dvdweb.it utilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie. Per maggiori informazioni su come usiamo i cookie, clicca qui.
Star Trek Beyond. In Dvd e Blu-Ray da Novembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it Star Trek Beyond. In Dvd e Blu-Ray da Novembre 2016! Prenotalo ORA su www.dvdweb.it

Spedizione gratuita! Scopri come!



. Quattro chiacchiere con... Opium Visions! (5/12)
. The Witch: l'Ombra della Strega! (2/12)
. Paradise Beach: Natale con gli squali! (1/12)
. Blu-Ray di Zombi: non è finita... (30/11)
. Lo Star Trek inedito e la serie animata! (29/11)
. Mad Max come non lo abbiamo mai visto! (16/11)
. L'Anello chiude il cerchio: tutto Tolkien in cofanetto! (15/11)
. Lights Out: l'horror spegne la luce! (14/11)
. Arrow ingrana la quarta... e Flash lo segue! (11/11)
. Jena Plissken tedesco fugge più di tutti! (10/11)



Iscriviti a DVDLog!

GRATIS tutte le notizie dal mondo del DVD!



 Ho letto l'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali

posted: 25.10.2013 @ 11:22

Le edizioni digitali de La grande bellezza

Da Warner, in attesa degli Oscar


Davide Z reporting...

 E' notizia di qualche settimana fa che La grande bellezza è candidato a rappresentare l'Italia ai prossimi Oscar, quindi ne approfitto per segnalarne l'uscita digitale, fresca fresca da Warner.

Le edizioni digitali de La grande bellezza


 Il film di Paolo Sorrentino, sorta di Dolce vita per un nuovo millennio, è descritto talmente bene nelle note di presentazione che non posso fare altro che riportarle :-)
 
Tutta la fatica della vita, travestita da capzioso, distratto divertimento. Un’atonia morale da far venire le vertigini. E lì dietro, Roma, in estate. Bellissima e indifferente. Come una diva morta.


 Per celebrare il film, Warner ci offre un Blu-Ray Disc con audio DTS-HD Master Audio 5.1, e un'edizione Speciale 2 DVD in Dolby Digital 5.1.

 In entrambi i formati, sono compresi i seguenti extra:
  • Backstage
  • Foto
    • Galleria fotografica
    • Galleria street casting sul progetto speciale di ricerca delle comparse
  • Trailer
  • Teaser


 Non è finita! Per celebrare il regista, esce anche un cofanetto antologico da 6 DVD, Paolo Sorrentino – La collezione completa, che raccoglie tutti i suoi lungometraggi, ovvero:  Ironia della sorte, nel cofanetto La grande bellezza è presente in modalità disco singolo e quindi è l'unico film della raccolta a essere privo di extra.




A presto con nuove, curiose anticipazioni!
Ricevi GRATIS nella tua casella di posta le news dal mondo dell'intrattenimento digitale solo con DVDLog, la newsletter by DVDWeb.IT. Non perdere tempo, iscriviti subito!
  

Cafè 2.5 - I vostri commenti...

Le edizioni digitali de La grande bellezza

Inizia una nuova discussione!Tutti i 8 messaggiEntra nel Cafè


Re: Cinema italiano medio(cre)
[Le edizioni digitali de La grande bellezza]

By: fabri

Posted: 29.10.2013 @ 13:45
Beh, io ho detto medio per essere generoso, non volevo sembrare troppo pessimista.
In quanto a La ragazza del lago è sicuramente un film esageratamente sopravvalutato come molti altri (il finale poi è orrendo).
Non è che amo i film di Servillo (Gomorra l'ho detestato, con buona pace di Scorsese, che ci avrà visto?) ma amo la recitazione di Servillo.
Poi ognuno ha i suoi gusti.
Pure Tornatore, è dotatissimo dal punto di vista tecnico ma per il resto, il suo cinema cade anche nella volgarità (ricordiamoci certe scene del mediocre L'uomo delle stelle, che è arrivato pure agli Oscar).
Anche io amo Fantozzi, vedendo certi film comici di oggi mi è infatti venuta la voglia di rivedere tutti i film che ultimamente avevo trascurato.
Però al di la della critica anche certo pubblico si entusiasma, guarda i filmati postati in rete de La grande bellezza, molti lo definiscono capolavoro, ma non solo quello, pure una mattonata come Cuore Sacro viene definito così.
Valli a capire.
Ciao

Cinema italiano medio(cre)
[Le edizioni digitali de La grande bellezza]

By: Lolly

Posted: 29.10.2013 @ 02:30
@fabri: ciao, per me il cinema italiano odierno più che medio è medio(cre).
Ci potrebbe anche stare, solo che mi piacerebbe non drenassero soldi allo stato: se i film non si facessero "aggratise", per legge di mercato emergerebbero i migliori, e non sarebbero spinti i figli di... parenti di ... amici di.. come tutti (ed altri) i registi che hai nominato (potrei fare nomi e citare le connessioni, divertitevi a cercarle).
Tutti osannati dalla critica nostrana, sappiamo perché: se ti invitano in albergo spesato e pagato, parleresti male di chi ti dà da mangiare? Qualcuno riesce a parlar bene pure di "Tulpa" (cose da pazzi, ma ci ha pensato il sito di Asso a stroncarlo in maniera scientifica).

Poi vanno all'estero, fanno figure barbine e hanno pure il coraggio di lamentarsi... e non è questione di invecchiare... è che proprio non c'è più stile.
La chiusura di "C'era una volta il West" è epica, girata bene, la ferrovia, i rumori sullo sfondo, i titoli di coda, la musica.... da brividi.
Poi ne vedi la scopiazzatura alla fine di "Baarìa" e te metti a ride: "Ma che se crede, d'aver girato "C'era una volta a Bagherìa?".. ma per piacere... lì se sparavano ogni 3x2, qua se lanciavano du' trottole..." :-D

Riguardo l'estero, staranno messi similmente ma un minimo di coraggio e inventiva ogni tanto arrivano o provano nuovi mix di cose già viste ("Moon"? "Oblivion"?), e almeno non sono sempre i soliti polpettoni intimisti o commedie sgangherate. E non dimentichiamoci del Far East, secondo me sarà la nuova frontiera.

Riguardo Checco Zalone, manco a me fa ridere: e poi criticano Fantozzi... meglio diecimila volte la slapstick comedy a 'ste cose qua. Poi vedi Carnage di Polanski e capisci che la commedia (quella vera) è un'altra cosa: lo consiglio a chiunque voglia imparare come si fa il Cinema.

Circa Servillo: vabbé, io proprio non lo sopporto. Lavora troppo "per sottrazione" (posto che sia voluto...), e sceglie film molto brutti: d'altronde è sotto contratto pure lui. Se poi ti è piaciuto quel polpettone de "La ragazza del lago", beato te... ;-) Ciauz.

Cinema italiano medio
[Le edizioni digitali de La grande bellezza]

By: fabri

Posted: 29.10.2013 @ 00:40
C'è poco da fare ormai ci dobbiamo abituare ad un cinema italiano medio.
Scordiamoci i capolavori, non ci sono più attori e autori all'altezza di quelli del passato.
Ci vogliono convincere che non è così, ci sono i critici (non tutti,ma quasi) e certo pubblico che probabilmente ha visto poco cinema che si entusiasmano ai film di Benigni e Moretti o dei tanto osannati nuovi autori (Garrone, Sorrentino, Muccino, Ozpetek, questi ultimi due i più sopravvalutati, e compagnia bella).
Per quanto mi riguarda vedo tutto sempre ben disposto, ma perchè non c'è mai un film degli ultimi 20 anni che ho voglia di rivedere e alla fine mi ritrovo ad emozionarmi o divertirmi con i film del passato?
Certo non è che all'estero stanno messi molto meglio, credo che il problema sia che al cinema ormai si è raccontato tutto ed è difficile raccontare il presente o trovare storie fantastiche nuove.
I comici poi... Checco Zalone riempie le sale, che dire?
Mi spiace essere pessimista, ripeto, io vedo tutto, ma proprio i film di oggi non mi emozionano più, sarà un mio problema, boh?
Si forse sto invecchiando, comunque Servillo è un grande (anche nel cinema) lui è l'unico che mi cattura, è un piacere vederlo recitare.


© 1999-2016 Shock! Solutions SRL - P.IVA 01740890460 - Tutti i diritti riservati - Cookie Policy