dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.
L'Era Glaciale 5. In Dvd e Blu-Ray da Dicembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it L'Era Glaciale 5! In Dvd e Blu-Ray da Dicembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it

Spedizione gratuita! Scopri come!



. Your Name di Makoto Shinkai al cinema! (7/12)
. Star Trek Roddenberry Vault nel dettaglio! (6/12)
. Quattro chiacchiere con... Opium Visions! (5/12)
. The Witch: l'Ombra della Strega! (2/12)
. Paradise Beach: Natale con gli squali! (1/12)
. Blu-Ray di Zombi: non è finita... (30/11)
. Lo Star Trek inedito e la serie animata! (29/11)
. Mad Max come non lo abbiamo mai visto! (16/11)
. L'Anello chiude il cerchio: tutto Tolkien in cofanetto! (15/11)
. Lights Out: l'horror spegne la luce! (14/11)



Iscriviti a DVDLog!

GRATIS tutte le notizie dal mondo del DVD!



 Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali

posted: 24.05.2016 @ 16:24

Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...

...e lui nel frattempo produce il nuovo Halloween!


Davide Z reporting...

 Sembra ieri che eravamo letteralmente in quattro gatti a osannare John Carpenter. Penso che un primo spartiacque nella considerazione generale sia stata la monumentale retrospettiva del Torino Film Festival del 1999: prima di allora, infatti, il Maestro poteva continuare a bullarsi con l'ormai celebre frase degli americani che lo consideravano un fallito mentre i francesi un autore e gli inglesi un semplice regista di horror...

Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...


 Poi è diventato più difficile, perché nel frattempo il mondo è andato avanti e la generazione di noi che lo sapevamo già è cresciuta, è diventata visibile, e ha portato in dote il suo sconfinato amore carpenteriano, diventato moneta corrente per ogni appassionato di cinema.

 Il particolare curioso, però, è che tutto questo è avvenuto mentre il regista si ritirava dalle scene. Fantasmi da Marte, nel 2001, è stato l'ultimo film realizzato nel furore creativo di un'uscita ogni due-tre anni: da lì in poi solo sporadiche apparizioni, con i due episodi dei Masters of Horror e lo "sfizio" del delizioso The Ward, da lui non a caso definito "un horror vecchia scuola da un regista della vecchia scuola".

 Ma, come dice il proverbio, chiusa la porta si spalanca il portone: l'addio (momentaneo?) alle scene non ha significato infatti la fine della carriera per il regista americano, che continua a produrre sotto nuove forme: il fumetto John Carpenter Asylum, gli splendidi album musicali Lost Themes e Lost Themes II e ora anche un tour musicale, che farà tappa pure in Italia a fine Agosto (il 26 a Torino e il 28 a Roma).



 (Qui sopra un estratto dalla prima tappa di Los Angeles)

 Tutto questo ha contribuito a rimettere il nome di John Carpenter sull'agenda della Rete e fra quelli che hanno raccolto l'onore di omaggiare il Maestro c'è anche il grandissimo Guillermo Del Toro, che con la sua solita generosità ha postato su twitter una serie di commoventi dichiarazioni:


 
Quando penso a John Carpenter, mi stupisco del fatto che lo diamo per scontato. Com'è possibile? Perché lo facciamo? Lui è come il fulmine nella bottiglia (riferimento a un esperimento di Benjamin Franklyn, la metafora è usata per indicare una cosa/persona straordinaria)



 
Distretto 13 di John Carpenter. Carpenter flette i muscoli, rivitalizza gli archetipi del Western e stabilisce i suoi.



 
Halloween di John Carpenter. Una supernova per il genere. Crea una categoria tassonomica che ancora continua. Precisione assoluta, semplicità e eleganza.


 
Nota a margine: Si sia tutti d'accordo sul fatto che Carpenter è un eccellente sceneggiatore/regista. Merce rara. Un vero autore. Oh, e un compositore benedetto.



 
Fog di John Carpenter. 1/2 Uno dei miei preferiti. Una miscela originalissima di horror popolare nella sua forma più pura e componente metaforica.



 
Fog di John Carpenter. 2/2 Il film funziona come le colonne sonore di JC, attraverso gli scambi di una punteggiatura ritmica. La sua origine rivela una vena letteraria in JC.



 
Le colonne sonore di Carpenter fluttuano come i suoi film. Ascoltatele attentamente: incarnano perfettamente lo spirito dei suoi film: sono la voce definitiva della sua caratura autoriale.



 
(questo è un tweet di risposta) Oltre al fatto che lui cita verbalmente Machen, il film ha il sapore delle opere di Hope Hodgson, Machen, Hawthorne, Washington Irving, eccetera, con la verve del film di serie B.



 
Seconda nota a margine: a John Carpenter non frega un accidenti se ci piacciono o meno i suoi film



 
(questo non serve che lo traduca :-)



 
La Cosa di John Carpenter. 1/4 Un film che sovverte le regole (di nuovo) e uno dei più bei film horror mai fatti. Imbattibile. Il Santo Graal.



