Moltissimi filmoni d'epoca hanno fatto incetta dello stile mondo ma nessuno ha alzato barricate contro quei film (Apocalypse Now - l'uccisione del bue) un po' perchè si trattava di produzioni realmente più concettuali e un po' per l'altisonanza dei nomi dei partecipanti. Questo per far capire che 'al tempo', in nome dell'espressione artistica, ogni mezzo era lecito. E mi riferisco all'uccisione di animali che di certo è la cosa che più turba in CH.
Ora che i giochi sono fatti, è inutile boicottare anche a parole tali film (vietare una cosa provoca l'effetto diametralmente opposto... vorrei evitare di veder spacciare CH nel parchetto sotto casa mia...), si può scegliere di guardarlo o di non guardarlo, visto che si sa che cosa si sta per guardare (perchè lo si sa! eccome!), ma evitiamo le polemiche sterili.
Se devo dare un giudizio soggettivo, trovo che CH sia una cazzata. Personalmente non lo ritengo un bel film. Se volete vedere dei bei film d'orrore ce ne sono decine e decine molto ma molto più belli e paurosi. Se invece siete solo in cerca di emozioni forti allora sollazzatevi con Rotten o consimili.
Anche Costanzo va bene! :-)

Have fun!
[Exxagon]
12 - Non posso che.... 16.01.2004 14:11
sottoscrivere quanto detto da pinazzo75. Volete guardare questo film ok ma almeno fatela finita di elevarlo ad opera d'arte. E ammettete che ci trovate un certo gusto nel vedere tali scene. Come ha detto pinazzo75 'La coerenza non è un optional...'
[Dok]
13 - grazie pinazzo 16.01.2004 14:01
per aver tradotto sentimenti e sensazioni in scrittura.

Io non ci ero riuscito
[Vinilosaurus]
14 16.01.2004 10:24
Geniale regista... il genio traspare da tantissime opere... ma ti rendi conto che parli di tale semisconosciuto Deodato? Gli vorrai mica dare l'Oscar alla carriera adesso?
Poi le critiche che muove ai giornalisti e le autocelebrazioni secondo cui loro sono l'ispirazione di tanti film mi convincono sempre piu' circa i miei dubbi sulla salute psichica di questa persona
[ciarlese]
15 - Cannibal Holocaust? Una boiata pazzesca!!! 15.01.2004 15:37
Chi bisognava ammazzare veramente in questo film erano gli attori! Almeno si evitava il pericolo che andassero a recitare (recitare?) da qualche altra parte.
Lo sceneggiatore invece non c'era bisogno d'ammazzarlo perché chi ha scritto il film dev'essere per forza morto di vergogna nel rivederlo. Ma quale Coppola! Ma quale Scorsese! Ma quale Malick! C'abbiamo Deodato a tenere alto il nome dell'Italia cinematografica! Ma chi è che rispolvera questi film dall'oblio e dalla saggia polvere dei decenni? Perché tanto spreco di energia, masterizzazioni, e soprattutto di parole per qualcosa su cui bisognava lasciar cadere il famoso pietoso velo?
Attendo impaziente il cofanetto con tre DVD di 'L'insegnante va al mare con tutta la classe' e di 'Alex l'ariete'.
[Lucignolo]
16 - A vinilosaurus 15.01.2004 10:23
L'unica cosa che condivido del tuo intervento è quando hai scritto 'in effetti Deodato ha lo stesso palmares di Deodato'.
Per il resto... è ovvio che gli animali (non avendo inventato la moneta) non badino al profitto economico, così come è ovvio che c'è gente che rischia la vita per altri.. come c'è gente bacchettona che ce l'ha coi porno attori (?) e gente che non 'riesce' (mendacemente e per supportare le PROPRIE moralistiche crociate) a inquadrare i film nel loro periodo storico (vedi anche Villaggio e la Potemkin) o a giudicarli serenamente. Detto questo, e visto che neanche hai visto il bellissimo documentario sul film né ascoltato il commento del regista sul medesimo, penso che prima di parlare dovresti informarti meglio. Saluti.
[Lupin]
17 - PA-TE-TI-CO!!! 14.01.2004 18:09
Ma avete visto nel making of il regista che dice che alla proiezione di Blair Witch Project la gente intervistata dai giornalisti usciti dal cinema diceva 'ah, ma questo lo ha già fatto 'il nostro regista Deodato'... Voglio dire, ma fra i milioni di persone che hanno visto BWP quanti ce ne saranno stati che conoscono Deodato?!?
[Beppe]
18 - Touché... 14.01.2004 17:56
Tralasciando il fatto che anche tu ti giovi dell'anonimato di Internet, vorrei ribadire il fatto che anche la mia è un opinione, nessuna crociata personale. Se poi non riempio il messaggio di 'secondo me, è parer mio ecc.' è solo perchè il tutto è da ritenere sottinteso. Vuoi vedere il film? Vedilo. Mai cercato di impedire alla gente di vederlo. Il mio è un consiglio. Come tu dici che questo film è solo per gli eletti e non per gli ignoranti, io dico che è solo per gente con qualche problema. Non vedo dove sia il razzismo se dico questo (tra l'altro credo tu non sappia nemmeno che vuol dire questa parola: il mondo si divide in due razze, quella di coloro che amano Cannibal Holocaust e simili e l'altra? La prossima volta prova a dirlo con parole tue...), non vedo dove sia il problema se tu puoi dare degli ignoranti, ipocriti ecc, e io ti do della persona sadica e cinica. Tra l'altro il tuo discorso 'vedo film violenti quindi vedo solo quelli blah blah' non sta in piedi: io ho detto che se vedi questo film, visto che comunque l'unica cosa 'degna di nota' sono le scene forti, SECONDO ME ti piace vedere certe scene. Se non ti piacciono tali scene, visto che SECONDO ME non c'è molto altro da salvare, credo che uno non dovrebbe avere motivi per vedere il film. Poi non dico che sei un delinquente, sia chiaro, ma non capisco dove sta la tanto decantata genialità di questo film. Che il mondo sia pieno di gente di merda, che i giornalisti siano quello che sono ecc. si sapeva, non c'era bisogno che venisse Deodato a farci questa rivelazione, soprattutto cadendo poi negli stessi errori di questa gente per fare un film. Vuoi sapere qual è l'unico insegnamento che ho tratto dal film, anzi dal making of? Che certa gente pur di far parlare di sè e fare soldi si venderebbe anche la madre, tutto qua. Per il resto accetto gli auguri, la mia 'ingenuità' e quella di noi altri 'animali' finora mi ha sempre portato a cercare di fare qualcosa di costruttivo e positivo nella vita, la tua profonda conoscenza della vita probabilmente ci porterà a qualche olocausto cannibale o qualche mondo cannibale...
Come credi. Ma se vuoi riguarda il tuo messaggio. La coerenza non è un optional...
[pinazzo75]
19 - Purtroppo... 14.01.2004 17:05
Devo constatare che la pochezza degli argomenti, come al solito, sfocia nell'insulto.

L'insulto somiglia molto alla violenza ed anche a quella palesata in 'Cannibal Holocaust'.

Non so se la risposta stizzita di Stirner era anche rivolta al sottoscritto. Io sono assolutamente certo di non aver mai insultato nessuno ne in questi ne in altri forum.

Posso non condividere, democraticamente opinioni e gusti, ma ho sempre precisato che nessuno, RIPETO NESSUNO, può permettersi di giudicare una persona rispetto a determinati argomenti.

Quindi se uno apprezza 'Cannibal Holocaust' non è ne migliore ne peggiore di me.

Pretendo però di poter DEMOCRATICAMENTE protestare la mia DIVERSITA' da queste persone.

Pertanto caro Stirner prima di piazzare appellativi come 'razzisti' alle persone ci penserei un attimo. Oltretutto ipotizzanto situazioni personali distanti dalla realtà...

Ribadisco il concetto, siamo diversi... evviva!!!

Però se non hai argomenti per replicare (punto per punto!!!) a chi ti contesta non scendere nell'insulto, ne esci sminuito.
[Vinilosaurus]
20 - Stirner... 14.01.2004 00:07
Io più che chiedermi perchè Deodato oltre agli animali non ha ucciso anche gli attori mi chiedo con che faccia questo geniale regista (il cui genio traspare da tantissime opere della sua filmografia...) critica i giornalisti per il loro cinismo e voyeurismo per poi girare un film con le stesse caratteristiche e ammazzando in più i soggetti delle riprese (i giornalisti almeno, per quanto ci è dato sapere, si limitano a riprendere).
Tra l'altro notevole il Making Of dove si sostiene in pratica che Traffic, Blair Witch Project (questo è l'unico probabile) e non so quanti altri film sono per qualche verso ispirati a Cannibal Holocaust...
[...]
21 - Chi sono i veri cannibali? 13.01.2004 21:04
La mia intenzione era solo quella di esprimere un'opinione, non certo di imporla. Ripeto, rispetto ogni pensiero, quando è espresso correttamente e moderatamente, ma i vaneggiamenti di certi meschinetti che giudicano una persona in base a poche righe (certo, perché se palesi un apprezzamento verso Cannibal Holocaust devi per forza essere uno che vede SOLO film violenti con stupri ed uccisioni... ma tacete, razzisti), dimostrando di possedere solo ignoranza, vanagloria e ipocrisia, e credendo perciò evidentemente di essere santi in terra, mi fanno solo ridere. A queste persone, che approfittano dell'anonimato di internet per mettere in piedi inverosimili crociate personali, fra l'altro cantandosele da soli, faccio i miei auguri per la vita: siete molto ingenui, e ne avete molto bisogno. Non ho intenzione di dare ulteriore spago a certi 'uomini' che, effettivamente, assomigliano molto ad animali. Tanti saluti.
[Stirner]
22 - Salò 13.01.2004 15:56
Se guardi nel relativo spazio, vedrai che di fatto io non ho apprezzato neanche Salò: altro film di dubbio gusto, altro film diretto per modo di dire, altro film fatto solo di sequenze shockanti (così come lo era il libro), in più film osannato dalla critica solo per il nome del suo regista. Il problema è che una manciata di critici sono più importanti di qualche milione di persone, fra le quali molte non sanno farsi un'idea con la propria testa ed hanno bisogno che un critico gli dica se il film è bello o brutto. Con ciò non voglio dire affatto che a uno non debba piacere Salò, dico solo che secondo me i giudizi positivi che molti hanno su quel film sono dettati dall'esigenza di non andare contro la critica (perchè se un film è osannato dalla critica e tu non lo apprezzi è perchè sei un bifolco che non è in grado di capirlo, si sa...). Stesso discorso per il libro. Comunque vorrei ricordare che c'è una piccola differenza fra Pasolini e Deodato: Pasolini ha fatto anche film belli, Deodato no (credo che pochi possano definire belli 'The Barbarians' o 'I Predatori di Atlantide'). Per il resto comunque, non me ne frega granchè se DeSade e Pasolini sono rispettati. E non è neanche che uno non apprezza questi film perchè vuole vedere film solo per divertirsi.
Semplicemente dopo un certo limite si scade nella 'pornografia'. Ciò succede quando molte scene sono totalmente gratuite e reiterate per tutta la durata del film o quasi. Nessuno si scandalizza, però nessuno al mondo credo possa definire un porno 'arte' (anzi il genere in questione è di solito ritenuto privilegio di pervertiti o pippaioli).
Cannibal Holocaust è esattamente lo stesso: la trama ha lo spessore di un film porno, dopo di che c'è solo una sequenza di squartamenti, stupri, torture, impalamenti ecc., così come nei film porno si tromba e basta. A un sacco di gente piacciono i film porno. A un sacco di gente può piacere Cannibal Holocaust. Ma così come pochi azzarderebbero un paragone fra un film con Rocco Siffredi ed uno con Marlon Brando (o Chaplin, o Gassman o chi vuoi tu), sarebbe secondo me saggio che pochi dicessero che CH è un capolavoro della cinematografia mondiale.
[pinazzo75]
23 - Stirner... 13.01.2004 14:28
si hai ragione in effetti Deodato ha lo stesso palmares di Deodato... lo stesso beckground culturale.. così come gli attori del suo 'capolavoro'.

Dimenticavo.. l'opera omnia di Deodato... umh.. gungala la pantera nuda, ondata di piacere, ultimo mondo cannibale, lone runner, mamma ci penso io ecc… (ho bovinamente copiato questo da un altro commento)

E poi gli attoti.. anzi un porno attore più Barbareschi, che ha vinto talmente tante Palme d'Oro ed Oscar da non sapere dove metterle in casa...

Ma per piacere...

Ma gettate la maschera, dite semplicemente:

'A me piacciono i film dove vedo donne impalate e animali squartati'

Nessuno, RIPETO NESSUNO, potrà censurare o criticare i VOSTRI GUSTI.

Però per piacere smettetela di trincerarvi (nascondervi) dietro a 'presunte' opere di denuncia nei riguardi dello sfruttamento delle popolazioni indegene.

Conosco persone PERSONALMENTE (e non per sentito dire) che danno la LORO VITA per i meno fortunati di Africa e Sud America ( E NON ME NE IMPORTA UNA BEATA FAVA SE NON MI CREDETE) e non sono di certo i Barbareschi e Deodato della situazione. Gente che rischia la vita... o quantomeno la spende... per quei mondi. Nessuno riuscirà mai a farmi bere la barzelletta dell'uccisione di animali a scopo cibatorio. I sopracitati registi ed attori (alcuni porno) se ne stavano in albergo e poi, spostandosi di 500 metri da Manaus magari, erano nel bel mezzo della foresta amazzonica.

E poi smettiamola con la sciocchezza del fatto che chi critica tale film dovrebbe essere vegetariano.

Il nostro intestino e la nostra dentatura sono da ONNIVORI, siamo non nipoti ma CUGINI delle scimmie tra le quali (i primati) non esiste un erbivoro. Pertanto il vegetarianesimo è una scelta apprezzabile ma non necessaria per rispettare la natura. Va da se che non esiste al mondo un animale che sfrutta la sofferenza altrui per il profitto.

Insomma volete lodare il fatto che questo film rispecchia il non plus ultra dei vostri gusti?? FATELO ma non tentate di convincere la gente che possiede qualità e requisiti diversi da quello che il pubblico di tali 'opere' chiede.
[Vinilosaurus]
24 - esatto... 12.01.2004 23:05
Se non ci fosse stata la storia degli animali a pubblicizzare il tutto, questo DVD l'avrebbero preso due gatti, come quelli che hanno preso altri film del genere. Per di più la trama è molto 'semplice', gli attori quello che sono, la regia sarà anche decente ma di registi migliori ce ne sono eserciti (e i loro film non vengono ritenuti capolavori). Cosa resta? Scene violente a go go. Punto. Ci fosse uno che ammette di vedere questo film perchè prova piacere nel vedere scene di questo tipo... Tutti che si arrampicano sullo specchio per cercare regia geniale, interpretazioni memorabili, messaggi importanti, cariche sovversive...
[...]
25 - Noi cannibali non molliamo mai l'osso. 12.01.2004 20:30
Sembra che non ci sia modo di uscire dai fraintendimenti! Nonostante tutto quello che è stato scritto sul fatto che gli animali NON sono stati torturati, c'è chi continua a scrivere contro la tortura degli animali. E soprattutto, c'è chi continua a credere nella vecchia dicotomia persona buona che guarda cose buone/ persona cattiva che guarda cose cattive: un po'semplicistico, mi pare. Eppoi c'è chi continua a tirare in ballo Via col vento ed altro per spiegare che Cannibal Holocaust non è un capolavoro. A parte l'evidente conformismo, Pasolini ha girato, fra gli altri, un film che mostra sesso (e morte, tanta morte) fatto tra 'cacca e pipì': si intitola Salò o le 120 giornate di Sodoma, ed è un altro capolavoro, ispirato, ovviamente, all'opera letteraria del marchese de Sade. Tanto Pasolini quanto de Sade sono autori considerati di un certo rilievo, ma a questo punto dovranno essere rivalutati come deviati che crearono le loro opere in nome di un superficiale, abominevole edonismo... il punto è che certa gente non è in grado di capire che non tutti guardano un film, o leggono un libro, per semplice, superficiale divertimento.
[Stirner]
26 - intervengo su questa trashata... 12.01.2004 19:54
...che vidi anni or sono su qualche ignobile retucola locale. La pellicola è orribile sotto ogni aspetto. Non è uno snuff (come i furboni regista e produttore vorrebbero far credere) né tantomeno un film. Per quello ci vogliono almeno tre elementi: sceneggiatura, attori, regia. Qui latita tutto. E per giunta si uccidono gratuitamente gli inconsapevoli animali. Il successo che può aver riscosso oggi nella sua edizione DVD è tuttavia inspiegabile. O forse i gonzi hanno abboccato al trappolone 'snuff'?
[NOVA]
27 - E questo sarebbe un capolavoro?!? 12.01.2004 13:27
Incuriosito dalle discussioni attorno a questo film ho deciso di vederlo. Ragazzi, che boiata! Voglio dire, il film rientra tranquillamente all'interno del filone dei cosiddetti 'Cannibal movies' e secondo me anche qualitativamente non se ne distacca. A loro volta i Cannibal movies fanno parte del genere oggi definito trash di cui fanno parte anche nazi-porno, film da caserma, Pierino e tutte queste belle cose, che qualche critico per distinguersi dalla massa ha cominciato (nella quasi totalità dei casi ingiustamente) a rivalutare. Questo film non fa eccezione ed è un classico film trash. Il film sarà anche ben girato, ma anche il più dozzinale dei film di azione di Hollywood lo è. La trama e la sceneggiatura non mi sembrano geniali (anche l'idea ripresa da Blair witch project, che tra l'altro non mi sembra sia stato molto apprezzato dalla gente e non mi pare questo gran film non risolleva le sorti del film). Le interpretazioni non mi sembrano da Oscar (il miglior attore del film è Barbareschi, fate un po' voi...). Allora cosa resta? Una sequenza di efferratezze e scene violente e di pessimo gusto. Praticamente l'unico motivo per vedere il film è 'godersi' una serie infinita di efferratezze, massacri, stupri e scene crude, ma soprattutto di pessimo gusto. E questo credo sia 'privilegio' di gente con qualche problema. Ok la violenza, ma se è esagerata può essere capita (e apprezzata) solo da gente con qualche problema. E' come un pornazzo: se tu vedi due che trombano è ok, può essere naturale che susciti l'interesse della gente. Ma sfido chiunque a dirmi che uno che guarda un film in cui la gente si piscia/caca addosso non ha qualche problema. Senza la storia degli animali (che ha portato solo pubblicità) non si sarebbe distinto dal (sotto)genere di appartenenza. Insomma, secondo me definire questo film 'un capolavoro della cinematografia mondiale', un'opera con una 'carica sovversiva e rivoluzionaria' o cose del genere è moooolto esagerato. Se uno non sa la storia degli animali, va in una videoteca, pesca il DVD e lo guarda, al 99% dice che il film fa schifo. E' una monnezza dal punto di vista artistico, secondo me, indipendentemente dagli animali ammazzati ecc. ecc. E il bello è vedere o leggere Deodato & company che si vantano di quest'opera. Ma ragazzi, voglio dire... ti chiami Ruggero Deodato, mica Peckinpah, Sergio Leone, John Woo (tanto per rimanere a registi 'di nicchia' o che lo sono stati) e hai girato un film intitolato 'Cannibal holocaust' (già il titolo fa ridere), mica Casablanca, Apocalypse Now, Via col vento... capolavoro della cinematografia mondiale... ma fatemi il piacere!
[pinazzo75]
28 - L'Uomo evoluto e civilizzato 12.01.2004 13:23
Che dire a tutti gli amanti delle torture filmiche fatte ai danni di animali da questo film. Un semplice sillogismo:
- E' giusto uccidere e torturare animali per intrattenimento cinematografico.
- L'Uomo è un animale (discendiamo dalla scimmia fonte Charles Darwin).
- E' giusto uccidere e torturare l'Uomo per intrattenimento cinematografico.
[Dok]
29 - Cannibal Lecter? 11.01.2004 16:46
Caro Ciarlese, rispetto la tua scelta di non vedere Cannibal Holocaust, ognuno fa quel che gli pare, ma il tuo esempio del 'film-documentario sulla pedo-pornografia, dove ci saranno stupri e uccisioni' è assolutamente fuori luogo! Cannibal Holocaust è un'azzeccata riflessione sullo 'scontro di civiltà', che per funzionare deve necessariamente essere estremo. Mi spiego (QUI PARLO, ANCHE SE POCO, DI ASPETTI DELLE VICENDE NARRATE NEL FILM, OCCHIO!!!): per quanto si possa essere xenofili e terzomondisti, è arduo apprezzare i particolari rituali delle varie tribù indigene rappresentate nel film; per contro, per quanto si possa essere xenofobi e razzisti, è difficile ridere delle 'gesta' dei 4 documentaristi. Questo film porta lo spettatore ad interrogarsi profondamente, su se stesso, ed al di là di se stesso; il che non significa abituarsi ad 'accettare di tutto', anzi: anche se molti invocano la censura a protezione dei propri 'valori', vorrei capire che forza possano avere dei 'valori' che temono l'urto di un misero film! Personalmente preferisco pensare con la mia testa, confrontandomi con gli altri.
Per quanto riguarda l'uccisione degli animali, ribadisco che, considerate le condizioni in cui la troupe si trovava, non vedo nulla di così grave nelle loro scelte; tutti viviamo sulla morte di esseri viventi. E' deprecabile un eccesso gratuito, non la regola.
Per quanto riguarda la deontologia dei documentaristi scientifici, grazie tante, la conosco anch'io. La mia era solo una piccola provocazione, per chiederci se può esistere una norma comportamentale, anche se finalizzata alla 'sacra scienza', tale da mettere a tacere la nostra pietà.
[Stirner]
30 - Caro ciarlese... 11.01.2004 11:40
Purtroppo chi ha scritto ha favore di queste aberrazioni, ha fatto solo del qualunquismo, ed ha dimostrato grandissima disinformazione.

Troppo facile confontare le macellerie con le uccisioni in un film.
E poi straordinario tentare di fare apparire come 'necessarie' le uccisioni per poter 'cibarsi'.

Per cortesia buttate nel gabinetto l'ipocrisia, dite apertamente e senza pudore 'A me piace aver visto questo film, ho goduto nel veder stuprare ed impalare donne (per finta) e massacrare animali (per davvero)'

Almeno non potrete essere sconfessati.

E' gusto personale (per me aberrante) ma pur sempre gusto personale.

Invece questa gente si trincea dietro falso antimoralismo... e una presunta liberta!

Per sconfessare queste affermazioni ci vorrebbero fiumi di parole, ed una proprietà dialettica che io non ho.

Per fortuna i numeri ci danno ragione.

Un'ultima cosa... il fatto che si parli molto di questo film non vuol dire nulla... anche dei più turpi fatti di cronaca si parla moltissimo... non per questo diventano automaticamente fatti positivi.

Sono certo che comunque, per chi apprezza il film, caro ciarlese, sarà totalmente sordo a queste nostre.

Con stima.
[Vinilosaurus]
31 10.01.2004 23:05
Premetto che i documentaristi scientifici hanno come regola FONDAMENTALE di non intervenire MAI.
Questo per non invadere la natura nella sua normale 'evoluzione'.
Vorrei dire due paroline su questo film che non ho visto, probabilmente mai vedro', e di cui ho solo letto e sentito parlare.
Domani faccio un film-documentario sulla pedo-pornografia, dove ci saranno stupri e uccisioni.
Sara' un capolavoro.
Mi condanneranno, ma poi una volta scontata la pena nessuno mi potra' proibire di commercializzare il prodotto, che fara' discutere per le sue implicazioni etiche-morali, ma proprio per questo sara' un successo-capolavoro.
E non mi tangeranno commenti bacchettoni:siamo tutti un po' violenti, da bambini ci piacevano le bambine e allora?Ci hanno mai arrestato per pedofilia ?
Insomma di questo passo si potra' accettare di tutto.
A me fa schifo solo cio' che ho letto di questo film.
So che non dovrei giudicare senza averlo visto, ma non ho l' intenzione.
Mi spiace che ci sia chi guadagna sulla morte di poveri esseri innocenti, siano scimmie o vedove nere.
[ciarlese]
32 - Film straordinario 10.01.2004 15:31
Cannibal Holocaust è un film straordinario, come dimostrano i 112 (con il mio 113) commenti lasciati a suo proposito. In che modo sarebbe straordinario? Date una scorsa ai commenti, e capirete: sia che lo si apprezzi, sia che lo si detesti, è un'opera problematica, che suscita sgomento, portando lo spettatore alla necessità di riflessioni etiche non banali. E' sconsigliabile, pertanto, solo a chi non si sente di fare un simile percorso...

Uno degli argomenti più spinosi resta, a quanto pare, la questione dell'uccisione reale di alcuni animali durante le riprese: com'è chiarito negli extra del dvd, compreso l'interessante commento al film, gli animali sono stati uccisi per necessità alimentari (il film è stato girato in condizioni davvero estreme, nel mezzo dell'Amazzonia), ed in diversi casi per necessità alimentari degli indigeni (veri) che hanno partecipato alla lavorazione del film. Questo spiega l'uccisione di animali, almeno dal nostro punto di vista, 'strani'.
Anche se non lo condivido, ci tengo a precisare che rispetto il punto di vista di chi è inorridito da scene di uccisione (e comunque, non di tortura), poiché rispetto la sensibilità umana, quando essa è sincera; detto questo, vorrei però osservare che a parte il fatto che di animali morti se ne trovano molti di più dal macellaio sotto casa, e che l'uccisione di, poniamo caso, un coniglio (tempo fa andavo in villeggiatura in campagna, avevo una vicina che allevava e, quando arrivava il momento, uccideva conigli), non è meno 'tragica' di altre (per chi non lo sapesse: gridano da matti prima di essere sgozzati), resta il fatto che anche atteggiamenti apparentementi 'coerenti', come quello di alcuni vegetariani (per correttezza, osserverei che tra i vegetariani esistono atteggiamenti e motivazioni diverse), talvolta nasconda grosse contraddizioni: anche le piante sono esseri viventi, dannazione! E' rilevante il fatto che, a quanto dice Deodato nel commento, nessuno gli abbia mai imputato, sempre anch'essa ripresa durante il film, l'uccisione di una vedova nera. Mi sembra che non ci sia mai molta parità di trattamento verso gli esseri viventi...

Tempo addietro, vedendo un documentario, ho assistito alla certo non piacevole morte di un piccolo di elefante intrappolato in una pozza catramosa: qualcuno è intervenuto per salvarlo? No, per necessità 'scientifiche' i documentaristi sono rimasti fermi, a riprendere sino alla fine. Volete farmi credere che tutti vedano tali lavori per puro 'spirito scientifico'? Il voyeurismo e la fascinazione verso la morte sono onnipresenti, sono pulsioni che fanno parte di noi, assieme a tante altre. Siamo di materia organica, e mangiamo materia organica, da questo non si scappa. Possiamo controllare le pulsioni, entro certi limiti, ma ogni tentativo di negarle porta inevitabilmente ad atteggiamenti di ostilità repressiva ancora maggiori: nella storia i peggiori assassini sono stati spesso coloro che avevano forti, 'giusti' ideali e lottavano per imporli agli altri...

Spesso lo sdegno porta a posizioni assurde, come quella di coloro che si chiedono perché oltre agli animali Deodato non uccise anche degli umani... ma per favore, su!
Beh, mi sono fatto prendere la mano.
Visto che Cannibal Holocaust è una provocazione che funziona?
[Stirner]
33 - Semplicemente Splendido! 22.09.2003 20:33
Alan Young Pictures ha fatto un lavoro SUPERBO. Dovrebbero far vedere questo DVD ai tizi della CVC che hanno riversato Zombi su DVD, un restauro eccezionale, se non fosse per il look dei personaggi potremmo dire che il film è stato girato negli ultimi 5 anni!!! E che dire degli extra? Tutto l'immaginabile... e il Making Of di 60 min... Veramente esauriente. Commento audio regista e tutte le altre features. Ed è tutto fatto in Italia, da italiani! Complimenti AYP! Mi associo anch'io... oltre allo scherzo iniziale, esiste qualche altro Easter Egg? Ho sentito dire dell'esistenza del trailer de 'la casa sperduta nel parco'... aiutatemiiiiiiii
[when there's no more room in HELL...]
34 - Trailer 22.09.2003 11:50
Qualcuno sa dirmi dove posso trovare sul dvd di CH il trailer de 'La casa sperduta nel parco'?
[...]
35 - Desensibilizzarsi è meglio 17.09.2003 11:26
Avevo sentito nominare questo film di sfuggita in passato ed ora che è uscito in DVD ho voluto informarmi meglio su che cosa trattasse in realtà.
Quando ho saputo che erano stati ammazzati animali veri ho capito
che avrei preferito non vederlo.
Preciso che non mi scandalizzo con film di sangue come tanti Venerdì 13 ed altri festival del sangue (che alcune volte guardo volutamente per il puro gusto del film spazzatura), ma fino a quando quello che si vede è SOLO finzione.
E' vero che tanti altri film più famosi hanno ucciso animali veri e che tutti i giorni ne vengono ammazzati una montagna per la nostra tavola o per le pelliccie ma questo non giustifica ulteriori (anche se poche) uccisioni al solo scopo di girare un film, forse anche perchè meno costoso e più facile che creare degli effetti speciali !!!
Oltretutto uccidere animali per cibarsi è (purtroppo) legge di natura (quasi tutti gli animali lo fanno per tutta la loro vita) anche se forse sarebbe meglio essere tutti vegetariani per non avere poi rimorsi di coscienza.
Adesso, fortunatamente, sarebbe più difficile fare cose del genere dato che gli animali hanno ottenuto una maggiore considerazione e le nostre menti si sono 'evolute' (...)
Oltretutto se questo film voleva essere scioccante e realistico veramente poteva anche uccidere gli attori stessi, non solo animali perchè esenti da protezione legale per un facile spettacolo gratuito; per lo meno sarebbe stato più coerente!
Mi rendo anche conto che vedere il sangue e la morte (altrui) è un'attrazione ancestrale tipica dell'uomo che spiega anche perchè quando ci sono incidenti sulle autostrade nell'altra corsia le macchine rallentino per vedere lo spettacolo!!!
La mente umana ha una coscienza e un raziocinio che dovrebbe utilizzare in certi momenti... Forse anche lo stesso Deodato lo ha girato con questa necessità interiore e sapendo di fare un piccolo 'capolavoro' maledetto adatto a questa tipica necessità
umana. Credo però che questa soddisfazione si possa avere anche senza
morti vere, rispettando gli altri esseri viventi ed utilizzando la grande finzione cinematografica.
Vederlo e comprarlo adesso non comporterà ulteriore uccisioni e nessuno discute le capacità tecniche del regista; è solo una questione di sensibilità (e stomaco) personale.
Forse vederlo ci aiuterà a desensibilizzarci ulteriormente per abituarci meglio alle violenze reali che tutti giorni ci bersagliano. Una de-evoluzione costante che permetterà almeno di vivere spensieratamente a chi ancora non lo fà.
[AL]
36 - Troppo? 03.09.2003 12:58
Ciao... tutto questo casino intorno a CH mi sembra veramente eccessivo. Il film in fondo è molto ben strutturato e girato bene, il lavoro di restauro del dvd è ottimo e sinceramente mi sembra che sia proprio esagerato parlarne in certi termini. Nessuno vi obbliga a guardarlo!
Eppoi sinceramente, a parte la scena della tartaruga (che effettivamente fa quasi vomitare...) non mi sembra che ci sia chissà quale cosa inguardabile per chì è abituato a ceri generi di film.
Quindi in conclusione: chi guarda CH sa già cosa lo aspetta, quindi invece di criticare statene alla larga se non vi piace.
Resta il fatto che CH è un capolavoro del suo genere, prendere o lasciare...
L'unica pecca secondo me, nelle sparatorie iniziali, i cannibali uccisi muoiono molto poco realisticamente e senza nessuna traccia di sangue.. poco realistico a differenza del resto del film.
[Mika]
37 - film incredibile 30.08.2003 02:35
Ho guardato per la prima volta CH che avevo 11 anni e il film mi ha shoccato per il suo impatto violento. E' un film ineccepibile da tutti i punti di vista e, teniamo presente, è stato girato in condizioni di pericolo per gli stessi attori e per il regista in primo luogo.
Girare per mesi in una foresta amazzonica senza controfigure e con i rischi annessi e connessi non è roba da poco. Se gurdate la spiegazione che negli extra del dvd il regista da al film non fa altro che spiegare che tutti gli animali 'sacrificati' sono poi stati mangiati dalla troupe anche per mancanza di cibo, tenendo presente che gli indigeni del posto non allevano mucche e si sfamano cacciando tartarughe, maialini selvatici e uccidendoli come avviene nel film. Perchè non ci scandalizziamo allo stesso modo quando viene ucciso un vitellino per il nostro carpaccio? Non è forse anche lui un essere vivente degno di tale nome? O forse la tartaruga ci fa pena perchè nel nostro immaginario culturale non è un animale che mangiamo?
[Fabio]
38 - Pienamente d'accordo con dEUS 17.08.2003 00:56
Hai centrato l'obiettivo amico... Il fenomeno aperto da questa discussione valica anche i limiti del puro ragionare di cinema, perchè gli animalisti non lo fanno. Proprio per questo voglio aggiungere anch'io qualcosa:
Gli animalisti sono coloro che fremono quando al TG della sera dedicano un servizio ai cani abbandonati sulla strada (costume comunque molto riprovevole dal canto mio) mentre nel piatto della loro cena spesso giace una bella bisteccona con l'osso (che fa più cannibale, oltre che più scenico).
Animalisti! Non siete in grado di capire la differenza che passa fra il realizzare un capolavoro e la mattanza sacrificale (inutile, ma molto diffusa per tradizione) attuata gratuitamente da molte religioni nel mondo meno civilizzato. Non guardate i film dal punto di vista di ciò che vogliono trasmettere, ma vi sentite tranquilli solo quando nei titoli di coda appare: 'per realizzare le scene di questo film, non sono stati perpetrati maltrattamenti ad alcun animale.' Dove andremo a finire con questo pensiero debole?
Caro dEUS, vedrai che di questo passo qualcuno (altrettanto imbecille) proporra di eliminare anche Casablanca ed ogni altro film dove appare qualcuno che fuma (o magari taglieranno solo quelle scene, compresi i loro dialoghi).
[Alien]
39 - CH rules 15.08.2003 16:22
Non ci sono dubbi, pochi film a distanza di 20 anni fan parlare come riesce CH. Più di 100 mess, (quasi) più di qualsiasi altro film presente in questo sito. Una sola parola riesce a tradurre quanto detto. CULT. E se la fama di questo film è stata non solo mantenuta intatta nel tempo, ma addirittura rafforzata, è anche grazie alle critiche. Il film non ha avuto in passato la forza distributiva che certamente può vantare un film Usa, daltronde è anche un prodotto che appartiene ad un genere di 'nicchia', ossia un estremo del genere Horror (anche se a conti fatti horror non è).
E le critiche han permesso a questo capolavoro di crescere e di farsi apprezzare ancor di più, a distanza di un ventennio. Perchè purtroppo per voi, cari oppositori del film, avete colpito nel punto sbagliato. Nessuno di voi ha mai giudicato o messo in dubbio la qualità artistica del film, che, innegabilmente, è molto alta, inattacabile, di un impatto visivo tremendo, un pugno allo stomaco tirato a freddo.

Il film, sintetizzando, è artisticamente un capolavoro.

Allora vi siete accaniti su qualcosa che oggettivamente appare immorale, l'uccisione di veri animali. Ok. Il film per questo ha pagato il suo prezzo, essendo stato censurato e proibito anni fà. In più ha avuto le sue problematiche legali. Stop.
20 anni dopo non credo abbia più senso dire: non compratelo perchè...
ogni dvd venduto non è un animale morto in più. Che il film venda 5 copie, o 500mila non cambia di una virgola quel che è stato in passato. Daltronde non può certamente essere un esempio negativo, perchè oggi, in virtù del potere politico assunto da diverse organizzazioni, sarebbe improponibile un film del genere... cosa che invece andava abb. di moda in passato, perchè, ricordiamolo, CH non è l'unico esempio, basterebbe citare Apocalypse Now per ritrovarci scene di uccisioni vere su animali.

Allora nulla, queste critiche non possono che far bene al film, perchè rinnovano la sua fama di film 'maledetto', basta vedere quante persone qui nel forum abbiamo comprato il dvd senza averlo mai visto... tantissime...
Se volete fare gli animalisti, ci son tanti altri modi per farlo, ripeto, per fare CH sono stati uccisi 6-7 animali, e rimaranno 6-7 sia che si vendano 5 copie,che 500 mila. Ogni pelliccia venduta equivale a 5 volpi uccise, 5 pelliccie=25 volpi, 500mila pelliccie =2.500.000 volpi stecchite...

Ah... ultimo paradosso.
Se veramente credete che una persona si debba sentire in colpa per la visione di CH perchè per girlarlo sono state uccisi una decina di animali, allora ditemi voi se non sarebbe da abbattere il Colosseo, che fu eretto per il piacere di vedere uomini uccidersi tra loro o uccidere animali, nella più esemplare delle gratuiticità.
[dEUS]
40 - Jack: rispetto per gli animali e DVD? 01.08.2003 19:00
Meglio non rispettare gli animali che non rispettare la libertà (umana) di comprare, produrre o vendere anche un miserrimo DVD.
Cosa c'entra il rispetto per gli animali col DVD? Nulla. Che poi TUTTI gli animali abbiano anima, coscienza, sensibilità e intelligenza è tutto da dimostrare oltre che da puntata di Quark...
Qui mi sembra si parli di DVD (il sito è DVDWeb non AnimalWeb).
E col fatto che mo' gli animali ci vestono non dovrei comprare CH? O devo rivolgere una preghiera a qualche divinità degli animali quando entro in un ristorante? Ma BASTA con queste ipocrisie!!
Infine, giudicare le persone da spezzoni di frasi estrapolate dal contesto e soprattutto prese da Internet è a dir poco miope quando non mendace. Saluti.
PS: questo DVD è OTTIMO! Ha una qualità video incredibile!
[Gighen]
41 - Non ci posso credere... 31.07.2003 17:05
Davvero ragazzi, leggo tutte queste mail e scopro che è pieno di gente CHE NON HA IL MINIMO RISPETTO PER GLI ANIMALI! Al di là del film, al di là del fatto che sia legittimo o meno filmare e vendere spezzoni con animali uccisi e torturati in diretta, si legge chiaramente tra le righe di queste lettere che un sacco di persone considerano comunque gli animali come oggetti, come esseri viventi (e per forza!), ma senza anima, senza coscienza, senza sensibilità, senza intelligenza. Come ha detto qualcuno 'un anello della catena alimentare sotto di noi'! Senza nemmeno il rispetto che si deve a chi ci serve, ci nutre, ci veste! (rispetto che le popolazioni 'selvagge' hanno sempre avuto).
E io che ero scioccato dalla notizia che proprio oggi alla Camera dei Deputati la legge contro il maltrattamento agli animali è stata affossata. Non so che altro aggiungere. Siamo nel 2003 ma sembra il Medio Evo...
[Jack]
42 - Lo sgozza galline sulla RAI 29.07.2003 16:04
Che bufera si è scatenata per questo film.
In un pomeriggio dello scorso weekend la Rai passava un documentario sull'India.
Ragazzi... c'era un tizio nel mercato che decapitava galline e galli con una mannaia, una dietro l'altro, con tanto di volatile che si muoveva senza testa. Credo che le persone facilmente impressionabili, davanti a quella scena, abbiano stirato le zampe. Saranno state le cinque o le sei del pomeriggio eppure la RAI lo ha mandato in onda...
Concludo complimentandomi con la Alan Young per il suo lavoro di restaurazione e per i prossimi progetti... LUNGA VITA A VOI
[fmd.design]
43 - Più conosco gli uomini... 25.07.2003 22:36
Quindi, secondo ginger, alla fine tutta la querelle si riduce al problema degli animali (e mi sembra che MG abbia risposto in maniera adeguata). E io che pensavo che CH potesse risvegliare riflessioni profonde circa gli esseri umani, le loro azioni. Naturalmente può essere visto 'solo' come un film. Naturalmente ginger ha il diritto di dire e pensare ciò che crede: 'Cannibal Holocaust = Snuff Movies', peccato che negli SM gli animali non c'entrino per nulla (purtroppo gli 'attori' sono uomini e donne e, tragicamente, anche bambini), e chi li cerca vuole vedere persone 'all'opera' (e non galline sgozzate); quindi è necessario conoscere quello di cui si parla.
Cito ancora ginger: 'Ripeto perchè nessuno ha il diritto di uccidere e torturare esseri indifesi, che siano o no consenzienti': la parola 'diritto' mi sembra qui fuori luogo ed esagerata (stiamo parlando di un film e non di uno stile di vita). Piuttosto dovremmo discutere sulla parola 'tolleranza': quanto siamo disposti a tollerare perchè altri possano esprimere, rappresentare un'idea, un'immagine (un messaggio?)?; e non credo che possiamo dire noi con che mezzi un'altra persona debba far questo (pur mantenendo i 'paletti' che ho citato nei miei precedenti commenti). O dobbiamo pensare che c'è un modo giusto e un modo sbagliato di esprimersi? Mi rendo tristemente conto che stiamo dando molta più importanza agli animali che alle persone (chissà quante tartarughe stanno morendo in questo momento e noi non stiamo facendo nulla per salvarle!). Seriamente: oggi parliamo di CH e domani qualcuno ci dirà che un altro film non va visto per qualche altro motivo. Rilassatevi, gente!
[Asbesto]
44 - Ipocriti parte 3 25.07.2003 16:49
Non mi risulta gli animali siano stati 'torturati' in questo film, ma uccisi e poi mangiati, cosa che fa quasi chiunque (seppur indirettamente) ogni giorno.
Non capisco poi l'affermazione di emmeci secondo cui chi non ha il coraggio di torcere il collo alle galline non avrebbe diritto di mangiarle... ma che ci vuole tutti vegetariani?
Comunque, di quali 'torture reali' va parlando giger lo sa solo lui... probabilmente ha visto una versione ancora più 'uncut' di CH... ;-P
Se per mangiarmi un hamburger devo chiedere al corrispondente manzo 'scusa, posso ucciderti, sai ho fame?' non se ne esce più... il fatto che gli animali parlino o meno è del tutto indifferente, visto che nella catena ALIMENTARE occupano il posto che occupano (cioè dopo di noi)
Per giger CH è immondizia, per me no.... e questa ipocrisia sugli 'esseri indifesi' (ah, lo sono anche le zanzare, come lo diceva qualcun altro) francamente è sterile e ripetitiva... siete voi i veri ipocriti... dovreste mangiare solo minerali (dato che anche i vegetali in senso lato sono 'esseri indifesi') per coerenza verso voi stessi. Al di là di tutto, sono contenta di aver comprato questo DVD, caro giger, che accusi gli altri di essere intolleranti e poi dai dei sadici e pervertiti a noi acquirenti del film... accidenti, Asbestus ha proprio ragione... all'ipocrisia e all'incoerenza non c'è mai fine! E se acquistare questo DVD fa in***are queste categorie, parola mia mi viene voglia di comprarne altre 1000 copie!!
[MG (finally I'm back)]
45 - No, no non scherzo e ne sono convinto... 25.07.2003 16:05
Sai come si dice libertà di opinione. Scusa tanto DanCa (e soci) per aver turbato la vostra sensibilità con un commento con il quale volevo difendere il diritto ad esistere e a non essere torturati di esseri viventi (vedi animali). Non avevo considerato che al mondo esistono persone che provano piacere nel vedere soffrire gli altri, si direbbe sadici e pervertiti. Ok hai ragione tu (e soci) Cannibal Holocaust è un'opera d'arte però, con la a minuscola; guai a chi lo mette in discussione. Accidenti addirittura 'orgoglione' di averlo comprato, mi prostro davanti ad una tale affermazione. Ma che ridere. Ripetere le stesse cose stanca ma siccome al mondo ci sono persone dure di comprendonio, Cannibal Holocaust = Snuff Movies.
Perchè le uccisioni di animali e le torture sono reali. Cito parole di Asbesto 'La libertà sta nel tollerare ogni forma di espressione i cui partecipanti hanno accettato coscientemente di aderirvi.', ma non mi risulta che sia stato chiesto agli animali se erano d'accordo ad essere torturati ed uccisi. E non fate facili battute del tipo 'ma gli animali non parlano', proprio per questa ragione devono essere difesi maggiormente.
Altra cosa cito parole di Asbesto 'Attenzione: quando ci ergiamo a difensori di una supposta morale o verità siamo sulla brutta strada dell'intolleranza.', questa frase è sempre stata pronunciata dalle persone che non accettano le opinioni altrui e che vogliono impedire il dissenso. Ho il pieno e totale diritto di dire che Cannibal Holocaust è immondizia. Ripeto perchè nessuno ha il diritto di uccidere e torturare esseri indifesi, che siano o no consenzienti.
[giger]
46 - 'Ma dove la vedi la censura?'??? 24.07.2003 18:23
Giger, io spero tu stia scherzando quando dici «Tirare fuori poi la censura, oggi, mi sembra ridicolo ma se ormai fra televisione e grande schermo passa ogni genere di porcata senza neanche il divieto ai minori di 14. Ma dove la vedi la censura?». Per tua informazione, in TV, la censura è onnipresente... solo che non ti dicono che hanno censurato! Ti faccio un paio d'esempi: 'Buffy' è stato censurato in maniera pazzesca e assurda in molte puntate. Tutto perché Mediaset aveva paura a trasmettere baci lesbo o scene di amore un po' spinte (ma senza nudità!). 'Sex Crimes' è un altro esempio degno di nota. Se l'hai visto sulla RAI, beh, quello non era 'Sex Crimes'! Era una cosa che con l'originale non c'entrava una beata mazza! Super tagliato! Tutto per colpa dei bigotti del Moige che fanno censurare di tutto e di più! Altro che 'non esiste più la censura'! Per forza che non ci sono più i divieti; se tagliano tutte le scene 'calde', che cosa c'è da vietare???
I DVD, per fortuna, invece, non sono censurati. Ma sono vietati ai minori di...! Per caso hai letto quella scritta dietro a Cannibal Holocaust? 'Vietato ai minori di 18 anni'...!
E a proposito di C. H. (visto che è l'argomento principale), personalmente lo trovo un gran bel film e sono orgoglioso d'averlo aquistato. Se non vi piace, non compratelo, e basta!
[DanCa]
47 - A proposito di ipocriti 2 23.07.2003 15:33
Se fosse possibile discutere con serenità di un film mi piacerebbe distinguere le cose di cui si parla con un minimo di raziocinio. Presupposto che ognuno di noi è libero (?) di pensare e dire ciò che crede cerchiamo di non lasciarci trascinare dall'emotività e dai pregiudizi. Mi risulta che gli snuff movies siano illegali e comunque 'utilizzano' con l'inganno persone non consenzienti (e che probabilmente non sanno che dovranno morire tra atroci sofferenze): basta solo questo per rifiutare (materialmente e moralmente) ogni prodotto di questo genere. Ognuno di noi con la propria coscienza fa quello che crede, l'importante sono le azioni. La libertà non sta nel fare quello che si vuole, sempre e comunque. La libertà sta nel tollerare ogni forma di espressione i cui partecipanti hanno accettato coscientemente di aderirvi. In altre parole: la cosa più importante non è se Cannibal Holocaust sia bello o brutto, faccia schifo o meno, ma se ogni attore (maggiorenne) fosse pienamente consapevole e d'accordo su cosa stava facendo. A me non importa se CH sia un film 'di denuncia', mi importa che chi lo ha girato possa farlo vedere. Nessun film ha bisogno di essere legittimato, si legittima da solo nella misura in cui è apprezzato o meno. Attenzione: quando ci ergiamo a difensori di una supposta morale o verità siamo sulla brutta strada dell'intolleranza. E poi: i film cosiddetti 'di denuncia' (tra l'altro alcuni sono ben fatti e mi piacciono) se non avessero avuto un minimo di ritorno commerciale (alcuni anche un buon ritorno commerciale) quanti li avrebbero visti? Cerchiamo di essere un po' disincantati: in questo mondo non ci sono tutti i buoni da una parte e tutti i cattivi dall'altra, ci siamo noi; e chi non è mai stato un poco ipocrita... Caro Jack: io abito in una casa, ma non la so costruire... e tu? Guido un auto, ma non saprei da che parte cominciare a fabbricarne una... e tu? Posso continuare a mangiarmi la porchetta anche se non ho mai ucciso un maiale?
[Asbesto]
48 - A proposito di ipocriti 22.07.2003 15:34
Pienamente d'accordo con Giger. Il paragone con gli snuff movies mi sembra calzatissimo. Tutti questi proclami per la libertà d'espressione suonano, a mio giudizio, falsi e ipocriti. Se qualcuno avesse impedito che Tinto Brass girasse certe bufale con i soldi dello Stato (il suo ultimo delirio-spazzatura 'Senso '45' è stato finanziato con vari miliardi nostri) ci sarebbe stato forse posto per qualche opera più degna. Libertà non è anarchia. Libertà non è spacciare per film violenze vere, libertà non è sfruttare (ripeto: sfruttare per fini commerciali) la sofferenza degli animali. Ci sono i guardoni del porno, e ci sono i guardoni della violenza. C'è gente che si eccita a vedere uccidere, e sicuramente il mercato cerca di sfruttare anche questa nicchia di consumatori. Legittimare tutto questo è calarsi le braghe, è lasciar prevaricare il cattivo gusto, l'indecenza e la mancanza di rispetto. E poi, visto che gli animalisti vengono tanto tacciati di ipocrisia magari perché hanno addosso una cintura di pelle, che mi dite dell'ipocrisia di chi mangia animali morti, e poi non sarebbe capace di tirare il collo a una gallina? Molto comodo se il lavoro 'sporco' lo fa qualcun altro, molto comodo tacitare la propria coscienza mangiando una bella porchetta senza avere assistito alle grida di dolore del maiale.
E poi, tornando al film in questione, sai che modernità (pure venti anni fa) la denuncia contro i mass media! Sai che trovata! Rivedetevi orizzonti di gloria, quarto potere, indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, etc, se volete vedere un VERO film di denuncia. Deodato ha voluto semplicemente sfruttare la corrente, in quegli anni andavano di moda i film tipo Savana violenta, e ci ha azzeccato una bella (!) storiella sui media per fare la morale all'informazione, e tanto per legittimare il film stesso. Un po' come quando per fare vedere tette e culi si scomodavano D'Annunzio e Proust (o magari, come fa ancora Tinto Brass, Boito e Visconti).
Saluti a tutti.
[Jack]
49 - Non ci siamo... 22.07.2003 13:35
Caro Sacco, quello che intendevo dire è che non sono in generale contro i film dell'orrore, e ne sono anche un discreto estimatore; intendevo però dire che per girare Cannibal Holocaust NON era strettamente necessario, ai fini della storia, uccidere degli animali per filmarne l'agonia, ma se proprio si volevano introdurre scene del genere nella pellicola, si poteva fare ricorso a qualche effetto speciale, anche dei più rudimentali (ricordo che il film è del 1979, non del 1915, gli effetti speciali c'erano, eccome). Io ti assicuro che avrei comprato questo film se avessi avuto la certezza (come per tutti gli altri horror del mondo) che le scene di morte e di violenza sugli animali erano simulate, ho avuto dei conati di vomito quando ho scoperto che erano vere. Allora, alla stregua di quello che sostenete voi, perchè Deod(i)ato non ha ucciso veramente degli attori per ottenere delle scene 'veramente realistiche, quasi come un documentario'? Forse perchè gli attori erano consapevoli di quello che stavano facendo e gli animali no? Non è un discorso che regge, e - torno al concetto primario - non è accettabile che nel 1979 per girare un film dell'orrore bisognasse uccidere degli esseri viventi.
[Teo]
50 - di questo passo... 21.07.2003 21:45
Caro Roberto se a te non risulta che lo Snuff movies sia una forma di espressione, a me non risulta che Cannibal Holocaust sia una forma di espressione. E spero di poter esprimere una libera opinione senza dovermi sentire attaccato (non ti preoccupare delle mie letture, leggo e a sufficienza). Poi cosa vuol dire 'è un film che ha 20 anni', se uno ha ucciso animali indebitamente 20 anni fa allora è più corretto che se li uccidesse oggi? Comunque mi pare che il paragone con gli Snuff centri eccome, se oggi si accetta di uccidere animali per intrattenere il pubblico, un domani è leggittimo aspettarsi l'uccisione e la violenza sull'uomo per la stessa ragione, si va sempre avanti quando cadono i limiti. Tirare fuori poi la censura, oggi, mi sembra ridicolo ma se ormai fra televisione e grande schermo passa ogni genere di porcata senza neanche il divieto ai minori di 14. Ma dove la vedi la censura? Hanno sdoganato anche la pornografia che ora è chiamata pornografia d'autore. Che ridere, il Cinema è al collasso per la troppa libertà, come diceva Truffaut la censura è necessaria per poter dire le stesse cose ma con più classe.
[giger]
51 - Considerazioni!! 21.07.2003 19:13
Giger: 'di questo passo'... guarda che è un film che ha 20 anni... e cosa c'entrano gli snuff movies? A parte che lo snuff (quello vero) va in onda tutte le sere alle 20 su tutti i maggiori canali nazionali, non mi risulta gli snuff siano una forma di espressione.
Comunque altro che 'di questo passo'... di questo passo censurano pure X-Files, non girano più un film horror che non sia politically correct (e leggiti qualche intervista ai registi indipendenti) e c'è un appiattimento cinematografico-artistico inverosimile.

Teo: 'chi li ha costretti'* Ma che uno per andare in Amazzonia deve chiederti il permesso? O 'si deve portare le provviste da casa' (hamburger macellati, magari) per non fare inorridire quelli come voi? E vacci in Amazzonia.... io sono stato in Brasile e ho mangiato 'tranquillamente' (beh, dopo un po'...) la carne di serpente (squisita) e quindi la troupe avrà ammazzato, cucinato e mangiato quello che gli pareva loro.... Veramente i detrattori di CH non sanno più a cosa aggrapparsi... se avessi vissuto tra gli indios capiresti che adeguarsi ai loro costumi è una cosa semplicissima... ah, ti comunico che mangiano anche formiche e ragni arrosto... scusa, forse dovevano comprare i ragni in scatola... se li trovo al discount li compro subito anche per gli indios... Ciao ciao!
PS: a parte tutto, ringrazio DVDWeb (velocissima nelle consegne su Roma) e la Alan Young! Forza ragazzi, continuate così!!
[Roberto Sacco]
52 - Cannibal Film 21.07.2003 18:36
Hai ragione Asbesto, quali sono i limiti e chi li stabilisce. Beh di questo passo per la tanto decantata libertà di parola ed espressione un giorno ci ritroveremo a lottare in difesa degli Snuff Movies (film in cui violenze, stupri ed omicidi sono reali). D'altronde anche loro sono una forma di espressione e magari il messaggio è che il mondo è diventato una enorme pattumiera.
Chi può dargli torto?
[giger]
53 - Stiamo parlando di film... 21.07.2003 17:35
'c'è bisogno di assaggiare la cacca per capire che fa schifo? O bastano l'odore e l'aspetto?'. No, non c'è bisogno, per quanto riguarda la cacca (o la droga o l'omicidio e simili). Ma stiamo parlando di un film, che comunque può piacere o meno. Attenzione ai giudizi fatti sui 'l'ho visto io, non vederlo tu' o alle crociate che sottendono sempre una paura. La paura di qualcosa di non abituale, diverso, forse anche schifoso o repellente, ma che ha il diritto di esprimersi (tralascio l'aspetto commerciale o di audiance che esiste in ogni forma di espressione culturale, anche quella più raffinata e nobile). O il disagio che deriva dal vedere morti 'veri': come se la morte nei film horror non sia, simbolicamente, altrettanto significativa e disturbante.
Quali sono i limiti di espressione? Chi li deve definire? Per quale scopo? Attenzione: nel momento in cui qualcuno definisce dei limiti (e ricordo che parliamo di film) suggerisce (e se ne ha il potere vieta) agli altri che il tal film non va visto, e quindi si erge a 'censore illuminato' (!), con la presunzione di dire agli altri, che non sanno, cosa debbano o non debbano vedere per il loro bene. Che ognuno (maggiorenne e vaccinato) si regoli come crede con il proprio cervello, il proprio stomaco e... la propria cacca! Poi ne possiamo sempre parlare e discutere.
[Asbesto]
54 - Grande Tyler! 21.07.2003 16:15
Sono perfettamente d'accordo con quanto appena esposto da Tyler, vorrei solo aggiungere che la comoda giustificazione che 'gli animali ce li siamo mangiati per cena' viene smontata un'altra volta quando proviamo a pensare che, se Deodato e la trupe non si fossero mai addentrati nella foresta per girare un film, non avrebbero dovuto procurarsi la cena sul luogo... mi spiego meglio: ma chi li ha costretti a finire in Amazzonia a 'mangiare' topi muschiati, vedove nere, scimmiette e tartarughe giganti? Nessuno, se il film l'avessero girato con una mano sulla coscienza, avrebbero portato delle provviste da casa e si sarebbero prodigati nel creare qualche piccolo effetto speciale artigianale. E invece no, ribadisco, sono andati in Amazzonia e, con il mero scopo di girare un film per fare soldi, hanno ammazzato degli animali indifesi. E vi sembra cinema questo? A me no...
[Teo]
55 - anche la pizza tonno e cipolle... 21.07.2003 16:03
mmmh anche la pizza tonno e cipolle puzza, eppure ce gente che la mangia...
per quanto riguarda il film ne ho prese 5 copie e tutte regalate (vabbe una l'ho tenuta) :P prima che qualche bacchettone, come alcuni presenti, lo faccia ritirare dal mercato.
da che ne so io gli animali sono stati mangiati non dalla troupe ma dagli indigeni stessi, e alla faccia di ki scommetteva sulle vendite, leggetevi l'intervista, J J J J J (se non sapete cosa vuol dire entrate in qualche chat)
saluti.
[guest]
56 - Cari estimatori di Cannibal Holocaust... 21.07.2003 14:01
D'accordissimo: chiunque ha il diritto di acquistare tutto quello che la legge gli consente di fare, e posizioni estremiste come quella di boicottare le uscite della Alan Young (che, a quanto mi dicono, ha svolto un lavoro eccellente e quindi merita un plauso incondizionato) non mi trovano affatto favorevole. L'unico motivo per cui mi sentirei di sconsigliare l'acquisto di C.H. sarebbe per evitare un'esperienza traumatica a persone sensibili che - forse - non sanno bene a cosa stanno andando incontro.
Credo, però, che il discorso da fare sia un altro. Sono un essere carnivoro, mangio - quindi - animali morti tenendo sempre bene a mente che il mio stomaco pieno è costato la vita ad altri esseri viventi. Non per questo, però, devo rimanere indifferente di fronte ad un prodotto (seppure frutto di un concepimento artistico ed intenzioni nobili i film sono classificabili anche nella categoria 'prodotti') che per raggiungere il suo scopo toglie la vita ad un animale in maniera del tutto gratuita ed estremamente dolorosa. Sono state mangiate anche le bestie di C.H.? Ah sì? Bene, mi piacerebbe sapere allora dal signor Deodato che sapore ha una scimmia, o un topo muschiato, o quel che resta di una tartaruga gigante macellata. Insomma, scusate la malizia ma dubito fortemente di questa comoda affermazione secondo la quale gli animali sarebbero comunque stati uccisi per fungere da pasto. Ma la cosa più importante, sulla quale spero rifletta chi si è sperticato in lodi verso il 'messaggio' di C.H., è che l'attacco da parte del film ai media cinici è una delle più grosse ipocrisie in cui mi sia mai imbattuto in 29 anni di vita: lo sfruttamento della sofferenza altrui viene condannato dalle stesse persone che ne hanno inflitta a volontà - per gli stessi scopi dei personaggi del film - ad animali indifesi. Beh, se non è un'ipocrisia macroscopica questa non so cos'altro potrebbe esserlo... Vorrei inoltre rassicurare tutti i fan del film che potrebbero accusarmi di parlare senza conoscere: il film l'ho visto parecchi anni fa, noleggiato in VHS. Non ne conoscevo minimamente il contenuto e dopo la visione sono stato male per una settimana, promettendo a me stesso che non avrei MAI E POI MAI rivisto un tale orrore (by the way: sono un fan del genere horror, anche quello più estremo, ma credo che certi limiti - morti reali mostrati sullo schermo - non debbano mai essere superati).
A ben vedere, se oggi è possibile mostrare certe cose in tv, è forse anche grazie a film come C.H., 'pietre miliari' del cattivo gusto che non fanno altro che innalzare la soglia di tolleranza dello spettatore di fronte a violenze reali e immagini choccanti.
Per concludere, vorrei permettermi di dissentire con chi afferma che 'non si può giudicare senza aver visto/ascoltato/ecc': c'è bisogno di assaggiare la cacca per capire che fa schifo? O bastano l'odore e l'aspetto?
Con questa soave nota passo e chiudo, ringraziando dvdweb per lo spazio concessomi e rinnovando i miei complimenti alla Alan Young per l'ottimo lavoro svolto.
[Tyler Durden]
57 - Teo: il cinema è diventato quel che è... 21.07.2003 02:56
E' grazie a gente come Teo che il cinema italiano è diventato quel che è. Su, caro Teo, sembri appena uscito da casa...
Ma dove sei stato fino ad ora?
Allora tu non fare mai benzina. E' grazie ad essa che ci sono tutte queste guerre.
[Mr.F]
58 - I gusti non sono 'disputandum'. 20.07.2003 19:17
Perchè non smetterla definitivamente con questi 'favori'? Insomma 'i gusti non sono disputandum' come dicevano gli antichi, io l'ho acquistato, non mi vergogno di averlo fatto e ringrazio la Alan Young per l'ottimo lavoro eseguito, a questo punto potrei fare il discorso inverso:
Per favore non comprate sapore di mare per un motivo x così anche la AYP capirà che è meglio investire le proprie risorse in film di ben altro livello come il fascino discreto della borghesia (ma credo l'abbia già fatto e a quanto so continuerà a farlo). Gli 'antichi' scrissero molti saggi sul libero arbitrio, a già, dimenticavo, gli antichi sono tutti morti ... qualcuno è ancora disponibile in qualche museo (mummificato, non il museo ma 'l'antico')

Ognuno spenda i soldi come meglio crede ma non chieda favori del genere, certo ci sono gli animalisti, i moralisti (nel senso buono :-)), gli ambientalisti, se si dovesse contentare tutti si finirebbe in un mondo triste (avete mai visto quella puntata di south park a tema, un natale tristissimo quello); potrei fare un filmino di mia nonna che 'scanna' un pollo per la cena, non per questo sarebbe, mia nonna, una poco di buono, una persona malvagia o diabolica che prova un certo piacere nello 'scannare' un pollo e nel vedere il sangue che sgorga a fiotti, dal collo della povera bestia, ancora caldo tra le sue mani. Una qualsiasi opera non può essere giudicata a priori, bisogna vederla, leggerne, visto che ci sono 'sorbirsi' i documentari, il commento ... poi una persona può dire ...
eseguendo queste semplici regole io posso dire che il film m'è piaciuto, certo sono uno degli appassionati del genere (chissà se arriveranno anche i 'mondo' prima o poi), non condivido anch'io alcune scelte ma 'de gustibus ...' si sa! o forse no?
Saluti.
[Rexmundi]
59 - Non volete comprarlo? Noleggiatelo! 20.07.2003 16:41
Credo che ogni persona maggiorenne e consenziente abbia il diritto di vedere o non vedere tutto ciò che la Legge non vieta. Ogni prodotto cinematografico legalmente in circolazione (al di là del giudizio artistico o tecnico) deve essere fruibile integralmente e senza censure, così come il regista lo ha girato. Poi vengano pure giudizi e pareri di ogni sorta. E ricordiamoci che parliamo di 'cinema'. Viva la libertà di visione!
P.S. ...e riguardo a certi 'sepolcri imbiancati': cosa ne pensate del mondo della pubblicità che utilizza i bambini per vendere? Non è forse più osceno di Cannibal Holocaust?
[Asbesto]
60 - La libertà 20.07.2003 15:53
Per me, c'è qualcosa di più importante della vita degli animali: la mia. Quindi, se li ammazzano perché io possa mangiare, non mi scandalizzo più di tanto... se poi in qualche film fanno vedere ciò (e poi li mangiano, quindi morivano cmq), posso DECIDERE se vederlo oppure no (spesso fa comodo la seconda opzione), come vedo i documentari ma volte cambio canale povere gazzelle!, ma non per questo vorrei che li abolissero. E' una mia scelta... l'uomo, volenti o nolenti, è la specie dominante di questo pianeta (parlo dal punto di vista squisitamente alimentare) e quindi ucciderà sempre gli animali.
Io non ho ancora comprato il DVD, ma penso che lo farò visto che la maggior parte dei post negativi sono di persone che non l'hanno visto, e se l'hanno fatto peggio perché sono ipocriti ('ma io volevo vedere fino a che punto arrivavano, mica vedere il film'). Questa libertà (ormai 'sto benedetto film è uscito e gli animali sono morti da 20 anni) di scegliere è più importante a parer mio della vita di chiunque. Quindi lo comprerò, e non mi sentirò certamente inferiore a tutti questi signori. Saluti.
PS: Sapore di mare 'ottimo film'? E' uno scherzo, era uno scherzo (spero)
PS2: mi risulta cmq anche oggi in TV si veda di peggio... di molto peggio.
[J.F. Sebastian]
61 - Semplicemente FAVOLOSO ! 19.07.2003 21:10
Ragazzi che ficata...

Ho appena finito di vedere, anzi 'ascoltare' Cannibal Holocaust con il commento audio di Ruggero Deodato per tutta la durata del film moderato da Giona Nazzaro (giornalista) ed Antonio Tentori (saggista, sceneggiatore) ...debbo dire che è stato veramente interessante e piacevole scoprire vari aneddoti e curiosità sul film stesso :

le uccisioni degli animali, giustificate da motivi 'alimentari'...ossia ciò che si uccideva, lo si faceva ESCLUSIVAMENTE per procacciarsi il cibo per la cene o il pranzo;
il film è stato girato in presa diretta in inglese (se ci fate caso alcune scene del film rimangono con l'audio orginale) e Mr. Deodato avrebbe voluto distribuire il film in lingua inglese coi sottotitoli..ciò ne avrebbe evidenziato ancor di più il TAGLIO DOCUMENTARISTICO;

la maggior parte dei protagonisti (Francesca Ciardi, Luca Barbareschi & co.) sono stati 'reclutati' direttamente all'Actors Studio !!! Robert Kerman (il prof. Monroe) invece proviene direttamente dal cinema a luci russe...il tutto all'insaputa di Deodato stesso !
La sarta e segretaria di produzione, certa Lucia Costantini avrebbe talmento 'martoriato' Ruggeor Deodato per ottenere una parte del film... bene la ebbe : è la ragazza che viene stuprata e uccisa con la pietra dall'indigeno sulla riva, che arriva con la canoa;
dopo che il film è stato distribuito in tutto il mondo e sono scoppiato un sacco di casini, tutti quanti si sono dissociati dal regista Deodato lasciandolo nella 'fossa dei leoni'... se permettere oserei dire : 'BASTARDI !!!'
Le immagini del documentario 'Road to Hell' firmato Alan Yates e compagni, sono QUASI tutte vere, prese ed inserite da mr. Deodato su concessione di un museo inglese... tutto ciò per aumentare la CREDIBILITA' o REALTA';
da notare come tutto il film sia ancora tremendamente attuale, sollevando un'accusa contro i giornalisti 'speculatori', invadenti e predatori di VERITA'... nonché ipocriti loro stessi per alcuni comportamenti (vedi la faccia di Alan Yates che dal sorriso passa allo stupore, sempre guardando in camera...).
Soltanto ora posso apprezzare del tutto questa perla di film, 'salvato' e degnamente riconosciuto quale CULT e MASTERPIECE avventuroso/documentaristico.

Vi invito, qualora non l'abbiate già fatto, ad acquistare il film in dvd ed a visionarlo con il commento audio...credetemi, ne vale veramente la pena!
P.S. Per i cinemaker (come me): questa film è una vera SCUOLA di CINEMA !!!
[Alan Yates]
62 - Comprato! 19.07.2003 17:06
Beh... Io ne ho comprate due copie, una me la sono tenuta, e
me la guardo spesso... L'altra l'ho regalata. Chissà perchè
non mi sento in colpa... Sarò forse un potenziale assassino
privo di morale e coscienza? Forse si... Ma almeno
rinvigorisco la fiacca economia nazionale! Ciao a tutti...
[Karognetta81]
63 - CH & Company 19.07.2003 17:04
W la Libertà di scelta,
W il supporto DVD,
W DVDontheWEB.IT,
W la Alan Young Pictures!!! (MITICA)
W tutti i lettori intelligenti.
[Ellik]
64 - volevo precisare... 19.07.2003 16:49
che questo è l'unico modo per combattere certe cose ignobili... io non comprerò mai nessun prodotto della Alang Young (per esempio avrei acquistato molto volentieri Zombie).

Ed un'altra cosa non capirò mai... se il cinema è un'arte e 'godere' dell'assistere ad una forma di arte è un piacere... che persona è chi 'gode' di uno spettacolo simile consapevole che NON E? una finzione?

Ai posteri l'ardua sentenza.
[emmeci]
65 - Non compratelo 19.07.2003 11:57
Per favore, ragazzi, anche se dovesse essere messo in offerta a 3 euro, NON COMPRATE questo film, non cedete ad un genere di film inaccettabile, squallido, turpe, inutilmente crudele con dei poveri animali indifesi che sono stati uccisi e squartati barbaramente con il solo scopo di essere ripresi ed impressi su pellicola per fare dei soldi. Per favore, non compratelo, così anche la Alan Young Pictures, che pure ha proposto ottimi film in DVD (vedi Sapore di Mare) capirà che è meglio investire le proprie risorse in film di ben altro livello
[Teo]
66 - Inaccettabile. 18.07.2003 13:22
Nonostante il signor Orteghen faccia i salti mortali per giustificarlo, uccidere animali per farne una FICTION, se pur di 'denuncia' (?), è inaccettabile. Moralmente, eticamente, filosoficamente. Chi paga un biglietto, o spende soldi per un DVD, non dev'essere costretto a sentirsi complice di un atto così barbaro. E se per girare Dead Man Walking avessero mostrato le sofferenze di un vero condannato a morte sulla sedia elettrica? No, signori, c'è un limite. Le cose devono essere chiamate con il loro nome. Un documentario è un documentario (e tu sai già cosa ci sarà dentro). Una fiction è una fiction. In ogni caso il discorso sarebbe ben più complesso, e prima di tutto bisognerebbe parlare di rispetto verso gli animali. Se non c'è quello, allora è persino superfluo parlare d'altro. E comunque sono sicuro che la troupe del film e il regista se ne sono fregati alla grande di tutti i dilemmi moral-filosofici: hanno girato quello che hanno voluto e che gli faceva comodo (e gli faceva risparmiare tempo e soldi). Vorrei solo aggiungere che per denunciare l'orrore e la sopraffazione dell'uomo sulla natura c'è un modo più sottile e efficace che mostrarlo: farlo intuire, come insegnano le regole basilari della comunicazione.
[Jack]
67 - Easter Egg 10.07.2003 15:15
Credo che l'Easter Egg sia la presentazione di Deodato al film prima del suo inizio
[Numero 6]
68 - Penso che... 10.07.2003 14:16
...l'easter egg sia lo scherzo iniziale. In fondo, come sorpresa, fa veramente effetto: io ci sono cascato in pieno... :-)
[Roberto]
69 - GRANDE Alan Young! Voglio gli altri di Deodato! 09.07.2003 23:03
L'ho comprato, anche solo per far dispetto a coloro che criticano senza averlo neanche visto, oppure vedono senza aver sentito il commento del regista... anzi, spero di farlo comprare anche ai miei amici, tié!

PARERE ARTISTICO (a parte che già l'avevo copiato in VHS): Il discorso in sintesi verte su: 'animali uccisi in diretta per vendere maggiormente il film'.
Bene, allora perché queste 'uccisioni' non compaiono nel trailer? Chi se lo immaginava prima di vederlo che sarebbero apparse?
Altra domanda: i DOCUMENTARI (PIENI di uccisioni e scarnificazioni varie) sono tutti girati 'aggratis' o per essere venduti? Quelli li guardate, sì? Cos'è CH se non un 'film nel documentario'? La cosa shockante forse è che GLI STESSI attori hanno ucciso animali (che poi si sono mangiati COMUNQUE!)
E' QUI la grande innovazione di Deodato... oltre alla tecnica del cinema-metacinema che non è stata capita dai più... io, confesso, non sarei riuscito a farlo, ma c'è chi lo fa per me ogni santo giorno, e magari mi permette di dirgli 'maledetto assassino di animali'
Pur essendo socio WWF (giuro!) l'uccisione della testuggine non mi ha fatto pensare a 'motivi di cassetta'... anzi, mi ha 'aperto gli occhi' ancora di più su quello che procuriamo agli animali ogni santo giorno per avere la nostra tavola imbandita (e Deodato citava appunto la visita al mattatoio di Sordi in Nestore... certo lì Sordi non ce l'avrebbe fatta a far fuori il cavallo!). E il film contiene più di quello che si crede, altro che storie... certo, oggi le uccisioni sarebbero 'digitali'... ma se lo fossero, il 'messaggio' (ce ne sono cercateli... invece di romperci coi moralismi!) non sarebbe così 'forte'!

Avete MAI avuto IL CORAGGIO di vedere dei DOCUMENTARI sulle VIVISEZIONI? Vi risparmio i dettagli... certo, quelli erano documentari di denuncia... mentre CH non è un film di denuncia solo perché è uscito al cinema? Ma fatela finita, ipocriti!
Avrei altro da dire ma rischio di diventare volgare... inoltre non mi pare proprio questo sia un film 'girato male', anzi... ma forse sono meglio Charlie's Angels 2 o Fast & Furious...

PARERE TECNICO: GRAZIE Alan Young PICTURES!!! Questo è, in quanto a SFORZO e magari non pienamente a risultati, il miglior DVD italiano sulla piazza. Ragazzi, continuate così, fregatevene delle critiche e dateci la LIBERTA' di vedere i film che vogliamo... anche se qui vicino c'è il Vaticano.... e anche gli altri di Deodato, please!!! Nulla da aggiungere, qualche errore (es. la durata di 3' dichiarata sulla realizzazione del DVD è in realtà della metà), ma insomma, nulla da dire. GRAZIE ANCORA!

CONSIDERAZIONE: nel film 'Città di Dio', appena PRESENTATO a Cannes 2002 sono presenti diverse inquadrature di galline spennacchiate dal vivo, ammazzate e buttate nel pentolone d'acqua calda... certo, non si vede il sangue, ma tutto il resto sì! Che facciamo, sono scene 'per vendere di più il film?' E in una puntata di 'Turisti per caso', facevano vedere dei giapponesi che ammazzavano DAL VIVO dei serpenti e ne bevevano il sangue... (e pure i protagonisti lo bevevano!). Che facciamo, censuriamo?
[Orteghen]
70 - easter eggs! 09.07.2003 20:31
e' da due settimane che li cerco ma non riesco a trovarli! aiuto...
[mat]
71 - Easter Eggs 09.07.2003 17:48
Sul retro della copertina fra gli extra sono indicati anche degli easter eggs. Qualcuno ne sa qualcosa?
[Merry Flemme]
72 - Follie! 04.07.2003 10:29
La schizofrenia del mercato italiano del DVD è qualcosa da studiare attentamente.
[Arm]
73 - era ora! 03.07.2003 16:42
In italia x il momento e' il dvd piu' bello e comleto mai uscito. Grande alan young. Ed a settembre un' altra gemma di deodato 'la casa sperduta nel parco' con tantissimi extra! era ora!
[mat]
74 - Recensione. 30.06.2003 17:10
Artistica=8/10
Video=9/10
Audio=8/10
Extra=10/10

Naturalmente si tratta di un 'gipal's choice', motivo.
Inanzitutto il prezzo. A 19€ è raro trovare una Special Edition così ben fatta (oddio, in qualche videoteca troviamo ancora ciofeche mega anche anche a 28€).
Dal lato artistico il film ha il suo perché. Non lasciatevi abindolare da tutte le chiacchere che avete sentito, roba per signorine. Imho la denuncia del film al cinismo dei mass-media è il messaggio forte del film. Un 'Quinto Potere' nella Giungla amazonica, se volete. Altro pregio del film: l'originalità delle riprese. 'Blair Witch Project' ha fatto i milioni di dollari 'plagiando', neanche troppo velatamente, Deodato.
Restauro coi controc. porta un video a livelli assoluti (visionato a 2mt di base col vpr). Non lasciatevi trarre in inganno da una grana iniziale, già dopo pochi minuti la qualità è al top. Alcune scene nella foresta non hanno nulla da invidiare al Gladiatore. E stiamo parlando di un film del 1979.
Audio da 8/10. I surround fanno il loro dovere non soltanto con idroplano e fucili, ma anche con le voci fuori campo e le urla.
Che dire degli Extra? Finalmente un audio commentary in italiano (credo che l'unico fino ad oggi fosse stato Pupi Avati x l'altro restauro de La Casa delle Finestre che Ridono), e cioè senza distrarsi coi sottotitoli. Ma la Superchicca del film (o se volete il Dexter o il Johnny Bravo), è lo Special di 61 minuti realizzato da Michele De Angelis. In assoluto il migliore mai realizzato x un dvd italiano, tra l'altro le interviste sono in 1.77:1 altro gioiello.

Ecco, adesso, la classifica dei Top 3 dvd italiani meglio realizzati, tra quelli da me visionati:

1) Cannibal Holocaust (ALan Young Pictures);
2) Vajont (01 Distribuzione);
3) Nirvana (Cecchi Gori!)
[gipal]
75 - Curiosità 23.06.2003 11:01
Confermo anchio ora che ho ascoltato il bel commento audio del regista durante il film: le scene in inglese sono state volute da lui e come hai detto tu la scritta all'inizio lo dice.
eccellenti gli extra.
Però volevo far notare una piccola curiosità (o errore):
Barbareschi e la Ciardi cambiano nome nelle versioni del film!
Con l'audio in inglese Barbareschi si chiama MARK TOMMASO e con l'audio in italiano si chiama MARK WILLIAMS
La ciardi invece in inglese si chiama SHANDA DANIELS (mi sembra) e in italiano lei si chiama SHANDA TOMMASO!

Se guardiamo il film con l'audio in inglese notiamo che si tratta di un errore perchè nel filmato di guerra dei 4 ragazzi che viene mostrato, appaiono i nomi della versione italiana!

Poi perche Alan Yates in italiano diventa Alan Jeits (pronunciato con la G)?
[A.L.E.X]
76 - Alcune scene in inglese 22.06.2003 16:44
Si è vero alcune scene sono in inglese sinceramente non so se siano scene aggiunte, boh.. comunque non mi pare ridoppiato.
Comunque un dvd di riferimento, il restauro rende l'immagine stupenda praticamente perfetta.
Eccellenti anche gli extra in particolare il making of.
Infine una nota polemica sul prezzo, questo dvd non costa molto o almeno è in linea con i prezzi delle nuove uscite, eppure il film è restaurato (molto bene) e nel dvd sono presenti molti extra... eppure non costa + di 30 euro come altri titoli restaurati.. (anche peggio).
[Dwarf]
77 - Audio. 21.06.2003 23:41
I passaggi dalla lingua italiana a quella inglese sono voluti. Dopo i titoli di testa è presente una scritta che avverte che per mantenere il realismo del filmato alcune parti sono state lasciate in originale. Ovviamente questa è una mossa geniale del regista per rafforzare l'idea che il filmato ritrovato sia un filmato 'reale'. In pratica è in piccolo quello che è stato fatto con la Strega di Blair... Solo che Cannibal è VERAMENTE agghiacciante. Ancora mi stupisco del realismo del filmato...
[Roberto]
78 - L'ho comprato.. 20.06.2003 23:43
Finalmente ho comprato questo dvd.
Non avevo mai visto questo film e non ne avevo mai sentito parlare prima dell'annuncio dell'uscita di questo dvd, forze perchè ho solo 18 anni e non c'ero quando uscì al cinema.
I vari commenti su questo film mi hanno veramente incuriosito tanto da convincermi ad acquistarlo.
Che dire... la trama a me è piaciuta ma sicuramente alcune scene sono un pò troppo forti anche per uno che come me AMA il genere splatter.
E indubbiamente le scene di uccisioni di animali sono TERRIBILI.
Questo film, secondo me, ha una potenza visiva mostruosa, con delle immagini che fanno rabbrividire per il loro realismo. Ve lo dice uno che, ripeto, in genere adora lo splatter e il gore.
Volevo fare delle domande a chi, come me, ha acquistato questo dvd:

1) A voi succede che durante il film ci siano 3 scene non doppiate in italiano? x l'esattezza quando i 4 ragazzi tirano fuori dall'acqua la tartaruga, quando la ragazza vede un ragno sulla sua spalla e la scena di sesso tra 2 dei fotoreporter. Non so se è un problema del mio dvd, quindi vi chiederei cortesemente di far luce su questo mistero.

2) Ma l'audio in italiano è stato ridoppiato?
io non ho visto altre versioni se non questa in dvd. Chiedo anche qui l'aiuto di qualcuno che abbia visto il dvd e magari la vhs del film

Grazie.

P.S. la presentazione di deodato prima del film è troppo divertente. Anche se all'inizio mi ero realmente preoccupato che il video fosse in quel modo!
[A.L.E.X]
79 - Che dire... 09.06.2003 19:27
Mi inserisco nel forum per voler esprimere la mia opinione a riguardo della questione: Capolavoro o Porcheria?
Premesso che il film non l'ho mai visto, e non sapevo manco che esistesse un film con questo titolo sono daccordo con chi dice che bisognerebbe vederlo prima. A quelli che ''detraggono'' il film e a quelli che lo esaltano posso dire che già il fatto che a distanza di tanti anni se ne parli ancora e sia uscito in DVD rappresenta già di per sè una forma di successo (e non mi interessa se ho detto una banalità, effettivamente lo è, ma è sbagliata?)
E do il mio pieno appoggio a coloro che sostengono il cosidetto cinema di 'genere'.
Abbiamo anche 'noi' il diritto, o almeno la speranza di poter vedere i film di nostro interesse in DVD e di gioirne per l'uscita digitale sperando in buoni prodotti...
Io stesso amo moltissimo i film con Thomas Milian, i film di Ercole Maciste & Co., i film di arti marziali cinesi e pure i film di Bud & Terence. Per cui anche io vorrei vedere pubblicati in DVD film di cinema di 'genere'.
Tutto qui, spero di non aver disturbato nessuno con il mio post...
[yAnja]
80 - Traduzione... 06.06.2003 17:44
Ciao A.L.E.X. Dunque: 'Nuovo transfer digitale dal
negativo originale' significa in soldoni ALTA QUALITA'
VIDEO, in quanto il video è stato ricavato con
tecnologia digitale a partire dalla fonte qualitativamente
migliore esistente (il negativo originale appunto).
INTEGRALE significa che non sono stati effettuati tagli
rispetto al montaggio originale. 'Supervisionato da
Deodato' vuol dire che il regista ha controllato
personalmente le fasi di transfer e che quindi, si spera,
che la versione sia quella voluta dal regista.
[John Doe]
81 - In cerca di un chiarimento 05.06.2003 19:55
Non sono molto esperto di queste cose, quindi volevo un piccolo chiarimento:

la frase 'Nuovo transfer digitale del negativo originale integrale supervisionato da Deodato'
tra l'elenco degli extra significa per caso che il film non è censurato ma è riproposto in dvd in vers. originale?

Grazie.
[A.L.E.X]
82 - ah bè.. 04.06.2003 14:42
Se per te 'l'amore per il cinema' è guardare una donna impalata, una scimmia a cui viene mozzata la testa... delle presunte vessazioni da parte di un branco di imbecilli ad una popolazione locale, lo squartamento di una testuggine ecc...
mi tengo stretta la mia concezione di amore pe ril cinema.


[emmeci]
83 - non ci credo!!! 04.06.2003 10:32
ho letto la lunga discussione che il film ha generato... e ho letto anche le più ferme opposizioni da parte di alcuni, in particolare emmeci... e ora cosa leggo??? che di CH hai avuto la sfortuna di vederne un 'pezzetto' in una tv privata anni fà??? (in un altro posto dici di aver visto 'foto').
scusami, io sono rispettoso dell'opinione di tutti ma questo credo sia troppo... giudicare un film da spezzoni e da fermi immagine credo sia un offesa per il cinema in generale...
credo che tu abbia una concezione di cinema molto hollywoodiana.
come dire... se non sia ha a disposizione tom hanks, robin williams e al pacino non verrà mai fuori un bel film perchè son mal recitati... la recitazione non è necessariamente tutto in un film, anzi, facile fare un bel film quando hai De niro etc...
ok, mi fermo qui, sperando che in giro ci siano ancora spettatori che amino il cinema nel suo significato più antico,quelli che credono che con 4 attori e una cinepresa si possa ancora far emozionare .
[dEUS]
84 - caro 'il palazzo': un pensiero finale. 03.06.2003 09:19
grazie per la risposta... confermo che se la scena del vitello fosse reale la detesterei così come C.H. .. così come mi capitò molti anni fa quandomi propinarono 'L'albero degli zoccoli' durante una proiezione scolastica (me ne andai beccandomi la classica nota).

Oltre a questo non poosso che concludere questo lungo dibattito solo precisando che a me non frega nulla se è cult o non cult per gli amanti del 'genere'... dico solo che per me (e purtroppo ho avuto la sfortuna di vederne un pezzo su una rete privata molti anni fa) il film dal punto di vista artistico non vale nulla, è recitato orredamente, e che trovo detestabile che venga prodotto, girato, diretto, recitato, commercializzato, venduto ecc ecc a solo di lucro un film che non trasmette nulla, ma che, causa i bassisimi budget (ovvio chi glieli dava dei soldi?), è costato delle sofferenze a deglie esseri viventi.
[emmeci]
85 - Apocalypse Now e 'poveri animali'? 30.05.2003 11:05
>Io non so se volevi dire che in A.N sono stati uccisi degli animali.

Nel finale di Apocalypse Now... (se non lo volete sapere non leggete)

-Anticipazione / Spoiler-

Quando Martin Sheen compie il suo dovere 'ponendo fine al comando' del Colonello Kurtz, Coppola, rifacendosi ad Eizenstein (se non sbaglio), monta la scena alternando la sequenza con quella degli uomini di Kurtz che decapitano un vitello.
Dalla sequenza si direbbe che sia una vera uccisione, ma non ne sono certo. Questo per me non inficia minimamente AP.
CH non l'ho visto, se mi capita tenterò (è un po' pesantino quindi non so se reggerei).
CMQ è un CH è un CULT, avendo a distanza di anni uno zoccolo duro di fan motivati che non si vergognano di esserlo.
Poi tra CULT di nicchia come CH e capolavori universalmente riconosciuti c'è una bella differenza.
[il Palazzo]
86 - apocalypse now: scena del toro. 28.05.2003 22:45
La scena del toro macellato è vera...
(naturalmente Dio solo sà quanti altri film, sopratutto meno recenti, abbiano usato scene vere)
io non dico che il film non possa piacere, ma accetto solo che lo si giudichi per la qualità artistica e non per altre motivazioni...
altrimenti dovreste mostrarvi tanto coerenti da bocciare un capolavoro indiscutibile come apocalypse now... (ok, tu saresti coerente da farlo... gli altri?).
[dEUS78]
87 - tralasciando... 28.05.2003 08:48
Al resto del mondo il confronto artistico tra A. Now e CH..
Io non so se volevi dire che in A.N sonos tati uccisi degli animali.

Se si non lo sapevo, e spero che qualcuno mi illumini, perchè in questo caso per me, ed esclusivamente per me, le considerazioni fatte per la CH valgono anche per A.N.

Le restanti considerazioni sul fatto che mangiamo carne e ci scandalizziamo se vengono uccisi animali in un film, non meritano replica, in quanto qualunquistiche.
[emmeci]
88 - incompetenza.... 27.05.2003 19:35
mettiamo caso si possa giudicare una pellicola per meriti non artistici... mettiamo caso CH sia una mer..a perchè han ucciso animali...
allora anche apocalypse now è una mer..a?
spero di trovare le stesse accuse che avete lanciato qui anche nel forum del film di coppola.
[dEUS78]
89 - ... 26.05.2003 13:26
gli animali uccisi sono stati mangiati a detta dello stesso deodato qnd l'uccisione diventa forse giusta ??? sia chiaro che nemmeno io sono felice di qll che è stato fatto però non trovo giusto stroncare 1 bellissimo film per questo... e poi sentirsi dire che del film si parla solo x qst scene... pensate sia l'unico film girato in qst maniera?? bhè vi sbagliate di grosso e pure degli altri non siamo qui a parlarne perchè...?
[josh]
90 - premesso che.. 19.05.2003 20:26
..tra i detrattori di CH potrebbe anche esserci un vegetariano, CARO JOSH, vorrei ricordarti che siamo cugini dei primati, e come conferma la nostra dentatura e il nostro intestino siamo ONNIVORI, è del tutto naturale cibarsi di carne... ti prego di evidenziarmi se, in natura esista una forma di SEVIZIE A SCOPO DI LUCRO da parte di una qualsivoglia specie vivente.
[emmeci]
91 - caro josh 19.05.2003 08:15
Non sono vegetariano, amo la carne ma non per questo ritengo che ammazzare animali per farne pellicce (esistono quelle sintetiche) o peggio ancora per fare un film 'cult' (esistono gli effetti speciali) sia giusto. In fin dei conti noi uomini siamo come gli animali. L'animale più grande mangia quello più piccolo, ma per sfamarsi non per farne un film.

Marvel_200
P.S. A me la verdura fa schifo.
[Marvel_200]
92 - hmm 18.05.2003 17:57
Al di fuori del fatto che mangio carne solo se necessario, mangiare carne é uno spreco terribile...
Ci pensate alle tonnellate di scarti che non mangiamo, di parti che vengono buttate e lasciate marcire?
Siccome per allevare animali (tipo mucche o pecore) si necessita di grandi spazi aperti, e quindi prati in cui si nutrono, mangiare carne riduce anche l'ambiente che ci circonda.
Andate a dirlo agli allevatori di bestiame in amazzonia, che sterminano foreste e foreste, per far mangiare l'erba ai loro animali, che ci vengono importati, sotto forma di bistecche.
Il terreno brasiliano, non é molto adatto a questi tipi di allevamento, e siccome l'erba stenta a ricrescere, si ha biscogno di nuovi prati... e via altre foreste abbattute...

Forse stò cambiando discorso... a dir la verità volevo dire... (e rispondere a josh) che vabbé, ovvio che gli animali che mangiamo sono stati uccisi (e fose anche brutalmente), ma uccidere un essere vivente, per motivi che non sono di sopravvivenza... mi sembra uno scempio...

come si fa a ammazzare in quel modo (come si vede nel film) animali che poi non verranno mica dati in pasto alla trouppe? hmmm vabbè... uccidere animali per servirsene a scopo di vivere... forse va bene... forse...

ma ucciderli per far divertire la gente... hmmm... siamo a discorsi analoghi alle corride. comunque ognuno é libero di scelta... e di manifestare la sua natura... facendo e divertendosi come preferisce...
solo che mi secca che la spesa sia uno spreco inutile di vite animali.

ciao e pace.
[Marx]
93 - cult 16.05.2003 19:35
Certo che ch holocaust è 1 cult... cult non vuol dire capolavoro anche film che non sono nulla di speciale come regia e tecnica diventano cult! i film di ''pierino'' con vitali sono cult qll di fantozzi con villaggio sono cult i vari rocky sono cult commando con schwarzenegger è 1 cult! qst è innegabile sono tutti film mitici... poi sulla qualità artistica potremmo discutere per ore!!!
Secondo me cmq ch rimane anche 1 film bellissimo... per qnt riguarda gli animali uccisi spero che qll che si sono lamentati siano tutti vegetariani visto che la bistecca che avete appena mangiato viene da 1 animale... e non si è suicidato x sfamarvi e stato ucciso in maniera altrettanto brutale del maialino o della tartaruga di ch!!!
[josh]
94 - Scult 15.05.2003 17:53
Io personalmente CANNIBAL HOLOCAUST ce l'ho da parecchio tempo, e devo ammettere pero' che a suo tempo lo avevo comprato solo per gusto del collezionismo, ma quando l'ho visto sono rimasto disgustato e un po shokkato. Mastico film horror da parecchi anni e ormai non c'è quasi niente che mi impressioni... ma realizzare un film con vere torture e uccisioni di animali, tra l'altro perpetrate non solo da tribù indigene, ma da quella combriccola di bastardi smidollati tra i quali spicca Mr. 'sappiamo chi', secondo me è un vero e proprio crimine. Per quanto mi riguarda avrebbero dovuto chiuderli tutti in galera. Mi sento tranquillamente di dire che CANNIBAL HOLOCAUST NON E' ARTE!
[Hardflip]
95 - Jareth... 12.05.2003 23:02
Puo essere tutto può essere... c'era gente che anelava (ed anela ancora) alla purezza della razza..

Che ha tentato di sterminare, omosessuali, handicappati, e le persone di diversa razza e credo religioso... e... non è che ci sono andati troppo lontani. Anche Saddam ci ha provato con Curdi e Sciiti... per non parlare di Stalin,. Pinochet, Amin Dada ecc. ecc...

Sta di fatto che almeno in una cosa la 'nostra' civiltà si è evoluta: nel rispetto della libertà e della persona.

E dubito fortemente che possa avvenire uno sconvolgimento tale da controvertire certi assunti.

Poi non tiriamo in ballo Deodato confontandolo con la Guerra del Golfo..

O comunque non uno che abbia il coraggio di dire che: 'Adoro il film di Deodato, e se ha dovuto ammazzare degli animali per farlo... passi pure'; su su su ragazzi un poco di coerenza, e non date agli altri degli ipocriti moralisti.
[emmeci]
96 - Capolavoro o no? 12.05.2003 21:01
Ciao...

Mi inserisco brevemente nella conversazione.

Premetto che non voglio assolutamente entrare nella diatriba: voglio solo scrivere due righe di risposta a emmeci.

E' vero che il cinema e' una forma d'arte ed e' vero che ci sono opere universalmente riconosciute come capolavori.

Quindi, fermo restando tutto quello che scrivi, rimane anche il fatto che la Gioconda, la Pieta', tutti gli esempi che tu citi e migliaia di altri ascrivibili a capolavori, non sono realizzati a spese, con le sofferenze e/o causando la morte di chicchessia (essere umano o animale).

Se cosi' non fosse, magari un domani scopriremo che anche la recente guerra del Golfo sara' definita un capolavoro... e le torture inflitte da Saddam Hussein agli iracheni, un'ennesima forma di arte incompresa, di estremo valore.

Tutto qui.
Era solo una riflessione.

Ciao.
[Jareth]
97 - Mr. Blonde, una cosa non mi è chiara... 12.05.2003 17:59
il cinema è una forma d'arte giusto?

ok... allora come mai ci sono opere d'arte universalmente riconosciute come tali in ogni forma dell'espressione della creatività umana: da Stonhenge alla Gioconda, dalla Pietà di Michelangelo a Picasso, da Leopardi a Mozart... e via così...

Mr. Blonde.... aiutami tu,

insomma... che una cosa possa piacere ad uno e fare schifo ad un'altro... rientra assolutamente nei gusti (?) e nella libertà personale, ma si potrà pur definire cosa è o non è un capolavoro.

Voglio dire se dico che un'opera di Kubrick è un capolavoro... il 99% degli appassionati mi risponderà con delle conferme giusto? la critica mondiale lo ha acclamato giusto? è stato plurimepremiato nei festival e dai botteghini...

se invece cito ... ma no vah... non lo cito... 'quel film' girato da 'quello la' mica succede la stessa cosa.

Va bè... dai, ciao mr.Blonde, il mio cane mi ha detto di ringraziare anche te per quello che hai scritto.
[emmeci]
98 - boh 12.05.2003 17:13
mr. blonde: per quanto riguarda ed wood, beh, non volevo essere arrogante, ma leggendo il tuo post, ti riferivi allo stesso solo per quanto Burton aveva raccontanto nel suo film... ho pensavo non avessi idea poi di chi egli fosse... ma la mia era una parentesi inutile, non sono certo convinto, nè volevo convincerti, fosse un buon regista.
credo che se il suo amore per far cinema magari fosse stato minore, non si sarebbe umiliato a usare piatti di plastica per far ufo e tendine per creare astronavi...
non siamo qui per dare sentenze ma per dare le nostre opinioni
e cosi' come ed wood non sarà il peggior regista della storia, anche per il sol fatto che non abbiamo visto TUTTI i film della storia, per poter giudicare, cannibal holocaust non sarà un capolavoro perchè ci son siti che dicono essere un capolavoro...
ma è un capolavoro per me, una merda per te... fine... e credo si debbano rispettare le opinioni personali di tutti.
[From ashes to wind]
99 - chiedo scusa.... 10.05.2003 12:32
il mio cane mi ha fatto un m...o tanto perchè non ho ringraziato da paret sua anche Marvel... rimedio... e colgo l'occasione per ringraziare da parte di tutti i bambini che NON vedranno per sbaglio tale film in quanto i genitori NON lo avranno volutamente acquistato.
[emmeci]
100 - ? 09.05.2003 17:15
Non volevo andare oltre il numero spropositato di post
dedicati a questo titolo: il fatto di essere stato coinvolto
a titolo personale mi obbliga a rispondere agli
interlocutori che, evidentemente, 'vogliono andare per
le lunghe'...

Fabri _ Mi sento talmente solo a non aver compreso
questo film che... 'se infatti i vari Mondo Cane e Africa
Addio sono gli espliciti bersagli dell’attacco di Deodato,
è altresì innegabile che lo stesso Cannibal Holocaust
brilli di ipocrisia propria, salvata in corner dal succitato
“alibi” auto-ironico-parodico. Deodato mostra, con tono
di biasimo, uccisioni di animali quando è lui stesso ad
aver fatto uccidere quegli animali per girare il falso
documentario e proiettar(ce)lo nel (suo) film; inserisce
una sequenza in cui vediamo un blob dei reportage
estremi dei giornalisti scomparsi, con immagini del tutto
omologhe a quelle visibili in un qualunque Mondo
Cane, con l’evidente intento di ribadire la critica a
Jacopetti e colleghi ma mostrando, di fatto, (vere)
uccisioni, esecuzioni e fucilazioni; appiccica una
banale “morale della favola” che assolve i cannibali di
fronte ai crimini dell’uomo civilizzato ma dipinge i
cannibali stessi come selvaggi decerebrati dalle
usanze inenarrabili; inserisce commenti off non meno
qualunquisti e ipocritamente moraleggianti di quelli dei
suoi “nemici”; in sostanza, se la prende col facile
sensazionalismo e col voyeurismo mentre sta girando
uno dei film più sensazionalisti e voyeuristi della storia
del cinema italiano'
(http://www.spietati.it/speciali/proibiti/cannibal_holocau
st.htm). Un commento scelto fra i tanti sulla Rete. Siamo
in molti a soffrire di solitudine, sette solo in questo
thread.

Ho anche provato a cercare su Google le parole chiave
'Cannibal Holocaust', non solo in lingua italiana: mi è
comparso, al primo posto, lo straordinario sito
www.cannibalholocaust.net sul quale si può
acquistare, navigando fra teschi e scritte trash-emente
insanguinate, la FANTASTICA t-shirt del film
(sponsorizzata da Rotten e raffigurante un
impalamento), a soli $19,99 (Mastercard e Visa sono
accettate). Consigliabile per una serata radical-chic:
farei un gran figurone!!!

from autumn to ashe _ Tornando sulla terra, 'Planet' 9
(grazie Tyler, mi hai risparmiato la fatica)...

> possibilmente il film andrebbe anche visto se ne vuoi
parlar male

...non solo l'ho visto, ma ho registrato i suoi film
principali (Plan 9, Glen or Glenda, The bride of the
monster) su una cassetta da quattro ore un paio di anni
fa su Tele+, durante la notte 'Omaggio al peggior
regista della storia: Edward Wood'. Ho sbagliato la
prima menzione 'other': la corretta è effettivamente
'outer', nel titolo originale... ma, giuro, ogni volta che
parlo del film mi ricordo il titolo in maniera errata!

Come fai, comunque, a dire 'non l'hai visto' a priori, in
maniera tanto affrettata (come vedi) quanto arrogante?
Intendi suggerirmi che, vedendolo, 'non potrei non
amarlo'? Cioé: una pellicola palesemente ridicola e
qualitativamente pessima (i salti tra notte e giorno nella
stessa sequenza del cimitero, le tendine da doccia
quali porte dell'astronave) dovrebbe avere una
qualunque potenziale attrattiva, se non quella della
passione - unicamente personale - per le bassezze che
un certo tipo di arte può raggiungere, in qualche caso?
Certo, ammetto tranquillamente che qualcuno possa
trovare queste bassezze 'pop' e affascinanti, magari
ricche di spunti dietrologici nascosti (nella concezione
strettamente Wharoliana, che ha poi alimentato
concettualmente la nascita e lo sviluppo degli 'snuff
movies' degli anni Settanta, quelli - per intenderci -
basati anche su pasti a base di escrementi di animali in
mezzo alla strada). Del resto lo stesso Manzoni mise le
proprie feci dentro un barattolo, vendute in serie
limitata a prezzi esorbitanti: tali operazioni comunque,
al di là del valore di chi le idea, rimangono unicamente
provocazioni.

Un 'cult', come una 'ciofeca', nell'accezione generale
deve essere universalmente riconosciuto. Cioè deve
possedere la forza intrinseca di penetrare in modo
omogeneo qualsiasi classe sociale e livello culturale,
con la forza rivoluzionaria del proprio messaggio. Già
questo thread dimostra il contrario: non basta un
manipolo di scene shock, uno stupro con una pietra e
quattro animali ammazzati per travolgere il corso del
pensiero occidentale... sostenere il contrario significa
credere che 'Merda di Artista' sia un opera d'arte dal
profondo valore sociale.

Non ho mai avuto la pretesa di esprimere una
valutazione assoluta! Il fatto che il film sia
maggiormente riconosciuto all'estero lo deduco
logicamente e facilmente: i 'numeri' sulla Rete sono
riferiti anche all'estero (quindi i risultati sono più
numerosi per 'il resto del mondo') e la capacità critica di
chi si è formato culturalmente con titoli tipo 'l'Attacco dei
pomodori assassini', purtroppo, non gode -
personalmente - di troppa credibilità. Credo ancora,
come Nick, nella qualità degli 'italici critici' che hanno
stroncato senza appello il titolo in questione.

CH, come il citato 'Paulo Roberto Cotechino', è oggetto
di venerazione in 'ristretti' gruppi di appassionati che,
pur liberissimi di comprarsi tonnellate dei propri DVD
preferiti, almeno ammettano di esercitare scelte di
nicchia. Niente di male, anzi...
[Mr.Blonde]
101 - Basta non se ne può più 09.05.2003 15:32
Avete ragione, anzi metterei Hannibal Olocaust tra i dieci film più importanti del mondo da preservare, con buona pace di Via col vento.

Mo vi prego smettetela che state diventando noiosi.

Vedremo quante copie venderà questo cult.

Mi faccio meraviglia come mai questo avvenimento, l'uscita di questo dvd, non sia stato ripreso dai telegiornali o dai quotidiani, in genere i CULT fanno più notizia di 10 chattatori che litigano su web.

Lo ripeto, 'accatatavil', vedetevelo e rivedetevelo ma andiamoci piano co sta storia del cult per favore, c'è gente come ridley scott, o salvatores per nominare un nostrano che potrebbe offendersi.
[D]
102 - siao ancora qui a discutere.. 09.05.2003 14:54
se è cult o non cult...
nessuno, o quasi, che prenda una posizione sul fatto che potrebbero essere stati ammazzati degli animali per realizzare un film...
io non capisco...
ho visto ed apprezzato molti horror, anche definiti 'cult', penso al terrificante (per l'epoca) 'nightmare' ..ecco questo in dvd mi pare non ci sia... oppure a film estremamente cruenti o inquietanti quali 'Arancia Meccanica' oppure 'Il silenzio degli innocenti'.

Per quanto riguarda gli horror.. per non dimenticare Dario Argento, le 'case' da 1 a 174 e tutti gli Horror 'paranormali' ricordiamolo, vi è sempre una componente 'irreale' o meglio 'impossibile' che lascia spazio alla nostra mente ed al nostro immaginario pur mantenendo un'ancora, una via di fuga dall'incubo... ovverosia la palese impossibilità nel verificarsi di questi eventi..

Insomma fuori dai miei incubi (o meglio dentro) nessun deturpato armato di guanti rasoiati mi verrà a dare la caccia uccidendomi realmente...

Purtroppo la cruda realtà di altri film è quella , senza appiglio alcuno, è di eseguire una condanna a morte per fini ludici di un essere vivente.
Questo per me resta moralmente sbalgliato, almeno sino a che il reato di opinione non sarà presente in questo paese.

Che sia cult o non cult penso non freghi sostanzialmente a nessuno... e neppure cambi la vita ne dei detrattori ne degli amanti del genere.

Resta però triste che non freghi altrettanto quasi a nessuno se 'eventualmente' viene mozzata una testa ad una scimmia.

Per Nick...
mi 'linki' un forum dove uno possa dire la sua senza essere insultato? :)

Comunque sei un grande.

Grazie da parte del mio Cane (con la C maiuscola)
a Nick, Aloisius, [D], Marvel ecc...
[emmeci]
103 - prima di fare il 'dottorino'... 09.05.2003 12:40
...informati bene: il titolo è Plan 9 From Outer
Space, ovvero 'piano 9 dall'oltrespazio' e non
'Planet' come tu dici.
Se non credi a me vai su questo link:
http://us.imdb.com/Title?0052077
[Tyler Durden]
104 - Certo.. 08.05.2003 22:49
'Il film rimane una ciofeca universalmete riconosciuta'
Complimenti Mr.Blonde, un vero intenditore, solo tu non potevi capire il messaggio (chiarissimo) che sta dietro a questa perla del cinema italiano, un messaggio che Deodato è riuscito ad esprimere nella sua più macabra realtà come nessun altro. La frase finale del film mi sembra eloquente, ricrediti.
[Fabri]
105 - cult? si 08.05.2003 22:00
x mr blonde :
prima di tutto ti correggo, planet nine from outer space (si scrive cosi', e possibilmente il film andrebbe anche visto se ne vuoi parlar male) cmq questo film era conosciuto ben prima che arrivasse la mano di T Burton.... ricordo perfino ne fecero un videogame su c64 quando avevo 10 anni (e al tempo le licenze sui film si buttavano, dagli intoccabili, a platoon, etc etc)

Per me un cult non è necessariamente un bel film, l'ho già detto e lo ripeto... è un film di culto un film che ha qualcosa in più ma nello stesso tempo di diverso dagli altri per cui verrà ricordato nei tempi.. e ogni film da te elencato ha qualcosa in più ma sopratutto di diverso da altri film... se stiamo parlando di cannibal holocaust da più di 20 anni fatti tu i conti!

poi ho maggiori dubbi sul fatto che il film è unversamente risconosciuto una ciofeca, credo sia meglio la prox volta esprima un tuo giudizio personale, lasciando a noi il compito di dir la nostra (su 10 siti, 9 griadano al capolavoro) e ti ricordo che il film è più conosciuto / riconosciuto all'estero che qui da noi.
[from autumn to ashe]
106 - l'hai visto! 08.05.2003 21:33
PER [D]
allora credo ci siano molte inesattezze in quel che dici
premettiamo che amo il film e lo considero un capolavoro
in ogni caso accetto le opinioni contrarie volevo però correggerti
un cult non è un necessariamente un capolavoro.

Es., il film cult per eccellenza è easy rider... un film che segna una generazione e la spiega in 1:30 min una colonna sonora generazionale, la ribellione, le droghe ed ecco che nasce IL film indipendente per eccellenza...
Il '68 lo si può spiegare proiettando questo film, qualitativamente l'opera è buona, ma assolutamente nulla di eccezionale... certo, anche blade runner è un cult, e allo stesso tempo un capolavoro, ma è un caso... the crow è un cult ma un film mediocre...
e il sol fatto che tu abbia visto CH e ne sia rimasto scioccato per giorni, come ammetti, è sinonimo di un film CULT, uno di quei film che non lascia indifferenti, uno di quei film che segnano!!! io i brutti film tendo a dimenticarmeli in 24 ore, non ricompaiono nei miei peggiori incubi!! nè mi lasciano qualcosa per cui dovrei ricordarmeli a distanza di giorni, mesi, anni eppure CH è ancora li'... appena chiudo gli occhi.
[From autumn to ashes]
107 - Ma... 08.05.2003 18:54
...chi ce l'ha fatto fare? Arrivare a 37 messaggi? Indiana
Jones ne ha 12... Ragazzi, adesso basta! Compri chi
ha voglia di comprare e cambi pagina chi non ne vuole
sapere, ma smettiamola di girarci intorno di corsa...
[Mr.Blonde]
108 - Il culto del trash... 08.05.2003 16:54
questo é e questo rimane. Mr. Blonde non ha sbagliato nella sua analisi. Il mercato del trash ha trovato nuova linfa e mai prima d'ora é stato così abbondantemente alimentato da riedizione (più o meno di qualità) di film che vanno ben oltre la sigla 'B'. Bisogna però riconoscere un reale sforzo alla ricerca di qualcosa di nuovo, di una possibile rivoluzione di generi ormai arrivati alla data di scadenza. Ma il trash fa parte di ogni epoca, come in quella recente dove assegno il premio 'Pellicola Sprecata' a Minority Report.
[LoBo]
109 - Ch : il migliore del genere 08.05.2003 15:13
'Il film rimane una ciofeca universalmete riconosciuta', dice l'amico Mr.Blonde.
Io penso che CH sia il miglior film sui cannibali e visto che il genere nn è molto vasto, è il MIGLIOR film sui cannibali, quindi di un genere. Come si fa a negare che sia un cult? Mi sembra che lo odiate troppo o vi stà 'scomodo'.

In un modo o nell'altro, ribadendo che è il miglior film di un genere non puo' che essere un Cult.
[Mr. Green]
110 - Mr.Blonde: hai ragione 07.05.2003 20:26
Mr.Blonde secondo me hai completamente ragione... ma rifletti pure sul fatto che ci sono persone che nn vorrebbero nemmeno che tali passioni si limitino a scelte casalinghe!!! Ciao
[Davide]
111 - Cult? 07.05.2003 19:35
> Cannibal Holocaust le genera. Cannibal Holocaust è
> un cult.

I 'cult' cinematografici - è una verità oggettiva - sono
sempre stati riconosciuti come tali nei primi mesi (o
anni) immediatamente successivi la loro uscita nelle
sale: retrocedendo cronologicamente, in ordine sparso
e ovviamente incompleto, troviamo Matrix, Pulp Fiction,
Indiana Jones, Blade Runner, Guerre Stellari, Incontri
ravvicinati, L'Esorcista... via via fino a West Side Story,
Gioventù Bruciata o Psycho... Anche 'Plane 9 from
other space' di Ed Wood oggi fa parlare (poco) di sé,
ma come 'film più brutto della storia' e solo perché Tim
Burton, cultore di trash per sua ammissione, ne ha fatto
un magistrale ritratto partendo dal personaggio del
regista... E allora? In edicola sono usciti, poco tempo fa,
tutti i film di Franco e Ciccio... ma questo non vuole dire
che siano stati beatificati. ll trash rimane trash,
apprezzato da una ristretta cerchia di fanatici che
almeno, però, ammettono (anzi, si vantano) la propria
passione.

Chi vuole comunicare le sentenze personali, tipo
se-ne-parla-oggi-dopo-anni=oggetto-di-culto, dovrebbe
sedersi un attimo a ragionarci su: il film rimane sempre
una ciofeca universalmente riconosciuta e siamo qui
ancora a parlarne (e SOLO qui, non certo sui siti
americani dell'Academy Awards) solo perché - in
generale - piace a tutti montare un caso internazionale
delle proprie scelte casalinghe...
eh eh eh eh eh...
[Mr.Blonde]
112 - Dissento 07.05.2003 15:17
Non sono d'accordo con questa valutazione. Se è per questo oggi si parla ancora di 'paolo roberto cotechigno centravanti di sfondamento' (ne sentivo parlare a coming soon proprio l'altro giorno).

Non per questo è un cult.

Mi spiego meglio: per me, valutazione personale, è una schifezza;

per altri, sempre come valutazione personale, può essere un capolavoro.

Ma che non sia un cult è un FATTO.
[D]
113 - Cannibal cult 07.05.2003 01:56
E ci siete cascati tutti.
Tutti voi che dite che il film non è un cult. Ma nn vi rendete conto che il film, dopo 20 anni fa ancora parlare di se ?.
Male o bene non è importante... un film CULT lo è perchè ogni volta che viene menzionato genera discussioni anche forti.
Cannibal Holocaust le genera. Cannibal Holocaust è un cult.
[Mr F]
114 - La libertà individuale è intoccabile. 06.05.2003 19:34
A mio avviso la questione fondamentale della diatriba in corso è che, da ambo le parti, c'è una generale tendenza a nn tollerare e a denigrare le opinioni altrui. Sebbene infatti possa condividere il fatto che Cannibal Holocaust nn sia un capolavoro (e nemmeno un cult), trovo cmq. oltremodo 'fascista' il fatto che persone che, a differenza del sottoscritto, sono interessate a visionare il film siano osteggiate da individui che, dietro una celata apparenza di difesa della 'morale comune' (a chi può interessare un film dove degli animali vengono uccisi realmente?), in realtà esprimono solo una enorme intolleranza verso ciò che nn riescono (o nn vogliono) capire. Io in prima linea trovo disdicevole che Deodato abbia realizzato sequenze con violenze reali su animali per realizzare il film, ma nn per questo mi atteggio da 'paladino della morale' insultando chi ha acquistato o acquisterà il DVD. Se mi comportassi altrimenti nn farei altro che venire meno al 'mio' principio fondamentale: e cioè che la libertà individuale è intoccabile.
Ognuno deve essere libero di poter comprare ed apprezzare il film da una parte, e di nn comprarlo e di denigrarlo dall'altra; ma NESSUNO può ragionevolmente permettersi di poter giudicare l'altro per le propria libera azione!!!

E ciò è proprio quello che state facendo in questa discussione: ognuno si sente libero di poter offendere l'altro solo perchè si hanno due visioni opposte della situazione!!! Ciò a mio avviso nn è accettabile, come nn è accettabile che nel 2003 si possano raggiungere livelli censori di tale portata. Diamine una operazione commerciale come quella della pubblicazione del DVD del film di Deodato è indirizzata ad un target ben specifico e nn alla popolazione generale, quindi è giusto che chi è interessato al film lo possa vedere, ed invece, chi lo trova 'immorale' ne stia alla larga e, se proprio ne vuole discutere, almeno si prenda la briga di vederlo prima!!! Bene ora devo andare ma successivamente vorrei chiarire altri punti. Ciao.
[Davide]
115 - L'ho visto 06.05.2003 16:33
Ricordo di avere visto questo film moltisimi anni fa su una emittente privata.

Ricordo anche che dopo averlo visto rimasi in stato di shock per diversi giorni.

Col senno di poi non posso fare altro che chiedermi: a che ca**o serve sto film?

Non so che dirvi ragazzi, siamo in una democrazia, se vi piace compratelo pure, ci mancherebbe altro.

Quello che davvero da fastidio è che vi intestardiate a definirlo un 'cult'.

Un film è un cult solo quando è universalmente riconosciuto come tale (ad esempio, non esiste critico che non definisca cult 'blade runner'), e non mi sembra il caso di questa controversa pellicola.

Detto questo sono contento per voi che avete il vostro film che aspettavate da tanto tempo e vi auguro buona visione.
[D]
116 - W la libertà. 06.05.2003 15:13
W la libertà.
Sia di comprarlo che di denigrarlo però arrivare a chiamare cult un simile film è troppo.
Se convinco a riprendere alcuni miei amici a schiacciare le lucertole tra i denti e a succhiarne le budella poi divento anche io un regista cult...

DVD WEB boicotta questo prodotto!!!

Gli animali sono davvero migliori di noi...
[aloisius]
117 - vedo... 06.05.2003 14:50
...con piacere di non essere il solo appassionato del film di Deodato.
Quello che vorrei riaffermare con vigore è il lavoro superbo della Alan Young Pictures che con questo dvd davvero si appresta ad essere la prima VERA label di produzione dvd in Italia degna di battersi ad armi pari con gli Americani.
Sulle critiche dei 'bacchettoni' ho già parlato e concordo in pieno con John Trent che mettere sullo stesso piano critiche sul lato tecnico di un dvd e critiche sul lato artistico del suo contenuto è una emerita ca...ta
Anche io sono anni che attendo con ansia questo film e, mereghetti o altri critici, a parte, voglio sottolineare la bellezza e la poesia di questo film di cui tutti vi state dimenticando (o che addirittura qualcuno non ha proprio visto, basando il proprio giudizio su foto viste sulla rete).
Le scene forti ci sono, ma rispetto a tanti altri film, hanno un loro contesto e non sono buttate lì a caso.
E poi, dato che i denigratori del film parlano tanto di libertà, che ogniuno possa sempre scegliere cosa guardare, con coscienza e giudizio, anche quello di condannare l'opera ma cmq. di rispettare la altrui scelte. Abbasso ogni forma di censura che offende solamente la nostra intelligenza!
Grande Alan Young Pictures.
[nolan72]
118 - Alt! 06.05.2003 13:58
Avendo abbandonato per i medesimi motivi (purtroppo)
questo forum nei mesi scorsi, credevo che durante la
mia assenza da una parte la Redazione avesse deciso
di moderare in modo più accurato gli interventi,
dall'altra che una sorta di 'netiquette' diffusa avesse
suggerito maggiore attenzione al tono utilizzato dai
partecipanti nei confronti degli interlocutori.

Noto con sincero dispiacere che la maleducazione e
l'arroganza sono ancora molto diffuse, per cui mi
priverò, a malincuore, di confrontarmi - questa volta
definitivamente - con gli altri utenti di questo sito.
Nessuno sentirà la mia mancanza, certo: io però
sentirò la Vostra, perché il cinema e quello che ne
pensa la gente mi hanno sempre gratificato molto.

Da appassionato (spero comunque di essere apparso
educato nei confronti di quegli interlocutori che si sono
sentiti 'offesi' mio malgrado), mi dispiace aver notato
che chi condivide la mia stessa passione purtroppo
non applica, spesso, quella moderazione e
argomentazione che dovrebbero essere tipiche di chi è
fermamente convinto di ciò che sta sostenendo.

Non vale la pena, e mi rivolgo ad emmeci e nolan, farsi
coinvolgere in appassionati dibattiti, argomentati con
tutta l'attenzione possibile, per poi farsi liquidare con
'non hai la testa', 'non rompere le balle', 'perbenista' o
'bacchettone'. Preferisco raccogliere l'invito ad 'andare
al mare': oggi è anche una splendida giornata!
[Nick]
119 - Per cortesia... 06.05.2003 13:20
Un conto è dire che un DVD è scarso perchè le qualità tecniche non sono all'altezza (ad esempio video sgranato, formato non anamorfico o scorretto, remix in DD 5.1 o DTS inadeguato, extra inesistenti, scene censurate etc.) e un altro dire che è scarso perchè il film fa schifo. Mi sembra che vi state confondendo un tantino.
Dare addosso a C.Gori o alla Fox se le prime edizioni di Pulp fiction e Balla coi lupi erano tecnicamente delle ciofeche è sacrosanto; ma non è certamente altrettanto sacrosanto fare una crociata per boicottare un DVD che ancora deve uscire e per di più in nome della libertà (?!).
Ma quale libertà?
Sono IO che vorrei essere libero di comprare i DVD che mi pare senza rotture di palle!!!
Bacchettoni, andate al mare che è meglio...
[John Trent]
120 - A tutti i ridicoli 06.05.2003 13:05
A tutti i ridicoli bacchettoni fintopuritanoperbenisti che affollano questo thread dico solo che se il film non vi piace NON COMPRATELO!
Inutile e pericoloso parlare di censura, di boicottaggio o altre idiozie. Il DVD e' rivolto ad un pubblico maggiorenne e quindi in grado di pensare con la propria testa (ma forse emmeci e nick non ce l'hanno), scegliendo e valutando IN PIENA LIBERTA' quale film vedere.
[geepy]
121 - Bah... 06.05.2003 12:42
Cannibal Holocaust è un film orrendo e sopravvalutatissimo che senza le scene di uccisioni di animali NESSUNO si sarebbe mai filato, poi non parliamo di libertà di espressione e non mettiamo in mezzo Salò e simili, Salò è un'opera d'arte, CH è un filmetto che ha permesso a Deodato di farsi i SOLDI e la fama sulle uccisioni di animali visto che arricchirsi sapendo dirigere un film per certa gente è eccessivo, vedere un film con...

1)tartaruga fatta a pezzi
2)una scimmia cui viene aperto il cranio e succhiato il cervello
3)un maiale a cui viene sparato da Barbareschi e co.

... è da deviati mentali e ripeto non vedo come si possa parlare di libertà di espressione in quanto sto film non viene criticato per motivi ideologici ma per orrende scene senza le quali ripeto NESSUNO si ricorderebbe di sto film; quanto alla Alan Young forse farebbe meglio a rieditare in dvd i film di Mario Bava, quello si un genio che non aveva bisogno di ammazzare animali per farsi un nome ed i soldi ma bastavano le sue straordinarie capacità: si pensi a Reazione a catena, Il rosso segno della follia e co.
[guest]
122 - Ancora 'mah'... 06.05.2003 11:01
Nonostante mi fossi ripromesso di non intervenire più
sull'argomento, leggere il 'comunicato' della Casa di
Produzione di questo DVD mi ha irresistibilmente
stimolato a comunicarVi qualche - spero libera -
riflessione sull'approccio commerciale di molti
distributori alle perplessità - DI QUALSIASI TIPO SIANO
- manifestate dai consumatori.

> invita pertanto tutti coloro che ritengano la pellicola in
qualche modo offensiva a non acquistarne l'edizione in
dvd.

Si commenta da sola: è come suggerire di non
comprare fragole a chi ne è allergico.
Lapalissiano, monsieur!

> ogni cittadino della stessa abbia libertà di scelta e di
espressione fin tanto che ciò non vada a ledere gli
interessi della comunità o non la si offenda
pubblicamente.

Gli 'interessi' sono della 'comunità' dei fruitori dei DVD
o dell''azienda' Alan Young Pictures? Chi 'offende'
chi? Allora le 'crociate' sostenute contro certe edizioni
Buena Vista o il boicottaggio collettivo attuato - a suo
tempo - contro Balla coi Lupi? Bah... ogni voltà che si
ledono interessi economici vengono tirate in ballo la
'libertà di espressione' o il 'libero mercato': il mercato
è libero, per definizione, quando esiste la possibilità di
un confronto e di una scelta, che avviene grazie e
soprattutto attraverso la valutazione del prodotto e delle
altrui esperienze legate allo stesso, positive o negative.
Grazie al Cielo esistono i forum!

> la Alan Young Pictures ritiene che l'uso di questo
mezzo tra le mura casalinghe non sia lesivo della
libertà di alcuno e non offenda il comune senso del
pudore

.. così come gli utenti di questo tipo di siti, me in primis,
ritengono che lo scambio di opinioni più o meno
colorite serva ad un'oggettiva valutazione dell'opera o
del prodotto che ci si appresta ad acquistare.

> si riserva di perseguire sia in sede civile che penale
chiunque violando le leggi del libero mercato, boicotti,
ostruisca o crei danno diffamando il buon nome della
compagnia.

... spero che DVDWEB prenda atto di questa
dichiarazione, contestandone i contenuti in modo
appropriato. Questo 'invito' possiede
un'interpretazione talmente ampia da coinvolgere tutti
gli utenti del forum, ammonendoli ad evitare qualsiasi
valutazione negativa sui titoli da commentare e a
meditare profondamente sulle valenze
socio-economico-legali di ciò che si va a scrivere.
Semplicemente pazzesco. E' la prima volta, da quando
partecipo ai forum di prodotto su molti siti, che
un'azienda si espone direttamente in modo così
invasivo: gli altri utenti comprendono perfettamente
che, Cannibal o non Cannibal, si sta cercando di
'censurare' un nostro diritto di consumatori.

Io ho dato vergogna alla Cecchi Gori per i tagli attuati
nella prima release di Pulp Fiction: spero che non
tintinnino le manette...

'Cult' e 'immondizia': viva la libertà!
[Nick]
123 - A tutti i moralisti... 06.05.2003 09:33
Non saranno certo le vostre ipocrisie catto-moralistiche a decidere per gli altri... questo DVD lo comprerò e non per questo mi riterrò inferiore a voi.
'Sarebbe illegale' girato oggi? A parte che è da vedere, e poi chissenefrega! I film 'politically correct' hanno rovinato il cinema... 'questa scena no perché offende tizio, od offende caio, od offende questa minoranza,...' col risultato di svilire (quasi) tutto quello che viene girato in USA (per guadagnarsi un UNRATED i registi venderebbero anche la propria madre, oltre a tagliare o girare secondo la fottut***ima censura).

Deodato ha avuto molto coraggio, effettivamente il film ha (poche) scene 'forti', ma sono inserite in un CONTESTO (il film, appunto) di cui i denigratori 'scordano' mendacemente l'esistenza.
A parte che ho visto documentari sulla vivisezione ben più crudi (e di molto) se un film fa riflettere non è comunque sprecato... e sia chiaro che amo gli animali, ma non sarà certo non comprando il DVD che riporterò in vita la tartarugona fatta a pezzi...
Pensavo i bacchettoni moralisti fossero tutti in Inghilterra, ma evidentemente 'dimenticavo' che qui in Italia c'è un forte retroterra 'secolare' (anche religioso) che tuttora spinge alcune persone a dire 'questo è bene-male, lo diciamo disinteressatamente, lo facciamo per il vostro bene e quello della società, ma come fate a non capire....'

Beh, siccome sono educato non posso rispondervi come meritereste... magari posso comprare 2 copie di questo DVD o consigliarlo agli amici... sì, questo ALLA FACCIA VOSTRA posso farlo!!
Abbasso la censura di qualsiasi tipo, W il cinema (e il Mereghetti ha pure rotto), W DEODATO.
[Lollopoppo]
124 - siete ridicoli! 06.05.2003 09:26
Ma se non vi piace il film non potete smettere di rompere...? non vi piace punto. andate a commentare quelli che vi piacciono, non dite toglietelo dal catalogo bla bla bla, ce chi lo aspetta da anni... vorrei ricordarvi che il vostro ca..o di amico Pedro Almodovar ha ucciso sei tori per girare alcune scene di un film e gli sono venute anche male...
[tuasorellaincariola]
125 - comunicato ufficiale 05.05.2003 23:43
La Alan Young Pictures prende atto delle controversie in merito alla propria release del film Cannibal Holocaust ed invita pertanto tutti coloro che ritengano la pellicola in qualche modo offensiva a non acquistarne l'edizione in dvd.
La Alan Young Pictures ritiene inoltre che nel pieno ripetto delle regole democratiche, 'ancora' vigenti nella Repubblica Italiana, ogni cittadino della stessa abbia libertà di scelta e di espressione fin tanto che ciò non vada a ledere gli interessi della comunità o non la si offenda pubblicamente. Essendo il dvd un supporto per uso privato la Alan Young Pictures ritiene che l'uso di questo mezzo tra le mura casalinghe non sia lesivo della libertà di alcuno e non offenda il comune senso del pudore.
La Alan Young Pictures comunica inoltre di assumersi ogni responsabilità riguardo la commercializzazione dell'opera in questione e si riserva di perseguire sia in sede civile che penale chiunque violando le leggi del libero mercato, boicotti, ostruisca o crei danno diffamando il buon nome della compagnia.

Michele De Angelis
executive producer
[Michele De Angelis]
126 - Grazie Marvel e Nick 05.05.2003 22:22
per quello che avete scritto... il problema è non ammettere la realtà.
Lasciamo perdere le opinioni..
Ci troviamo di fronte ad una pellicola... (ho visionato alcune foto) molto vicino allo snuff movie...
Questa pellicola, e non è opinione ma una legge del nostro stato, se girata in italia oggi sarebbe illegale. PUNTO.

Prima ci si nasconte dietro un presunto reportage di quello che sono gli usi e costumi delle popolazioni... BALLE!!! allora che facciamo... perchè in una parte dell'amazzonia, un francobollo, gli jivaros tagliavno le teste ai nemici, le svuotavano e mummificavano realizando le famose 'Tsantas' che facciamo tagliamo la testa ad un indio? per davvero? umhhh ma tagliamola allora a Deodato no? od all'attoruncolo porno comecavolosichiamava?
E poi dopo invochiamo la libertà? ma libertà di che? vorrei sapere se chi guarda tali film ha in casa un gatto... e magari gli compera la pappetta al salmone!!!

ipocrisia a badilate...

Ovvio poi a tutte queste cose non si risponde piu' .. si accusa all'interlocutore di essere stato insultante (falso, rileggetevi il post) ... finiti gli argomenti.... ci si trincera dietro ad altre cose cercando di far perdere le tracce del discorso...
Comunque riflettevo su un cosa... se su internet ci sono diverse centinaia di siti, dove una moltitudine di perosne la pensa come noi... bè... internet è nata dopo il 'prodotto' di deodato... quindi esiste ancora un coscienza.

Un abbraccio.

ah un consiglio... un film di 'nicchia' gia citato... è

Il mio piede sinistro...

Bye bye
[emmeci]
127 - Mah.... 05.05.2003 17:29
Intervengo un'ultima volta al forum per poi sparire
nuovamente, memore (e testimone) di tonnellate di
acredine gratuita che - molto spesso - si è riversata sui
partecipanti alle discussioni, da parte degli
interlocutori, in maniera impropria e non sempre civile.

Come sempre accade, per il film in questione si sono
sprecati fiumi di aggettivi radicalmente differenti: da
'pellicola culto' a 'immondizia' possono però esistere
milioni di sfumature che, trattandosi di oggetto dai
contenuti indubbiamente forti, sono state puntualmente
ignorate.

Ho visto la pellicola, o meglio ho 'cercato' di vedere la
pellicola poiché, ad un certo punto, il ribrezzo si è fatto
tanto forte da obbligarmi a spegnere il video e a trarne
le dovute (e personali) conclusioni. Questo film è un
prodotto di nicchia, come lo furono a suo tempo
'Mondo Cane' o 'Giovannona Coscialunga' o
'L'esorciccio'. A livelli diversi tutti questi filoni possono
essere giudicati 'cult' perché hanno rappresentato una
certa cultura pop (o trash, che dir si voglia) in epoche
diverse, magari in modo non proprio esteticamente e
artisticamente sublime ma sicuramente socialmente
importante.

Posso comprendere come esista una 'minoranza'
entusiasta di questo tipo di cinematografia, disposta a
difenderla con i denti come quella che, in un'altra
sezione di questo sito, sta combattendo per la
'salvezza' del Sapore di Mare vanziniano (strano:
entrambi i DVD sono prodotti dall'Alan Young
Pictures...) contro i presunti 'detrattori di registi
incompresi'.

Attenzione, però: ognuno abbia il candore di
ammettere, serenamente, di come si tratti comunque di
provocazione strategica, senza pretese di messaggi
universali e manierismi cinematografici, frutto di
operazioni commerciali dettate dal preciso momento
storico e sociale (come lo erano mille altre relegate
nelle medesime nicchie di mercato).

Vorrei infatti concludere questo intervento 'meteoritico'
con il giudizio espresso sul film da due tra i massimi
critici cinematografici italiani, Mereghetti e Morandini,
che - in perfetta sincronia - non vanno al di là di 1 stella
(su 5) per quanto riguarda il giudizio tecnico sulla
pellicola, mentre dal punto di vista contenutistico
liquidano la pellicola come 'inutile e cinica' o
'sensazionalista e per stomaci forti'.

Tutto qua.
[Nick]
128 - Bah! 05.05.2003 16:25
Continuo a non capire: qui si invoca la libertà? Benissimo! Allora ognuno è libero di comprarsi i DVD che vuole! Qui nessuno obblica i denigratori di questo film ad acquistarne il DVD. Che però i denigratori non rompano le scatole a chi invece questo film lo apprezza e ne attende da tempo l'uscita in digitale.
Punto.
[John Trent]
129 - condivido emmeci 05.05.2003 11:20
se le cose stanno effettivamente così, allora io dico che uccidere VERAMENTE animali per far cassetta è orrendo ...
Dvdweb toglilo dal catalogo
[marvel_200]
130 - bene 04.05.2003 23:09
“Caro” Nolan72, chiudo definitivamente, con quello ch esegue, i miei interventi su questo “prodotto della natura umana” che tu chiami cult, in maniera sicuramente più serena e non a caldo come la sera scorsa.

Per quanto riguarda la libera espressione di una opinione mi pare di non dover dire null’altro tranne che: anche non aver visto, pur conoscendolo ed avendone sentito ampiamente parlare, il film (?) in questione è stato non solo esprimere una libera scelta ma cercare di influenzare civilmente la non produzione di tali aberrazioni, in quanto, vederlo al cinema, affittarlo o comperarlo significa finanziare direttamente o indirettamente tutte le persone “complici” della produzione e diffusione.

Inoltre io non mi sento affatto insultato se qualcuno critica aspramente ma civilmente un film o un libro che a me piace cerco di fare mie le considerazioni altrui… e spesso, purtroppo, in quanto umanamente fallibilissimo ho dovuto ricredermi e variare le mie posizioni. In caso contrario mi tengo le mie idee e amen. Quindi non credo di averti mancato di rispetto in ciò.

Per quanto riguarda le componenti violente in un film, avevo già precisato che le trovo assolutamente logiche se legate alla denuncia, alla critica, al reportage ecc… ma non fine a se stessa… anche queste, potrei accettarla, come libera espressione (attenzione accettarla senza condividerla) e parlo di omicidi stupri ecc … quando chiaramente però FINTI. Purtroppo nell’oggetto di questo contendere (Dio Santo non riesco a definirlo in un modo accettabile), ci troviamo davanti all’uso di un essere vivente SEVIZIATO ed UCCISO senza scopo alcuno se non quello di portare soldi ai suddetti registi (?) ed attori (?) ( mi perdonino dell’accostamento tanti registi ed attori).

E non chiuder la faccenda dicendo che sono cose passate .. perché anche l’olocausto degli ebrei, le guerre, gli eccidi in URRS e Cile ecc… sono cose passate … ma certo chiudiamo gli occhi… (lo so l’accostamento è sproporzionato ma voluto). Poi sul fatto che determinati tipi di film influenzino la violenza non lo dice uno come il sottoscritto ma persone che ne sanno un tantinello più di me (e di te).

Per chiudere io non sono un attivista animalista ma comunque uno che ha sempre fatto di tutto per evitare le sofferenze agli animali, sia per come vivo, per come mi comporto e per come lavoro… inoltre, per passione, da oltre venti anni ho letto, visto ed ascoltato tutto ciò che posso sul sud america, sulla sofferenza dei nativi sudamericani e delle popolazioni non autoctone.. la storia e soprattutto la natura meravigliosa di quel continente. Tanto stuprato dall’occidente ed dai “Deodato” del caso (in minima parte ovvio non diamogli più importanza di quella che realmente ha).

Peraltro informandomi ulteriormente ho appreso di altre perle della produzione di Deodato quali: gungala la pantera nuda, ondata di piacere, ultimo mondo cannibale, lone runner (ahahhaha) , mamma ci penso io ecc…

Noto comunque con piacere che hai evitato di commentare e rispondere ad alcune cose che precedentemente ho scritto.

Ti auguro di vedere molti altri “prodotti” come questo (anche se ovviamente realizzati con effetti speciali e non per pochezza di mezzi e di capacità con la vita di animali innocenti) ed auguro a me di vedere altri film, come il già citato “Qualcuno volò sul nido del cuculo” carico di violenza ma teso a denunciare ed a farmi riflettere.

The end.

P.S: sarebbe bello davvero che siti che considero seri come DVDWEB non commercializzassero il dvd in questione ma sono un sognatore romantico.
[emmeci]
131 - ok. 04.05.2003 14:48
ho capito caro emmeci, manda pure mail di protesta a chi ti pare e non perdere più i tuoi preziosi 35 minuti. Dico davvero, tanto tu hai i tuoi metri di paragone (e ci mancherebbe) ed io i miei.
Io il mio parere l'ho detto, tu anche, e va bene così. Denuncia chi ti pare ed esercita i tuoi diritti.
Cmq hai ragione sul fatto che dire 'non comprate questo film' è espressione di libertà, io dico solo che è una cosa davvero insopportabile che uno dica questo soprattutto quando non HAI visto il film e poi mettiamoci anche il rispetto verso chi di questo film è appassionato.
Mi verrebbe anche da dirti che se per te un film dove è forte la componente violenta e ci sono scene forti come stupri etc. davvero incitano a questi comportamenti le persone che lo guardano è molto grave, praticamente neghi alle persone una loro coscienza... tutti a guardare biancaneve così siamo in una società più tranquilla e buona.
Davvero, facciamo tutti come te, mandiamo sul mercato solo le cose che CI stanno bene dai, evviva la LIBERTA'...
e poi denuncia DAVVERO chi fa violenza agli animali non fare il bravo bambino solo adesso...
[nolan72]
132 - bravo 03.05.2003 10:05
Condivido pienamente le tue parole, a volte ci si dimentica che l'arte va rispettata senza ipocrisie, è perfettamente inutile parlare di cult, la gente a volte si esalta o si deprime troppo a sentire e a leggere questa parola.
Il gusto è soggettivo, la critica è democratica, meglio se apolitica e soprattuto è difficile che tutti i generi piacciano a tutti gli individui.
Il vero cultore di cinema (pardon per cultore), deve guardare con occhio libero e rilassato ogni pellicola.
Criticare ma non disprezzare e sopratutto mai essere falsi moralisti.
IL CINEMA NON MRITA QUESTO.
Comunque cannibal holocaust è un Cult.
[anubis]
133 - sono stato male a leggere questo... 03.05.2003 00:34
Luca Barbareschi ora è diventatio un animalista...

Cannibal Holocaust e' anche tristemente famoso per le scene di violenza sugli animali. Come hanno reagito gli attori durante la realizzazione di quelle sequenze?

'...Abbastanza male. Beh, per quel che riguarda il topo muschiato, niente, anche perche' veniva ucciso da una comparsa; Barbareschi non ha avuto particolari problemi ad ammazzare il maialino, mentre per la tartaruga Perry Pirkanen piangeva. La tartaruga l'abbiamo uccisa secondo lo stesso rituale effettuato dagli indios, quindi eravamo abbastanza preparati. Quello che sinceramente a me ha fatto piu' impressione sono state le scimmie. C'e' la scena in cui gli indios ammazzano la scimmia e le succhiano il cervello. Noi avevamo quattro scimmiette di riserva. Quando tagliammo la testa ad una le altre quattro sono morte di crepacuore (e' visibilmente turbato, ndr).
Quella e' stata la cosa più atroce...'

http://utenti.lycos.it/ICH/animaliecannibali.htm
[emmeci]
134 - io davvero non credo a quello che leggo 03.05.2003 00:00
premesso che dire dio non comperare il film 'è una manifestazione di liberta' ... cosa che purtroppo leggo sconosciuta, sono davvero allucinato.

Ho perso, anzi gettato alle ortiche 35 minuti... ed ho trovato 137 siti e/o forum in cui si dicono esattamente le stesse cose su questo 'CULT MOVIE'.. e non è che mi sono impegnato molto ne sull'estero ne con ricerche boleane e similari... solo siti italiani trovati con 2 motori di ricerca.

E tutti che si scagliano contro la violenza becera e gratuita e sulle sevizie sugli animali, per le quali, il regista (Dio lo ho chiamato regista', per sua stessa ammissione fu pure condannato. (Intervista)

Bene ma la cosa che davvero mi lascia costernato è leggere che questo novello Spielberg adesso diventa persino un fine ricercatore dei riti tribali.
Certo lui ha fatto questo capolavoro di film per poi devolvere l'utile agli Yanomami, agli Jivaros, macuxì, wapixana, taurepang, ingarikò ecc.. ecc...

Avrà certamente girato il sud america vero ... tra Belem e Manaus e il rio negro.... certo tutto per poi mettere sotto gli occhi di un pubblico raffinato di Antropologi ed Etnologi le sue risultanze.

La siffatta opera d'arte, che ha consentito al nostro mitico regista ovviamente di produrre ulteriori numerosissime opere pluripremiate...

Chiudo solo con una cosa... non una sola vita anche animale vale una qualsiasi attività ludica... tantomeno a scopo di lucro...

E l'incitamento alla violenza gratuito... stupri violenze carnali...

Accidenti non ho davvero più parole...

Che schifo.

P.S: Ho esercitato un mio ulteriore diritto, ho segnalato via mail a diverse associazioni la messa in commercio del film di cui stiamo discutendo.

Fine.
[emmeci]
135 - non capisco... 02.05.2003 21:06
Caro emmeci ma tu davvero affermi il diritto di ogniuno ad avere propri gusti e liberta di esprimere opinioni (cosa che ovviamente condivido anche io in pieno) e poi con naturalezza te ne esci con un bel messaggio di non comprare il film solo per cose lette su un sito tra i milioni di internet. Ma perfavore! Hai detto un concetto ed il contrario in soli 2 messaggi...
Almeno prima di parlare guardati il film o, se proprio non ce la fai, evita di scrivere commenti o addirittura di dire alla gente cosa comprare o non comprare.
La violenza sugli animali nessuno la condivide ma anche se ti dicessi che Cannibal Holocaust è l'unico dove l'uccisione di alcuni di questi avviene con e secondo i riti millenari delle tribù amazzoni non servirebbe a niente, tanto tu, uomo di profonde convinzioni di libertà, hai già decretato la tua legge assoluta.
E poi a me non me ne fregherebbe niente se tu non te lo comprerai, i tuoi gusti io li rispetto, è solo che non accetto chi decreta chi dovrebbe o chi non dovrebbe fare qualcosa e perlopiù dal sentito dire.
Ce ne fossero di film senza falsi moralismi e senza maschere di perbenismo come questi oggi...
[nolan72]
136 - ops ops ops... 02.05.2003 19:50
guardate cosa ho trovato nella rete...

'...Cannibal Holocaust è tra i più cult degli oggetti cinematografici di culto italiani, con un plusvalore rispetto ai colleghi: il non essere, “oggettivamente”1, un “brutto film”2. Se infatti la maggior parte degli horror-cult nostrani si fanno ricordare solo per sporadici raccapricci e cast da circo3, il film di Deodato offre qualcosa di più, senza peraltro rinunciare ai succitati attributi; abbondano infatti i pugni nello stomaco visivi4 e “morali”5 e il cast ha dalla sua chicche non disprezzabili, come la presenza del pornoattore Robert Kerman o quella di un giovane Luca Barbareschi che stupra e mutila persone (per finta) e uccide animali (per davvero), ma non si possono non constatare una costruzione drammatica sapiente, o quantomeno furba, e uno strisciante humour nero che satireggia cinicamente la moda dei “mondo movies” di Jacopetti, Prosperi & C... '

Pronoattore Robert Kermann...
Pugni nello stomaco visivi e morali..
Persone stuprate e uccise per finta
e... UCCIDE ANIMALI PER DAVVERO????

Vergogna vergogna vergogna...

Ritiro tutto quello che ho detto nel precedente post...

Chi legge queste cose... chiunque... non dovrebbe comperare il FANTOMATICO CULT...

Che schifo!
[emmeci]
137 - alura... 02.05.2003 19:40
affermazioni ammantate di rozza superficialità...
che non mi tangono affatto (non sembra)...
pressapochismo e goffaggine...

io non ho detto che nessuno si deve vergognare dei propri giusti e delle proprie idee e, premesso che non ho citato 'apocalypse now' e 'via col vento' solo perchè avrei scritto ed annoiato per una settimana, elencando decine di titoli, va anche detto che non ho dato del rozzo o del presapochista a nessuno! ...tantomeno conoscendolo solo per un post.

Rozzo io trovo non tollerare l'altrui opinione, di chi ha esercitato libero diritto di critica.

Fatte tutte ste noiosissime premesse posso solo rimarcare che un film fatto di becera violenza senza giustificazione alcuna, ne filosofica, storica, di denuncia, o almeno 'artistica' (ma qui siamo già stiracchiati)... PER ME, non rientrerà mai nei CULT o nella categoria dei CAPOLAVORI... in fondo alla stessa epoca furono film CULT dei film Real Horror, o come c...o si chiamavano non lo so nei quali si proiettavano cani gettati in pasto agli squali, scimmie squartate ecc... era CULT e i ragazzini facevano la fila per vederli al cinema nonostante fossero anche vietati ai miniori (mentre andavano vietati ai minorati).

Detto questo io non mi permetterò mai di giudicare la persona che esprime una opiniaone ma nessuno pottrà mai impedirmi di esprimere la mia.

Molto semplice ci sarà chi si comprerà Cannibal qualchecosa e se lo gusterà in ogni singola scena mentre io nel mio pressapochismo e rozzaggine mi gusterò 'Qualcuno volò sul nido del cuculo'

Viva la libertà.

Sempre... sempre... sempre.
[emmeci]
138 - Cerchiamo di essere seri... 02.05.2003 17:21
Non capisco perchè debbano gioire tranquillamente per l'uscita in DVD senza che nessuno fiati solo gli estimatori di registi underground sconosciuti e sfigati con le loro opere definite 'cult' (senza offesa, ovviamente) mentre noi appassionati del cinema di genere italiano dobbiamo quasi vergognarci o addirittura giustificarci se attendiamo con ansia l'uscita di un film fondamentale come Cannibal Holocaust.
Non vedo cosa c'entri poi il tirare in ballo titoli come Il colore viola o Blade Runner dicendo che questi sono capolavori (perchè non citare anche Via col vento o Apocalypse now allora!) e liquidare Cannibal Holocaust definendolo una porcata; queste sono semplicemente affermazioni ammantate di rozza superficialità che personalmente non mi tangono affatto. Ognuno ha i suoi gusti, però cerchiamo di non sfociare nel pressappochismo e nella goffaggine.
[John Trent]
139 - Cannibal Holocaust è un cult 02.05.2003 14:34
La verità, forse, a troppe persone fa male. Cannibal Holocaust è un cult a tutti gli effetti. Perchè la sua storia è leggenda e in ogni parte del mondo ha parecchi estimatori. Ha anticipato il più grande successo indipendente di tutti i tempi (la strega di Blair) e il suo messaggio politico è fortissimo e attuale.
Non guardatelo solo con la rabbia per la violenza (da condannare) sugli animali, ma cercate di coglierne i significati, perchè il film li ha. Grande musica, storia intrigante, il film è una discesa all'inferno senza ritorno!.
[Mr. F]
140 - mi dispiace... 01.05.2003 01:25
Vedere dei commenti comme quello di Asufel che, oltre ad essere davvero poveri di contenuto hanno pure l'arroganza di liquidare con un semplice 'porcata' film fondamentali come questo.
Ok, i gusti sono gusti, ed io ovviamente non nascondo di essere un fan del film in questione ma ugualmente non accetto offese buttate lì senza uno straccio di motivazione.
Per me è un capolavoro, per altri no, ma è innegabile che Cannibal Holocaust sia un prodotto che dal lato tecnico ha fatto scuola nel mondo con uno stile decisamente originale per i tempi, una regia geniale, una fotografia notevole e delle musiche indimenticabili di un grande del cinema italiano come Riz Ortolani.
Un film sul quale si è detto tutto ed il contrario di tutto con mille leggende metropolitane che sono girate negli anni successivi. Certo è molto violento in alcune parti, ma tutto rientra in una visione di insieme che ti disturba ma che ti fa riflettere.
Sul filone cannibalistico c'è molto di peggio, credimi.
Anche il grandissimo Sergio Leone (di cui sono un ammiratore smisurato) riconobbe la grandezza artistica del film come riconobbe anche che avrebbe avuto mille problemi con la censura (ed ebbe ragione).
Un film comunque di grande valore che finalmente verrà reso alla storia in versione digitale e, si spera, integrale.
[nolan72]
141 - se questo è un capolavoro... 01.05.2003 00:15
vi invito a cercare il mitico 'virus'... e chi più ne ha più ne metta...

gente ma se questi sono capolavori...

... dico tre titoli a casaccio....

Il colore viola, Il mio piede sinistro e , che so, Blade Runner che sono?

mah...
[emmeci]
142 - Asufel 30.04.2003 13:15
Vabbè che i gusti son gusti però definire un capolavoro questo porcaio mi sembra eccessivo...anche se devo ammettere che un capolavoro lo è, ma di schifezze però...

Mah?!?!...
[Asufel]
143 - sono commosso... 29.04.2003 21:58
Davvero questa sarà una data storica per il dvd in Italia! un film capolavoro del cinema Italiano, di quel cinema 'di genere' che ci ha regalato dei piccoli gioielli che poi hanno ispirato tutto il cinema mondiale e di cui NON possiamo dimenticarci che esce finalmente in dvd qui nel nostro mercato.
E che extra! si preannuncia un dvd incredibile, con documentario esclusivo sulla realizzazione, commento audio (sentirò un commento italiano, tra poco piango...) del regista, rimasterizzazione dal negativo originale integrale del film e molto altro...
davvero incredibile il lavoro che si appresta a fare la giovane ma vitale 'Alan Young Pictures'.
Speriamo che non sia solo un piccolo sasso lanciato nello stagno immobile dei dvd tricolori.
E adesso davvero inizia l'attesa...
[nolan72]
144 - Finalmente! 22.04.2003 22:03
Lo aspettiamo con ansia!
Grande Deodato!
Luke
[...]

Lascia il tuo commento!



Newsletter

Unisciti alla nostra newsletter

GRATIS PER TE le news sempre aggiornate, le nostre offerte speciali e gli omaggi esclusivi!





Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali




DVDb

Db New Db Update
Già Usciti In Uscita


Top 10





© 1999-2023 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy - Privacy Policy