 
La Cosa di John Carpenter. 2/4 Effetti speciali di trucco, colonna sonora, fotografia, scenografia, design sono tutti di perfezione assoluta. Ma così è anche la sceneggiatura.



 
La Cosa di John Carpenter. 3/4 l'ironia è che la maggior parte dei recensori dell'epoca furono totalmente ciechi per quanto riguarda le virtù della storia e dei personaggi.



 
La Cosa di John Carpenter. 4/4 Il film andò male al botteghino e fu anche maltrattato (a livello di critica). E credo che questo abbia spezzato il cuore a Carpenter in qualche modo. Fuck them all [anche qui non serve traduzione... :) ]



 
La Cosa di John Carpenter 5/4 Carpenter sceglie (come Scott in Alien) di definire i personaggi e la storia attraverso codici audio-visivi e...



 
La Cosa di John Carpenter 6/4 ...le loro interazioni. Gli spettatori devono prestare attenzione al modo in cui i personaggi si relazionano tra loro e parlano. La struttura...



 
La Cosa di John Carpenter 7/4 ...non è confezionata ordinatamente in una modalità predefinita e digeribile. Il film era fibra, non cibo facilmente commestibile. Dovevi masticare [per assaporarlo]...



 
La Cosa di John Carpenter 8/4 ...ma [a quel tempo] eravamo nel pieno della cinematografia pre-masticata. Ora DOBBIAMO espiare per gli errori del passato. Capolavoro



 
Aneddoto 1/2: Una sera, dopo cena, ho detto a John Carpenter, quanto tutte le generazioni amino La Cosa. Quanto fosse straordinario il fatto che...



 
Aneddoto 2/2: ...con il passare del tempo abbia "trovato il suo pubblico" e fosse ora riverito. "Che diavolo pensi che me ne faccia” disse. Così ordinammo il dessert.



 
Pensiero finale della giornata: Carpenter crea un capolavoro dopo l'altro e spesso vengono tutti ignorati. Ora, andate alla vostra chiesa dei bluray e pregate.



 
Sempre a proposito di Carpenter: tutti noi trattiamo il tema delle ineguaglianze nei film. Possiamo aggiungerne un altro molto grosso: l'ineguaglianza dei generi. L'horror sarà sempre punk rock!


 (e mi fermo qui, ma a quanto pare Del Toro sta continuando e continuerà questo elenco di micro-recensioni, tenete d'occhio storyfy che sta seguendo gli aggiornamenti :-)

 A corredo di questa entusiasmante uscita di Del Toro, giunge oggi la notizia che John Carpenter sarà anche in sella al nuovo sequel di Halloween: dopo anni spesi a "collezionare gli assegni", il regista si è infatti lasciato convincere da Jason Blum della Blumhouse (la fortunata factory horror) per fare da produttore esecutivo al prossimo capitolo della saga, per il quale (forse) realizzerà anche la colonna sonora insieme al figlio Cody:



 Qui sopra, da sinistra: Zanne Devine (Miramax), Malek Akkad, John Carpenter, Jason Blum, David Thwaites (Miramax). Sotto le dichiarazioni del Maestro:
 
E così... mi sono deciso, dopo aver protestato per anni contro i seguiti di Halloween, a salire a bordo e fare da guida per questo progetto. Fornirò aiuto e supporto al regista, e dal momento che siamo qui io, Malek Akkad e la superstar dell'horror Jason Blum, cosa può andare storto? Così, perlomeno ci proveremo.

 Va precisato che le coordinate del film non sono state ancora definite, ma sembra chiaro che non si seguirà la storyline inaugurata dal remake di Rob Zombie, per una storia che torni alle origini, più concettualmente che narrativamente (personalmente mi aspetto un film autonomo che segua le linee guida dell'originale senza particolari arrovellamenti dovuti alla continuity).

 Insomma, il Maestro è più attivo che mai e se non lo rivedremo di nuovo dietro la macchina da presa, possiamo stare quantomeno tranquilli che è ancora in giro e non ha intenzione di mollare. Lunga vita a John Carpenter!!!




A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...

Inizia una nuova discussione!Tutti i 6 messaggiEntra nel Cafè


JOHN CARPENTER : uno dei più grandi in assoluto
[Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...]

By: Blade 80

Posted: 27.05.2016 @ 23:26
Sono perplesso su questo annuncio. Ormai è di moda ripescare vecchi classici...

JOHN CARPENTER : uno dei più grandi in assoluto
[Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...]

By: Arkangel

Posted: 26.05.2016 @ 10:47
Giusto Coach, lui più di tanti altri tra i quali l'altalenante Ridley Scott (ovviamente ALIEN e BLADE RUNNER sono intoccabili 😉)

Re: Re: JOHN CARPENTER : uno dei più grandi in assoluto
[Tutti amano John Carpenter (anche Guillermo Del Toro)...]

By: coach

Posted: 26.05.2016 @ 08:49
Io ho sempre considerato Carpenter un autore al 100%, lui più di tanti altri...


© 1999-2016 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy